Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
   Attualità
   Carte deontologiche
   CASAGIT
   Corte di Strasburgo
   Deontologia e privacy
   Dibattiti, studi e saggi
   Diritto di cronaca
   Dispensa telematica per l’esame di giornalista
   Editoria-Web
   FNSI-Giornalismo dipendente
   Giornalismo-Giurisprudenza
   I fatti della vita
   INPGI 1 e 2
   Lavoro. Leggi e contratti
     » Lettere
   Ordine giornalisti
   Premi
   Recensioni
   Riforma professione
   Scuole di Giornalismo e Università
   Sentenze
   Storia
   Tesi di laurea
   TV-Radio
   Unione europea - Professioni
  Documenti
Lettere
Perucchini confermato presidente dell’Associazione lombarda dei Giornalisti (Alg).  (15/02/2019)
Cdr di "Il Giornale": la trattativa con l'azienda non avanza. Il taglio delle retribuzioni prospettato è del 30%, una misura insostenibili per i bilanci familiari dei giornalisti e degli altri dipendenti. Il Cdr esprime profonda insoddisfazione anche riguardo alle risposte, tanto vaghe da apparire evasive, che nell’ultimo incontro l’azienda ha fornito in tema di incentivi economici alle dimissioni volontarie. MINACCIA DI SCIOPERO SOTTO LE ELEZIONI.  (15/02/2019)
VIAGGIO IN ITALIA: LA CORTE COSTITUZIONALE NELLE CARCERI. SILVANA SCIARRA IL 15 FEBBRAIOA FIRENZE SOLLICCIANO.  (14/02/2019)
L’arte di comunicare e il mestiere di scrivere. a cura di Suor Maria Triglia  (14/02/2019)
Addio a Luigi Lazzi Gazzini, giornalista principe dei conti pubblici. Giornalista gentiluomo e grande esperto di finanza pubblica, Lazzi Gazzini è scomparso ieri – I suoi articoli sul Sole 24 Ore erano un punto di riferimento per parlamentari, Governo, tecnici e colleghi – Le condoglianze di FIRSTonline (e di francoabruzzo.it) alla famiglia. di Guido Compagna/firstonline  (14/02/2019)
CORRIERE DELLA SERA. Il cronista. Paolo Borrometi, vita sotto scorta. «Paura? Sì, ma non mi fermo».  (13/02/2019)
Sono diventate sei in poco più di un mese le sentenze con cui la Cassazione ha bocciato il cd. "contributo di solidarietà" - o taglio delle pensioni degli iscritti - delle Casse previdenziali privatizzate non espressamente previsto per legge, ma deciso da una delibera di un singolo ente avallata dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Dal 2004 ad oggi le sentenze sono 35, tutte avverse alle Casse. Pubblichiamo la più recente (la n. 603/2019). di Pierluigi Franz  (15/01/2019)
Sono diventate cinque in un mese le sentenze con cui la Cassazione ha bocciato il "contributo di solidarietà" delle Casse previdenziali privatizzate non previsto per legge, ma deciso da una delibera di un singolo ente avallata dal ministero del Lavoro. Pubblichiamo il testo di questa sentenza e delle altre quattro.  (12/01/2019)
Per la quarta volta nel giro di un mese la Cassazione ha bocciato il "contributo di solidarietà" delle Casse previdenziali privatizzate non espressamente previsto per legge, ma deciso da una delibera di un singolo ente avallata dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Lo ha ribadito sezione Lavoro della Suprema Corte, presieduta da Antonio Manna, con sentenza n. 180 dell'8 gennaio 2019, redatta da Enrica D'Antonio. Pubblichiamo la sentenza. di Pierluigi Franz  (11/01/2019)
PENSIONI. DIRIGENTI E ALTE PROFESSIONALITA', VENERDI’ 14 MANIFESTAZIONE CONTRO GLI ATTACCHI AL MERITO A MILANO (h 10.30, Teatro Nuovo, piazza San Babila 3). L’attacco alle pensioni mortifica professionalità e responsabilità, mina la certezza del diritto, riduce la fiducia sul futuro. “Sono mesi che subiamo attacchi ingiusti nel patetico tentativo di farci apparire dei privilegiati agli occhi della pubblica opinione”, ha detto Giorgio Ambrogioni, Presidente di CIDA, la Confederazione dei dirigenti privati e pubblici. Ad organizzare l’evento le Associazioni più rappresentative dei dirigenti pubblici e privati e delle alte professionalità. In pratica 850mila soggetti espressione del ‘ceto produttivo’ del Paese, che hanno deciso di rendere pubblico il proprio disagio per sentirsi vessati nei propri beni materiali e denigrati nella propria dignità.  (13/12/2018)
#FNSI/ALG - Elezioni2018 - Colleghi abbandonati, Inpgi e Casagit: 3 motivi per cambiare. Vertenze disastrose e redazioni lasciate sole, il contratto Fieg non rinnovato e i giornalisti del web declassati, l’Inpgi in profondo rosso e la Casagit bloccata nella sua riforma. Cambiare il Sindacato si può. - di Daniela Stigliano/Giunta Fnsi e Consigliera generale Inpgi.  (02/12/2018)
#Elezioni2018Fnsi-ALG. - Alessandro Galimberti (presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia): "Il voto è una chance per cambiare anche il Sindacato. Abbiamo ridato all’Ordine lombardo trasparenza e autorevolezza. Ora possiamo portare competenza e impegno nell’Alg". Franco Abruzzo (portavoce del MIL, candidato per il Congresso Fnsi): "Il programma delle liste di 'Unità sindacale-Mil' rispecchia il pensiero del presidente Galimberti".  (30/11/2018)
FNSI-ALG: ELEZIONI. Ecco i volantini di "Unità sindacale-Mil" con tutti i nomi dei candidati. Le liste sono due: professionali e collaboratori. In Lombardia si vota solo online dalle ore 10 del 30 novembre alle 18 del 3 dicembre con i codici che arriveranno per mail o a casa di ogni iscritto. Non consegnate a nessuno le vostre password!  (29/11/2018)
Sabato 10 novembre 2018 - Ore 11.00- Via Senato 10/Archivio di Stato di Milano (Sala Conferenze): si parla di Annibale Del Mare, un giornalista che nel secodo dopoguerra teneva uniti gli italiani emigrati con la Patria lontana. IN CODA: a) la locandina dedicata all'evento; b) E UN ARTICOLO MEMORABILE DI VITTORIO BUTTAFAVA SU ANNIBALE DEL MARE ("FA DA SOLO UN GIORNALE" per gli italiani all'estero).  (09/11/2018)
EX FISSA, PREVIDENZA, PRELIEVO DI SOLIDARIETA’: PERCHE NON SOLO I PENSIONATI MA TUTTI I GIORNALISTI (SPECIE I PIU’ GIOVANI) DEBBONO MOBILITARSI. (IN CODA. AVVOCATO COSIMO FRANCIOSO: "STORIA (PER PUNTI) DELLA EX-FISSA CHE SPIEGA BENE IL DIRITTO DEI PENSIONATI A UN REGOLARE PAGAMENTO RATEALE"). di Massimo Donelli  (10/10/2018)
EDITORIA. Mondadori alla dieta dei periodici. Panorama fa gola agli Angelucci. Previsto un cda della casa editrice di Berlusconi sulla vendita di Tu Style. di Simone Filippetti/ilsole24ore  (15/06/2018)
Pubblicità sulla stampa -9,4% a febbraio. Dati Fcp: quotidiani -8,5%, periodici -11,3%.  (03/04/2018)
Cose fatte dal PD in questi 5 anni (2013/2018)  (04/03/2018)
PRELIEVO SULLE PENSIONI INPGI. IL TAR LAZIO (SEZIONE INTERNA TERZA/BIS) DECIDERA' IL 20 FEBBRAIO 2018 AL TERMINE DI UNA UDIENZA PUBBLICA DEDICATA AL MERITO DELLA CONTROVERSIA INNESCATA DA DUE RICORSI (DE STEFANO + 2 E SORGI + 10) RELATIVI AL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ SUGLI ASSEGNI SUPERIORI AI 38MILA EURO. IL PROVVEDIMENTO (ILLEGITTIMO SECONDO RIPETUTE SENTENZE DELLA CASSAZIONE) VARATO IL 28.9.2016 CON DELIBERA N. 63 DAL CDA DELL'ISTITUTO E APPROVATO IL 20.2.2017 DAL MINISTERO DEL LAVORO CON NOTA N. 1945. I GIORNALISTI IN QUIESCENZA, - DIFESI DAGLI AVVOCATI ALFONSO AMOROSO E CARLO GUGLIELMI, VINCENZO GRECO E UMBERTO ILARDO -, HANNO CHIESTO L'ANNULLAMENTO DEI PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN CONFLITTO CON L'ARTICOLO 23 DELLA COSTITUZIONE CHE PER LE PRESTAZIONI PATRIMONIALE RICHIEDE L'OK DEL PARLAMENTO COME È AVVENUTO PER I PRELIEVI DEL 2011 (TREMONTI) E DEL 2014 (LETTA). DI PIERLUCA DANZI  (19/02/2018)
CHE FINE HA FATTO IL DIRITTO ALLA CORRETTA INFORMAZIONE NELL’EPOCA DELLE FAKE NEWS? SABATO 27 GENNAIO DIALOGO DELL’ARCIVESCOVO DELPINI CON I GIORNALISTI TIZIANA FERRARIO, MARCO ALFIERI, DANIELE BELLASIO.  (26/01/2018)
Domani (5/1) a Roma la seconda riunione del 'Comitato Diritto ex fissa' alle ore 10 in piazza della Torretta 36. Esiste un ruolo configurato e personificato nella Fnsi da Carlo Muscatello che fa parte della Giunta Esecutiva del sindacato unico dei giornalisti con delega per i pensionati. Chi meglio di lui potrebbe consigliare i colleghi sul come regolarsi? Chi meglio di lui potrebbe difendere il diritto dei colleghi a incassare il credito dovuto? Già, potrebbe. Muscatello è presidente dell’Associazione Stampa Friuli-Venezia Giulia che l’8 novembre 2016..... di Salvatore Rotondo/Giornalisti No Prelievo  (04/01/2018)
EX FISSA 2017 A RISCHIO, ECCO LA DIFFIDA DA INVIARE A FNSI, FIEG, INPGI E LAVORO. Non esistono certezze che l’Inpgi riesca a pagare la rata 2017 della cosiddetta ex fissa.  (23/11/2017)
IL SOLE 24 ORE. IL PRESIDENTE DELL'ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA LOMBARDIA: "La Guardia di Finanza ha acquisito documenti e file informatici del giornalista Nicola Borzi nelle sedi di Milano e Roma del quotidiano economico 'Il Sole 24 Ore', la scorsa notte, nell'ambito dell'inchiesta sul finanziamento dei servizi segreti attraverso conti correnti accesi nella Popolare di Vicenza". Monito di Alessandro Galimberti: "Il Csm faccia chiarezza. Una ingerenza peraltro già difficile da ammettere in una democrazia veramente compiuta". Franco Abruzzo (Cnog): "La Procura di Roma ha ignorato le sentenze di Strasburgo: le fonti dei giornalisti sono inviolabili". In coda uno studio di Franco Abruzzo sul punto. e il comunicato del CdR.  (18/11/2017)
Una spada di Damocle incombe sul nuovo Consiglio di Disciplina Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti eletto il 27 ottobre: il suo nuovo Presidente Gianni Faustini é in possesso - o no - del requisito della posizione attiva INPGI? E in mancanza dovrebbe decadere? di Pierluigi Franz  (28/10/2017)
SOPAF. NELLE SUE CONDOTTE ANDREA CAMPORESE, EX PRESIDENTE DELL'INPGI, HA "SEMPRE CURATO GLI INTERESSI" DELL'ENTE PREVIDENZIALE DEI GIORNALISTI E L'INVESTIMENTO SULLE QUOTE DEL FIP, IL FONDO IMMOBILI PUBBLICI, "È STATO IL MIGLIORE INVESTIMENTO PER L'ENTE DAL PUNTO DI VISTA PATRIMONIALE, CHE HA FATTO MATURARE UN GRANDE PROFITTO". L'AVVOCATO CIRO PELLEGRINO HA CHIESTO L'ASSOLUZIONE PER IL SUO ASSISTITO DALLE ACCUSE DI TRUFFA AGGRAVATA E CORRUZIONE CONTESTATE DALLA PROCURA. SECONDO IL DIFENSORE, DA PARTE DI CAMPORESE NON C'È STATA ALCUNA ATTIVITÀ "TRUFFALDINA", "NESSUNA ATTIVITÀ CONTRARIA AI DOVERI D'UFFICIO E NESSUNA ATTIVITÀ CORRUTTIVA NEI SUOI CONFRONTI". IL PM GAETANO RUTA HA CHIESTO UNA CONDANNA A 4 ANNI E MEZZO. LA SENTENZA È PREVISTA PER SABATO 17 GIUGNO.  (16/06/2017)
Pensioni, Blocco Fornero: alla Consulta si torna a parlare di rimborsi? A luglio la Corte Costituzionale potrebbe tornare sulla questione del blocco delle pensioni, mentre altri Tribunali bocciano il Bonus Poletti. - di B.A (Esperto di Lavoro), curato da Fabio Celestino/blastingnews  (06/06/2017)
IL LIBRO. «Vi presento i Vampiri». Maxi pensioni (e privilegi) costano 45 miliardi l'anno. di Enrico Marro/corrieredellasera  (28/02/2017)
Stampubblica nasce zoppa: stato di crisi per la sorella torinese. in Ilfattoquotidiano  (30/11/2016)
Addio a Marcello Lovetere, giornalista poeta, capace di trasmettere con la forza delle parole i suoi sentimenti più intimi, le sue emozioni, il suo desiderio di combattere sempre, e senza egoismo, per qualcosa di più giusto e di migliore. (IN CODA il saluto di Franco Abruzzo). di Mattia Losi  (22/09/2016)
TORNA IL PREMIO GIORNALISTICO "L'ATTENDIBILE" EDIZIONE 2016. AL VIA LA QUINTA EDIZIONE DEL CONCORSO ASSOLATTE. LA PREMIAZIONE A GIUGNO 2016.  (27/05/2016)
Unione cronisti. La Giornata della Memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo si svolgerà il 3 maggio 2016 a Reggio Calabria.  (03/05/2016)
Le associazioni di stampa di Lazio, Campania, Veneto e Friuli Venezia Giulia appoggiano la protesta dei colleghi del Messaggero di Roma, del Mattino di Napoli e del Gazzettino di Venezia che hanno proclamato un giorno di sciopero per il 31 marzo 2016, in solidarietà e a sostegno della vertenza dei poligrafici delle tre testate.  (29/03/2016)
INPGI. Martedì 22 marzo il Consiglio generale dovrà scegliere i vertici, ma la nebbia è fitta: Andrea Camporese per la presidenza punta le sue carte sulla fedelissima Marina Macelloni (Il Sole 24 Ore), "Stampa democratica" contrappone Enrico Castelli (Rai). Edmondo Rho fa ticket con Paolo Serventi Longhi. In bilico la costituzione di parte civile dell'ente nel processo Sopaf che vede il presidente imputato di truffa e corruzione. Per le preoccupazioni sulla situazione finanziaria dell’Istituto, sono molti i giornalisti, così come i neoeletti consiglieri (di qualsiasi schieramento), che invocano un assetto nel Cda equilibrato, di “mediazione”, in nome degli interessi generali e non di parte, che pensi a lavorare in maniera unitaria per risollevare la Fondazione. E' il ritratto di Daniele Cerrato. di Francesco M. de Bonis  (21/03/2016)
PA DIGITALE - Spid, si parte: ecco cos'è e a cosa serve. Fischio d'inizio per il sistema pubblico di identità digitale. Già pronti 300 servizi pubblici, che saliranno a 600 a giugno. Telecom, Poste e Infocert i primi gestori accreditati. Dieci le PA già pronte all'accesso online. di Federica Meta  (08/03/2016)
EDITORIA/IL FATTO: "PRONTA L'OPERAZIONE LA STAMPA-REPUBBLICA". IL FOGLIO: "GLI EREDI DI AGNELLI PRONTI A DIRE ADDIO ALLA RCS".  (02/03/2016)
APPELLO ALLA CAMERA. Franco Abruzzo*: "L'Ordine nazionale con 36 consiglieri non potrà far fronte ai suoi tanti compiti. Fermatevi!. Il numero giusto è 60: 60 consiglieri (di cui 12 giudici disciplinari), 40 professionisti e 20 pubblicisti”.  (02/03/2016)
DOMENICA 28 VOTO A RISCHIO A ROMA: IL BLOCCO DEL TRAFFICO RENDE DIFFICILE VOTARE A SAXA RUBRA. PERCHÈ NON MANTENERE APERT ANCHE IL SEGGIO DELLA TORRETTA? - Roma, 24 febbraio 216. Domenica 28 a Roma è previsto il blocco del traffico e votare a Saxa Rubra sarà davvero difficile per chi non è in servizio proprio quel giorno. Un conto è "doverci" andare, altro è "poterci" andare!! Credo che si potrebbe legittimamente chiedere di mantenere aperto per domenica anche il seggio della Torretta per agevolare i colleghi che altrimenti dovrebbero prendere il trenino per raggiungere la Rai.  (24/02/2016)
INPGI/ELEZIONI - NOVE MOSSE PER RICOSTRUIRE L'ISTITUTO + I CANDIDATI DI INPGI/LA SVOLTA  (14/02/2016)
LISTA CORSARA DI PENSIONATI SENZA CASACCA / ELEZIONI ISTITUTO PREVIDENZA GIORNALISTI – INPGI – 22/28 FEBBRAIO 2016 - PERCHE’ DICIAMO NO SENZA SE E SENZA MA AI DISEGNI DEL CDA INPGI DI PRELIEVI FORZOSI SULLE PENSIONI CHE COSTITUISCONO UN DIRITTO CONSOLIDATO E INTANGIBILE DEI GIORNALISTI.  (22/01/2016)
INPGI - ELEZIONI 2016 - Appello di FRANCO ABRUZZO (candidato sindaco): "Per esprimere il voto bisogna munirsi in tempo del 'codice iscritto' e della 'password personale'. Solo i sindaci possono essere votati sia dai giornalisti attivi sia dai giornalisti pensionati. Bisogna votare in massa per mandare a casa l'attuale gruppo dirigente che ha messo in crisi l'Istituto. E' l'ora della svolta". (Pubblichiamo le istruzioni dell'Istituto per recuperare 'codice iscritto' e 'password personale').  (26/12/2015)
INPGI - Delibera 27/7/2015 relativa al prelievo forzoso sulle pensioni - LA DIFFIDA ALL'INPGI DALL'ATTUARE IL PRELIEVO.  (30/10/2015)
INPGI - Delibera 27/7/2015 relativa al prelievo forzoso sulle pensioni - La diffida ai Ministeri dell'Economia e del Lavoro dal ratificare il provvedimento, che hanno in esame.  (29/10/2015)
Martedì 13 ottobre (h 14.30) assemblea dei giornalisti pensionati (promossa da Franco Abruzzo/presidente Unpit) nella sede dell'Associazione lombarda di viale Monte Santo 7 - Milano. Il tema è questo:"Riforma dell'Inpgi e diritti quesiti, giurisprudenza costituzionale e dei giudici di legittimità e di merito. Azioni conseguenti in difesa dei diritti e degli interessi del popolo dei giornalisti pensionati con un occhio alle elezioni dell'Istituto programmate per il febbraio 2016". "Il tema dei diritti quesiti -scrivono i magistrati in quiescenza - è quanto mai attuale perché continuità e sicurezza passino da una generazione all’altra, senza quelle incrinature di diritti, certezze ed aspettative da cui le prossime generazioni potrebbero essere a loro volta colpite". Il documento di base del dibattito è quello approvato il 6 ottobre dai giornalisti pensionati romani e trasmesso al Parlamento e al Governo (pubblicato qui sotto). La Fnsi approvando i tagli agli assegni ha tradito lo Statuto dell'Ungp nella parte in cui afferma: "Gli scopi dell'organizzazione sono: tutelare gli interessi morali e materiali dei giornalisti pensionati, rappresentandoli nelle istanze sindacali, previdenziali e assistenziali".  (13/10/2015)
Riforma dell’Inpgi. L’odg approvato dal Consiglio Nazionale dell’Unione Nazionale Giornalisti Pensionati: “I giornalisti pensionati hanno già contribuito (con almeno 20 mln, nfr) alla tenuta dei conti dell’Inpgi. L’istituto ha infatti incamerato i risparmi di bilancio creati dalla mancata perequazione delle pensioni negli anni 2008,2012, 2013, mentre dal 1° gennaio 2014 ha riconosciuto solo una minima parte dell’adeguamento al costo della vita. Infine dal 1° agosto 2015, in virtù del decreto legge varato dal governo in seguito alla sentenza n.70 della Corte Costituzionale restituirà solamente a pochi pensionati titolari delle pensioni più basse una parte di quanto incostituzionalmente trattenuto”. Le pensioni alte pagate dell’Inpgi/1 subiscono oggi il prelievo del 6,12 o 18% (destinato alle casse del’Inpgi), mentre gli utili sugli investimenti mobiliari dell’Inpgi/1 sono tassati con un prelievo del 26% (l’Inps ne è esente come anche l’Inpgi/2 che non paga gli ammortizzatori sociali).  (25/06/2015)
Questi i risultati del monitoraggio effettuato dal 2014 ad oggi da Ossigeno Informazione, osservatorio promosso da Fnsi e Odg. MINACCE A GIORNALISTI, 78 CASI IN SICILIA. Nel 2015 denunce e azioni legali rappresentano il 57% del totale. Maglia nera alla regione Lazio. di PATRIZIA PENNA/Quotidiano di Sicilia  (16/06/2015)
PENSIONI & CORTE COSTITUZIONALE. LETTERA APERTA DI UNPIT AL PREMIER MATTEO RENZI: “Noi crediamo, e ci auguriamo, che in un Grande Paese le sentenze della Consulta debbano essere semplicemente rispettate da e per tutti senza se e senza ma, in particolare evitando di andare a colpire in modo esclusivo, sulla base della loro entità, quelle pensioni più alte che già erano trattate in modo riduttivo dal sistema di calcolo retributivo e che sono attualmente soggette anche a contributi di solidarietà dalla legge 147/2013”. “Se la Patria ha bisogno nessuno si tira indietro, Signor Presidente, ma prima di arrivare a chiedere o a negare soldi agli anziani, alla parte debole della popolazione, si abbia il coraggio di prenderli dal malaffare, dalla corruzione, dall'evasione e dall'elusione fiscale, dagli sprechi di ogni genere, dall'eliminazione degli enti inutili e delle consulenze inutili, dai privilegi assurdi”. ZAGREBELSKY:“L’EQUILIBRIO DI BILANCIO NON È UN LASCIAPASSARE ALL’ARBITRIO DELLA POLITICA”.  (10/05/2015)
SOPAF/INPGI/ENPAM/CASSA RAGIONIERI. 14 aprile (h 14.30): davanti alla prima sezione penale del Tribunale di Milano compaiono Giorgio e Luca Magnoni, padre e figlio. Il collegio dovrà decidere sulla costituzione delle parti civili (c’è anche l’Ordine nazionale dei Giornalisti, ma non l’Inpgi) e sul patteggiamento (4 anni e 6 mesi per Giorgio; 3 anni e 6 mesi per Luca Magnoni). Questa misura, sostenuta dal Pm Gaetano Ruta, appare in salita, perché padre e figlio non hanno avviato alcuna trattativa diretta a risarcire le tre Casse professionali. L’Inpgi, non costituendosi parte civile, afferma in sostanza di figurare solo nominalmente tra i danneggiati “avendo assunto il ruolo di soggetto terzo, totalmente estraneo ai fatti”. E conseguentemente non ha chiesto il ristoro dei danni patiti per 7,6 milioni (secondo le ipotesi accusatorie del pm). Il presidente dell’Inpgi Andrea Camporese, indiziato di truffa ai danni dell’Istituto che rappresenta, ha sempre respinto la ricostruzione istruttoria della pubblica accusa. Rimane da ricostruire il passaggio dei 30 milioni tra Inpgi e Sopaf: prima o dopo la consegna delle 224 quote Fip? IN CODA LA CRONISTORIA DELLA VICENDA SOPAF/INPGI di FRANCO ABRUZZO  (14/04/2015)
Giovedì 26 marzo 2015, ore 17.30, sarà presentato il libro/catalogo fotografico “La Passiflora non è una passeggiata en plein air” di Rita Vitali Rosati presso la Chiesetta di San Vito al Pasquirolo, Largo Corsia dei Servi 4, Milano. Relatori: Emanuele Beluffi e Iaia Barzani. Presenta Paolo Tempo Presidente di Phos onlus.  (19/03/2015)
Diffamazione. Il corso di Ossigeno venerdì 27 a Roma e il 10 aprile a Trento. I partecipanti ottengono sei crediti formativi (di cui 2 deontologici).  (19/03/2015)
Editoria. Santo Della Volpe (presidente Fnsi): "Facciamo un appello al governo per ripristinare le risorse tagliate e fare un salto qualitativo per l'emittenza. A rischio nel nostro Paese ci sono 210 testate piccole e grandi nel giro cooperativo no profit che possono chiudere in 3 mesi, con 3000 posti di lavoro in ballo".  (17/03/2015)




Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com