Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
   Attualità
   Carte deontologiche
   CASAGIT
   Corte di Strasburgo
   Deontologia e privacy
     » Dibattiti, studi e saggi
   Diritto di cronaca
   Dispensa telematica per l’esame di giornalista
   Editoria-Web
   FNSI-Giornalismo dipendente
   Giornalismo-Giurisprudenza
   I fatti della vita
   INPGI 1 e 2
   Lavoro. Leggi e contratti
   Lettere
   Ordine giornalisti
   Premi
   Recensioni
   Riforma professione
   Scuole di Giornalismo e Università
   Sentenze
   Storia
   Tesi di laurea
   TV-Radio
   Unione europea - Professioni
  Documenti
Dibattiti, studi e saggi
LEGGE ELETTORALE. IL MATTARELLUM E' BASATO SULLA RIPARTIZIONE DEL 75% DEI SEGGI CON IL SISTEMA MAGGIORITARIO E IL RESTANTE 25% CON IL PROPORZIONALE, IL RECUPERO PROPORZIONALE DEI PIŮ VOTATI NON ELETTI PER IL SENATO, ATTRAVERSO UN MECCANISMO DI CALCOLO DENOMINATO "SCORPORO". LA LEGGE PREVEDE ANCHE UNA SOGLIA SI SBARRAMENTO DEL 4% MA SOLO ALLA CAMERA. TALLONE D'ACHILLE: NON GARANTISCE MAGGIORANZE CERTE.  (18/12/2016)
L’equo processo vale anche per la giustizia degli Ordini professionali./ di iusletter  (30/10/2016)
L’incerto bilanciamento tra esigenze processuali, diritti dell’imputato e libertà di cronaca: a proposito della sentenza Bédat c. Svizzera (Corte EDU, Grande Camera, 29 marzo 2016) - di Marco Cuniberti/Aic  (17/10/2016)
Perché il giudice archivia querele seriali ma non fa il passo successivo? Una pacata riflessione sul caso del blog di Seregno subissato da accuse di diffamazione a mezzo stampa che la magistratura ha ritenuto infondate. di G.F. Mennella-Ossigeno  (24/06/2015)
SINDACATO GIORNALISTI del VENETO. Copyright e CC, un piccolo manuale del diritto d’ autore nell’era digitale. Daniele Minotti, avvocato ed esperto di diritto delle nuove tecnologie, delinea il quadro normativo di un ambiente in cui ha sempre meno senso la contrapposizione fra originale e copia e in cui il copia&incolla è diventato una chiave per appropriarsi del mondo. Diritti e i doveri di chi pubblica in Rete un’opera dell’ingegno (e qualche pillola giuridica anche per i fotogiornalisti). di Daniele Minotti  (02/02/2013)
LOTTA ALLA MAFIA, Lo strabismo del governo. I silenzi delle opposizioni. Le omissioni dell’informazione. Dieci domande di Elio Veltri al Ministro Roberto Maroni  (13/02/2011)
GIORNALISTI E DIRITTO DI CRONACA. Cp, Cpp, Legge 47/1948 sulla stampa, D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 sulla disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche così come modificati dal “ddl Alfano” sulle intercettazioni. IN CODA "ddl Alfano" in sintesi.  (12/06/2009)
Corriere della Sera del 12/2/2009. L' intervento. CRISI GLOBALE. Le patologie del capitalismo e il piano del presidente Obama. di GIULIO TREMONTI Ministro dell’Economia  (12/02/2009)
Rapporto 2008 Censis: Tv generalista ancora una realtà solida, ma crescono satellite e digitale terrestre. Internet grossa fonte informativa. Comunicazione e media  (05/12/2008)
Aurelio Biassoni: “Castellaneta tradita. Preoccupa e allarma il logorio interno delle istituzioni dei giornalisti”. “Occorre fermare subito questo gioco al massacro, occorre che chi ricopre incarichi e presidenze nei vari organismi di categoria abbia un briciolo di responsabilità e la smetta di strumentalizzare le situazioni per una semplice, ormai sempre più inutile guerra di potere interna”.  (02/12/2008)
“Guida al diritto” n. 40/2008 settimanale di “Il Sole 24 Ore”. ANALISI. Con il ddl intercettazioni tramutato in legge, cronaca giudiziaria destinata a scomparire. I cronisti e i direttori rischiano non solo il carcere “fino a 3 anni”, ma anche la sospensione cautelare dalla professione fino a 3 mesi non solo per la pubblicazione di intercettazioni, ma anche se “mediante modalità o attività illecita, prendono - dice il nuovo articolo 617/septies del Cp - diretta cognizione di atti del procedimento penale coperti dal segreto”. L’articolo 58 della legge 69/1963 sull’ordinamento della professione di giornalista impedisce, però, al Consiglio dell’Ordine l’adozione di qualsiasi provvedimento prima della conclusione del processo penale. La nuova norma, pertanto, potrebbe essere inapplicabile, perché non è coordinata con l’articolo 58 citato. Anche i pubblici ufficiali, -che rivelano illecitamente il contenuto di intercettazioni, conversazioni o interrogatori di testimoni e imputati -, rischiano il carcere non più fino a un anno come accade oggi, ma fino a cinque. di FRANCO ABRUZZO  (18/10/2008)
In www.lsdi.it- Informazione: una crisi di valore senza precedenti. Il giornalismo crede che l’ informazione abbia un valore in sé, ma sbaglia: il valore nasce dall’ uso che se ne può fare – Un intervento di Jeff Mignon e le analisi di Robert Picard – “Da sempre i media di informazione sono stati ‘giornalistico-centrici’ e questa è una delle cause di fondo della crisi che ora attraversano – Per uscire dalla crisi invece bisogna dare nuovo valore d’uso all’ informazione (quello che spesso fanno i blogger) e andare al di là della notizia bruta per costruire senso, diffonderlo e discuterne. di Jeff Mignon (mediachroniques.ning.com)  (25/09/2008)
SULLA GIURIDICITA’ DELLE REGOLE DEONTOLOGICHE di REMO DANOVI. avvocato in Milano  (26/06/2008)
Libero, 5 maggio 2008 LE CONFESSIONI DI PAOLO MIELI di Barbara Romano  (05/05/2008)
Sandra Bonsanti ai giornalisti: "Dobbiamo resistere". Antonio Di Pietro dimostra di non conoscere storia, leggi e realtà. FRANCO ABRUZZO: "Caro Siddi, prima di parlare documentati: l’Ordine di Mussolini non è mai nato. Dal 1928 al 1943 l’Albo è stato gestito dal Sindacato fascista dei giornalisti e poi dal 1944 al 1965 dal Governo tramite la “Commissione unica per la tenuta dell’Albo”. FRANCO SIDDI: “Caro Abruzzo, sono Grillo e Di Pietro a considerare l’Ordine di oggi la riproposizione dell’Albo gestito dal sindacato fascista dei giornalisti” In coda la cronaca della giornata e le reazioni sindacali nonchè un articolo di Anna Masera sulla "Stampa".  (25/04/2008)
Fotogiornalismo, tra cambiamenti proprietari e minacce dal web. Getty Images, la più grande azienda fotografica del mondo, è stata acquistata da Hellman & Friedman per 2 miliardi di dollari  (28/03/2008)
Rubrica I miei libri- www.scriptamanent.net – Rnotes - marzo 2003. INTERVISTA A FRANCO ABRUZZO. Dai libri di Omero e Dante a quelli di Gobetti e Croce, a quelli di Emiliani e Muriald; il presidente dell’Ordine dei giornalisti più importante d’Italia – quello della Lombardia – offre un invito alla riflessione etica ed allo studio, anche in nome della libertà.  (30/12/2007)
Convegno di Bema, 7 luglio 2007 Società, Informazione, Giustizia °°°° La solitudine del “quarto potere” inviso al mondo politico e alle imprese, ma non compreso dalla pubblica opinione. (I giornalisti, stretti tra politica e conflitti di interessi vecchi e nuovi, cercano autonomia, indipendenza e libertà con l’aiuto della Corte di Strasburgo e anche della Corte di Cassazione) Relazione di Franco Abruzzo Consigliere dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia  (07/07/2007)
2° Convegno regionale “Giustizia e Informazione” Bema (So), sabato 8 luglio 2006 Diffamazione a mezzo stampa, una riforma possibile che bilanci diritto di cronaca e tutela della dignità della persona relazione di Francesco (“Franco”) Abruzzo presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia  (08/07/2006)
Diritto di cronaca, giustizia e privacy  (27/10/2003)
INTERVISTA AL PRESIDENTE DELL’ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA LOMBARDIA DOTTOR FRANCO ABRUZZO realizzata a Milano in data 26 maggio 2003 da Alessandro Errigo  (26/05/2003)
ll Messaggero, mercoledì 5 settembre 2001 QUANDO I PARTITI SONO SENZA PAROLA di FRANCESCO PAOLO CASAVOLA  (05/09/2001)




Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com