Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
  » Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Deontologia e privacy
Stampa

Media e minori:
Calabrò propone
Codice per i
new media in
attesa di norme UE

di Raffaella Natale
www.key4biz.it

Il problema internet è di tale portata per i minori che “…non è esagerato pensare che se ne dovrebbe occupare l'Onu”. Per la prima volta viene esteso a un organismo così sovrannazionale l'appello a intervenire a tutela dei più giovani, così da fermare o quanto meno limitare i rischi.


A lanciare questo appello è il presidente dell'Autorità garante nelle comunicazioni, Corrado Calabrò, con l'audizione di questa mattina di prim'ora davanti alla Commissione parlamentare per l'infanzia, presieduta da Alessandra Mussolini, nell'ambito dell'indagine conoscitiva “Media e minori” che la stessa ha avviato.


Un appello che si giustifica - a detta di Calabrò - con un dato inequivocabile: “internet è planetario”, e dunque tocca anche - se non principalmente - ad altri organismi predisporre difese, perché “…grave e angosciante è il rischio che navigando in internet i ragazzi possano essere agganciati da pedofili”.


Il presidente dell'Agcom ha anche ricordato la “pervasività” della Rete, e anzi “…data la sua pervasività, solo Paesi a regime autoritario come la Cina riescono a impedire l'ingresso di trasmissioni provenienti da Paesi non soggetti alle regole interne”. Un vero e proprio paradosso, verrebbe a questo punto da pensare, sentendo Calabrò, ma pare sia proprio così.


Il presidente dell'Authority ha ricordato che in Italia il progetto di un nuovo Codice di autoregolamentazione “Media e minori”, sviluppato dal precedente ministero delle Comunicazioni in un'ottica di 'convergenza' poneva il problema dei minori anche sulla rete web.


Solo che l'obiettivo di un Codice allargato ai nuovi media “…è tanto condivisibile quanto difficilmente realizzabile. Con l'avvento delle nuove tecnologie digitali la regolamentazione deve indubbiamente essere allargata anche agli ambiti delle nuove tecnologie, dato che queste sono i nuovi contenitori del prodotto televisivo e, oltretutto, per i ragazzi sono sicuramente più attraenti della 'vecchia' televisione".


Ma il compito, ha detto ancora il presidente dell'Agcom, è arduo, “…la sfida è estrema, perché la Rete ha un ambito che travalica i confini nazionali e anche quelli europei, e anche per la concezione 'iperlibertaria' con la quale internet si è sviluppato”.


In questo contesto, comunque, un Codice di autoregolamentazione condiviso dagli operatori, dagli utenti e dalle istituzioni “…appare per il momento il minimo auspicabile e il massimo praticabile” e servirebbe quanto meno a creare un quadro di riferimento per un uso meno insicuro di internet da parte dei minori.


Calabrò ha sottolineato infine che “…rimane la necessità di misure più incisive a livello europeo per contrastare efficacemente le attività illecite e nocive per i minori”.


L'obiettivo dovrebbe essere quello di sviluppare “…uno spazio basato sulla libertà di espressione ma conciliato con il diritto fondamentale alla tutela dello sviluppo fisico, psichico e morale” dei minori.


Calabrò non ha risparmiato una stoccata anche alla televisione italiana, sostenendo che per “livelli di banalità e volgarità” è al disotto di altre televisioni europee e il divario rispetto alle emittenti Ue “è crescente”.


La nostra televisione, ha spiegato ancora il presidente, dovrebbe assecondare “…il ritrovato interesse dei giovani per il teatro, per i concerti (anche di musica classica) per le mostre, per i musei, per la partecipazione a qualche attività artistica”.


Al contrario la Tv, “…le ignora, preferisce insistere sul ripetitivo, quando non sul becero”.


Non è nelle possibilità dell'Agcom cambiare il modo di fare televisione, ha precisato Calabrò, ma “…fino a quando le trasmissioni sono dominate dall'assillo dei ricavi pubblicitari e questi sono connessi esclusivamente all'audience – ha aggiunto - i tentativi saranno inefficienti”.


Il fatto è che così “….si innesca una spirale perversa che diseduca il gusto dei telespettatori e degrada il livello delle trasmissioni”.


Dito puntato anche contro gli spot alimentari: ogni cinque minuti i bambini italiani subiscono uno spot televisivo alimentare, dove “…bibite, merendine, patatine, cibi precotti, gelati, rispondono e sollecitano gli stimoli dell'appetito, e se pensiamo che esiste il problema dell'obesità ci rendiamo conto di quello che accade...”.


Calabrò è partito da un dato - quello appunto dello spot alimentare ogni cinque minuti - emerso dall'indagine condotta qualche tempo fa dall'Osservatorio di Pavia in collaborazione con l'università di Roma Tre, per dare il senso della portata del problema.


“…Il desiderio, più che il bisogno, di mangiare viene continuamente provocato da situazioni accattivanti, che mostrano come uno snack, una merendina, una bibita apportino gratificazione, approvazione e presenza affettuosa dei genitori. E questo sebbene in Italia, a differenza di altri Paesi europei, sia vietata la trasmissione di spot all'interno di programmi specificamente rivolti ai bambini”.


Calabrò si è spinto ancor più avanti, sottolineando impietosamente che “…i genitori gradiscono che i loro figli se ne stiano appagati a sgranocchiare patatine e biscotti mentre guardano la televisione. Così hanno meno problemi (e meno rimorsi) per il fatto di non essere accanto a loro”.


Ieri ad essere ascoltato dalla Commissione parlamentare per l'Infanzia è stato il Sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle Comunicazioni Paolo Romani.


Sul fronte della tutela dei minori nei mezzi di comunicazione, “che è una priorità per il governo”, non è necessario tanto “fare nuove leggi” quanto “completare la normativa relativa a Internet”, ha detto Romani.


“…A giorni - ha annunciato - sarà ricostituito nella sua integrità il Comitato per l'applicazione del Codice media e minori (già Tv e minori) e si valuterà se attribuirgli anche le competenze relative al web o se affidarle a un apposito comitato di garanzia, che oggi risulta soppresso”.


“Personalmente – ha sottolineato Romani - ritengo che affollare il Comitato media e minori di troppe materie può rischiare di renderlo inefficace: probabilmente è preferibile tenere distinti Internet e la Tv, approfondendo le problematiche relative al web in un organismo ad hoc”.


Tra le prime iniziative del ministero, ha spiegato, ci sarà il "recepimento nel nostro ordinamento della direttiva Ue Servizi di media audiovisivi, che ha esteso le regole minime di tutela dei minori anche ai servizi non lineari, cioè forniti su richiesta dell'utente”.


Si sta inoltre valutando, su indicazione della Commissione europea, “…di integrare nel nostro ordinamento per via legislativa il sistema di classificazione dei videogiochi Pegi (Pan-European Game Information) e Pegi online, coinvolgendo i produttori e i venditori al dettaglio”.


Più in generale, “…il ministero avvierà nei prossimi mesi una razionalizzazione legislativa e della disciplina autoregolamentare in materia, in sintonia con il Parlamento e con la massima disponibilità nei confronti della Commissione Infanzia. Su questa materia c’è stato sempre dialogo tra governo e Camere: si può continuare su questa strada".


Infine, in risposta alle osservazioni della senatrice Laura Allegrini (Pdl) che ha parlato della violenza nei tg, "non si può dire ai telegiornali - ha sottolineato Romani - di non far vedere i fatti di cronaca, anche violenti. I cartoni animati giapponesi, con il loro contenuto subdolamente violento, possono essere più pericolosi di un servizio sui una strage al mercato di Baghdad, che ha un valore talmente negativo che tale rimane per i nostri ragazzi”.


FONTE: http://www.key4biz.it/News/2008/10/31/Policy/Corrado_Calabro_internet_e_minori_tv_e_minori_paolo_romani_commissione_parlamentare_per_l_infanzia.html?utm_source=infomail&utm_medium=email&utm_campaign=Dailyletter+n.1286+del+31+ottobre+2008


 


--------------------------------------------------------------------------------


deontologia e privacy


http://www.francoabruzzo.it/documents.asp?TID=4


 



Garante privacy: sui giornali troppi dati sui minori vittime di abusi


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=2937


 


Codice di autoregolamentazione tv e minori: un bilancio dopo 4 anni


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=2354


 


Carta di Treviso: via alla revisione


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=977


 


Il Codice dei minori: firmato e poi dimenticato


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=963


 


Tutela dei minori: la tv di Berlusconi vince la gara delle violazioni


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=946


 


Minori: Gasparri invita al rispetto delle leggi giornalistiche


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=928


 


Tv e minori: in 18 mesi 83 sanzioni


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=682


 


Minori tutelati anche dopo la morte: il Garante contro le notizie dei suicidi


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=2279


 


Il direttore di Torino Cronaca sospeso per due mesi dall'Ordine dei giornalisti


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=1969


 


"Privacy e giornalismo". Seconda edizione del libro curato da Paissan


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=2195


 


Carta di Treviso: ecco il nuovo testo per la tutela dei minori


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=2184


 


Garante per la privacy: “Minori, non basta celare il nome”


http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=493


 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


in:http://www.autonomiasolidarieta.it/news.php?cod=3122 


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com