Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

La novità politica del 30 novembre: i sindacati confederali difendono l'Inpgi contro gli attacchi di Boeri e anche l'emendamento che apre la platea degli iscritti ai comunicatori. - POLO PREVIDENZIALE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE NELL'INPGI: i comunicatori pubblici disponibili ad accettare le scelte del Governo dirette ad irrobustire l'Istituto dei giornalisti. Pubblichiamo il comunicato dell'Associazione Italiana di Comunicazione Pubblica e Istituzionale. IN CODA: Nota dei coordinatori nazionali di FP/CGIL, CISL/FP e UILPA: "MANOVRA, BOERI HA INGAGGIATO UNA PERSONALE LOTTA CONTRO L’ENTE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI".


Milano 30 novembre 2018. - L'Associazione Italiana di Comunicazione Pubblica e Istituzionale, in relazione alla notizia apparsa sui quotidiani inerente un eventuale ingresso dei Comunicatori Pubblici nell’INPGI, (istituto di previdenza dei giornalisti), ritiene opportuno precisare la propria posizione. Il 26 luglio 2018 il Segretario Generale Compubblica dr. Pier Carlo SOMMO ha incontrato a Roma la Presidente, il Vice e la direttrice generale dell’INPGI. Durante l’incontro è stata formulata la proposta di iscrivere i comunicatori pubblici all’INPGI. Il Direttivo di Compubblica successivamente si è dichiarato favorevole a proseguire i lavori sulla eventuale adesione all’INPGI degli iscritti Compubblica. Si rammenta che i Comunicatori Pubblici iscritti a Compubblica ottengono il riconoscimento professionale previsto dalla legge 4/2013(Disposizioni in materia di professioni non organizzate), che costituisce sistema di riconoscimento e tutela della professionalità che si affianca agli Ordini Professionali. La richiesta di tesseramento ex legge 4/2013 è tra le istanze inoltrate ai sindacati confederali e all’ARAN per i profili degli “specialisti della Comunicazione istituzionale” contenuti nel nuovo contratto nazionale dei dipendenti pubblici; tale posizione richiede la laurea in comunicazione o equipollente.Tale orientamento di Compubblica è appoggiato anche dalla COMferenza (Conferenza Nazionale delle Facoltà e dei Corsi di Laurea in Scienze della Comunicazione) che ritiene il riconoscimento di grande rilievo, affinché vi sia pari dignità con l’area informazione che richiede l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti. Il tesseramento ex legge 4/2013 è compatibile con l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti e costituisce pienamente titolo per chi lavora nella Pubblica Amministrazione. Si rammenta infine che la professione del comunicatore pubblico spesso si interseca e si affianca con quella del giornalista pubblico, i due profili previsti dal contratto nazionale operano poi entrambe nello stesso ambito culturale.





§§§§§§§§§§§§§§§§§§





26.11.2018 - UILPA: "Tito Boeri sulla cassa giornalisti Inpgi prende un abbaglio". Il comunicato Uil firmato anche da Cgil e Cisl. - TESTO IN http://www.uilpacec.it/adepp/tito-boeri-cassa-giornalisti-inpgi-abbaglio/





§§§§§§§§§§§§§§§§§§





Nota dei coordinatori nazionali di FP/CGIL, CISL/FP e UILPA: "MANOVRA, BOERI HA INGAGGIATO UNA PERSONALE LOTTA CONTRO L’ENTE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI".   -  Roma, 30 novembre 2018  - “Tito Boeri, Presidente dell’INPS, si ostina a voler vedere nell’emendamento che allarga la platea degli iscritti all’ente di previdenza dei giornalisti (INPGI), così come previsto dall’iniziativa intrapresa dal Ministero del Lavoro, un aggravio dei costi da scaricare sulla collettività anziché, come in effetti è, una soluzione tesa a mantenere e riorganizzare l’INPGI proprio al fine di non gravare sulla finanza pubblica. - è quanto si legge in una nota dei coordinatori nazionali di FP/CGIL, CISL/FP e UILPA del comparto degli Enti previdenziali privatizzati.- È indubbio che la prospettiva ipotizzata dall’iniziativa governativa, è conditio sine qua non sia per la salvaguardia delle pensioni sia per l’oculata gestione dei conti pubblici. Ci auguriamo - conclude la nota- che il presidente dell’INPS voglia essere più cauto e soprattutto consideri l’ampliamento della platea come il processo di naturale evoluzione della professione dell’informazione e della comunicazione che tende a salvaguardare la finanza pubblica mantenendo nell’alveo del naturale ente di previdenza, cioè l’Inpgi, i circa 25.000 comunicatori”.


 


 



......................................








Manovra. Boeri: deleterio aumentare la platea del'Inpgi di 25mila comunicatori. - ROMA, 30 novembre 2018- "Credo che sia una scelta veramente deleteria. Io non sono d'accordo", dice il presidente dell'Inps, Tito Boeri, di un emendamento alla manovra per aumentare la platea dell'Istituto di previdenza dei giornalisti, l'Inpgi. "L'Inpgi sta erodendo il proprio patrimonio, quindi hanno pensato bene, alcune persone, e alcuni politici che vogliono assecondarli, di fare un emendamento alla manovra che prevede che alcuni contribuenti vengano scippati all'Inps e portati all'Inpgi, come i cosiddetti comunicatori. Dicono che è a costo zero per lo Stato, e non è vero. Ma è anche iniquo anche per questi giovani. E, rispondendo ad una domanda, al termine del suo intervento alla rassegna "Radar, orientarsi nel mondo che cambia", aggiunge: "Credo che l'Inpgi dovrebbe prima guardare al suo interno", "ritrovare un equilibrio". "Portare dentro 25mila comunicatori" sarebbe "una oscenita'", pagherebbero "politiche non responsabili seguite dall'Inpgi" andando a riscuotere in futuro "pensioni più basse". E verrebbero anche ingiustamente "bistrattati: prima non erano giornalisti, ora che si possono mungere va bene?". (ANSA).

 


 


 


 



 


 





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§





29.11.2018 - PREVIDENZA. Manovra: ipotesi di un riordino del settore della comunicazione e dell'informazione con l'obiettivo di creare un polo previdenziale autonomo di settore. È l'ipotesi concreta contenuta in un emendamento alla Legge di Bilancio che propone la confluenza nell'Inpgi, l'Istituto di Previdenza dei Giornalisti Italiani, della categoria dei comunicatori pubblici e privati, ora iscritti all'Inps. Costo 130 mln, ma l'iniziativa evita il rischio di 700 mln di costi, qualora l'Inpgi dovesse confluire nell'Inps. Sul tavolo ci sarebbe  l'estensione dell'adesione all'Inpgi anche per le nuove figure professionali di comunicazione e informazione che operano sul web. - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=25597





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com