Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

PENSIONI, PEREQUAZIONE NEGATA & CONSULTA. Anche lo studio legale Iacoviello promette battaglia davanti alla Corte europea dei diritti dell'Uomo. Le tante contraddizioni della sentenza 250/2017 rispetto alle sentenze 70/2015 e 173/2016. Lo Stato di diritto sottomesso alla ragion di Stato (il pareggio di bilancio a spese dei cittadini in quiescenza).

TESTO IN http://www.iacoviello.it/Sub_pagine/Blocco_2012_13/Corte_Costituzionale/Sentenza_250_17.html





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§





1.12.2017 - PENSIONI & MANCATA PEREQUAZIONE 2011/2012. Depositata la sconcertante ed iniqua sentenza 250/2017 con la quale la  Corte costituzionale spiega perché il "bonus Poletti" è bello: il legislatore ha  destinato "le limitate risorse finanziarie disponibili in via prioritaria alle categorie di pensionati con i trattamenti pensionistici più bassi", "limitando il blocco a quelli medio-alti (che hanno margini di resistenza maggiori contro gli effetti dell’inflazione)". Dalla Consulta  parte un messaggio devastante verso i giovani e l'intera comunità nazionale: è meglio non impegnarsi, tanto chi ha studiato,  fatto carriera e  assunto responsabilità ora e sempre da anziano viene e verrà punito. Tra i pensionati poveri, che  incassano la rivalutazione dell'assegno, ci sono anche quelli che hanno lavorato poco, magari  in nero, o che hanno evaso le tasse e i contributi all'Inps. La Consulta sorvola: i "ricchi" devono piangere in nome della "ragionevolezza" (una parola magica che giustifica tutto e il contrario di tutto). PUBBLICHIAMO (IN ALLEGATO) IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA perché i cittadini capiscano che lo Stato di diritto in Italia va verso il tracollo, cedendo il passo alla ragion di Stato (l'articolo 81 Cost., con il pareggio di bilancio imposto dalla Ue, prevale sui diritti fondamentali delle persone). - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=24121









°°°°°°°°°°°°°°°°


29.11.2017 - PENSIONI, PEREQUAZIONE, BONUS POLETTI & CONSULTA - Il Re è nudo a Strasburgo. Ragionando ad alta voce sui rapporti tra la sentenza della Corte Costituzionale del 24 ottobre 2017 (ancora non depositata) e la violazione dei parametri della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo in punto di giusto processo. - di Pietro L. Frisani, avvocato in Firenze - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=24103





 


 









 








 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com