Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
  » FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  FNSI-Giornalismo dipendente
Stampa

Testate online e giornalisti in Svizzera: Hearst farà da apripista? Ha utilizzato per prima le norme Fornero sul licenziamento economico nel caso di Alba Solaro. E ora fa un altro “strappo”. Mentre Fnsi e Inpgi stanno a guardare…

di Daniela Stigliano – Giunta Fnsi e Consigliera generale Inpgi


20.5.2017 - Hearst trasferisce le edizioni online dei suoi giornali italiani a Chiasso. Giornalisti compresi. Giornalisti che nella sede milanese non avevano trovato una stabilizzazione definitiva. E che adesso avranno contratti svizzeri (da collaboratori?) e quindi meno vincoli rispetto a quello Fieg. Il rischio è che Hearst Italia faccia da apripista ad altri editori. Così come per prima ha utilizzato un anno e mezzo fa le norme della legge Fornero sul licenziamento economico per mandare via il caporedattore di Marie Claire, Alba Solaro.


A trasferirsi in suolo elvetico, proprio al di là del confine italiano e di fatto a due passi dalla sede di Milano, saranno le edizioni online di Elle, Elle Decor, Marie Claire, Cosmo e Gioia, così come quella del maschile Esquire, che nei prossimi mesi Hearst vuole diffondere in Italia (sembra solo in formato digitale).


La prima voce sull’operazione era stata accolta sul sito francoabruzzo.it, che a dicembre 2016 ha pubblicato una lettera (leggi qui). Altre segnalazioni erano successivamente arrivate da più fonti. E di tutto avevo avvertito la Giunta Fnsi in una riunione di qualche mese fa (come la registrazione può testimoniare). Avevo chiesto ci fosse una presa di posizione ufficiale da parte del Sindacato. La risposta è stata un generico: approfondiremo. Ma nulla è stato fatto. Certo, non mi risulta alcuna iniziativa ufficiale della Giunta, di cui faccio parte. Né un comunicato del segretario sulla vicenda.


Esattamente come nessuno si era mosso per la collega Solaro fino a quando il suo licenziamento non era stato consumato. E la notizia non era stata resa pubblica da altri.


Ora che è tutto pubblico e ufficiale (LEGGI QUI SOTTO), che cosa avranno da dire il segretario Raffaele Lorusso e la segretaria aggiunta vicaria Anna Del Freo? E la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni, che rischia di “perdere” contributi per le casse esangui dell’Istituto?


Ma la domanda più preoccupante è: gli altri editori della Fieg, che subiranno un innegabile dumping contrattuale e previdenziale, resteranno a guardare o seguiranno l’esempio di Hearst?  (IN https://unitasindacalefnsi.wordpress.com/2017/05/20/testate-online-e-giornalisti-in-svizzera-hearst-fara-da-apripista/#more-16193 )


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Trasferita a Chiasso la divisione che realizza contenuti online per le testate del gruppo - Hearst Italia, il digitale in Svizzera - In un' unica struttura tutte le attività dei propri brand.


di CLAUDIO PLAZZOTTA/ItaliaOggi


20.5.2017 - Usando una formula forse un po' troppo sintetica, si potrebbe dire che Hearst Magazines Italia delocalizza le sue attività digitali in Svizzera. Da un lato, l' iniziativa potrebbe anche fare sorridere qualcuno: ma come, una volta non si delocalizzava in Romania o Albania? Gli stipendi elvetici non sono più alti di quelli italiani?
Dall' altro, come detto, parlare di delocalizzazione non sarebbe del tutto preciso: come spiega una nota interna di Hearst Italia, infatti, il gruppo trasferisce in una unica struttura indipendente tutte le attività digitali dei propri brand, seguendo un modello già adottato da Hearst negli Usa.
In Hearst Digital, divisione di Hearst Magazines Switzerland nata nel 2014 e affidata alle cure di Giacomo Moletto, che è anche amministratore delegato e direttore generale di Hearst in Italia, si raccolgono quindi «tutte le strutture che realizzano contenuti digitali al fine di aumentare la velocità di evoluzione e adattamento ai mutamenti nella fruizione dei media della società contemporanea e rafforzare la capacità di attrarre e sviluppare talenti ed eccellenze nell' area del digital content».
In sostanza, quindi, a Chiasso già da qualche tempo ci sono risorse di Hearst specializzate in «produzioni digitali in formula white label per i clienti partner, italiani e internazionali, comprese le produzioni a supporto delle iniziative speciali di Hearst Italia».
Poi la divisione si è progressivamente rafforzata con una struttura analytics, seo e content ignition. E, da inizio 2017, è partito il trasferimento da Milano in Svizzera «dei content team digitali dedicati a elle.it, marieclaire.it, cosmo.it, gioia.it e elledecor.it, così da favorire la fertilizzazione delle competenze e dei talenti digitali in una struttura focalizzata al 100% sullo sviluppo del business».
In pratica, tutta la produzione dei contenuti digitali delle testate di Hearst Italia viene traslocata nella Federazione elvetica. E sarà così anche per l' eventuale debutto del sistema Esquire Italia (solo digitale, non è prevista una versione cartacea del mensile maschile) nel prossimo autunno.
Il trasloco del digitale di Hearst in Svizzera suscita ovviamente qualche preoccupazione negli occupati della sede milanese: anche perché il trasferimento a Chiasso implica nuovi contratti di diritto elvetico, con livelli remunerativi magari leggermente più alti, ma con tutele del lavoro giornalistico molto più allentate rispetto all' Italia.
La divisione Hearst Digital è guidata da Simona Zanette, «forte di una considerevole esperienza nello sviluppo digitale maturata in Alfemminile, Iab e la docenza di Digital communication allo Ied».
Come sarà organizzato il lavoro? «I content team, ciascuno guidato da un digital content editor and coordinator, ricevono le linee guida editoriali definite dai direttori di testata e dal digital editorial director, Francesco Magnocavallo, già founder e direttore editoriale di Blogo, che trasmette anche obiettivi e agenda digitale. Sempre nell' ambito delle attività digitali di Hearst, Luca Lanzoni, fino a gennaio responsabile di elle.it, è stato nominato digital fashion director, ruolo che gli consentirà di interagire con tutti i siti del gruppo e di rispondere in modo sinergico a stimoli ed esigenze dei brand partner».





 





 





 




 



 



 



 



 



 



 



 



 



 



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com