Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
  » Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Tesi di laurea
Stampa

Idee & Opinioni.
Responsabilità penale
dei Direttori. C' è chi
specula su una Legge ingiusta

di Caterina Malavenda
Avvocato, esperto di
Diritto dell' informazione
Corriere della Sera – 23/9/2012

Caro direttore, ciò che accade ad Alessandro Sallusti può capitare a tutti i giornalisti, ma soprattutto ai direttori, che rischiano ogni giorno di finire in galera per quello che pubblicano. Per la diffamazione, infatti, è prevista la pena alternativa o della detenzione o della multa. Quando è commessa con il mezzo della stampa ed è aggravata dall' attribuzione di un fatto determinato, però, la pena non è più alternativa, essendo prevista la reclusione fino a sei anni e la multa. Il direttore responsabile di un periodico - il che esclude i direttori di testate giornalistiche televisive e on line - deve impedire anche la commissione di reati, attraverso il suo giornale. Se ciò accade e il giornalista viene condannato, seguirà la sua sorte, con una pena appena più lieve. A questo punto la domanda sorge spontanea: come mai ci sono ancora tanti giornalisti e direttori a piede libero? Grazie ad alcuni benefici, previsti, però, solo per gli incensurati: la sospensione della pena detentiva, a determinate condizioni, e il riconoscimento delle attenuanti generiche, che consente al giudice di scegliere la multa in luogo della reclusione, anche nei casi più gravi. Di norma i tribunali infliggono solo la pena pecuniaria e, anche se la pena non viene sospesa, basta pagare. Ma in totale discrezionalità, possono infliggere la reclusione. Se questo è ingiusto per l' autore di un articolo, risulta mostruoso per il direttore che risponde solo per aver omesso un controllo che, di fatto, non è in grado di effettuare; e che riguarda anche le opinioni dei suoi giornalisti, sulle quali potrebbe intervenire solo operando una inaccettabile censura. I politici, chiamati a decidere sulle modifiche alle norme sulla pubblicabilità degli atti giudiziari - la sola questione che sembra interessarli davvero - hanno ipotizzato alcune modifiche che impedirebbero l' arresto di direttori e giornalisti, se non in casi particolari. Se l' autore è noto può essere eccessivo condannare anche il direttore per fatto altrui. E se un errore è stato commesso in buona fede, è sufficiente darne atto il giorno dopo. Ma questo basterebbe a tacitare l' esercito di parti lese, politici, manager e magistrati in testa che, a buon diritto certo, lucra sul sistema vigente, confidando anche sull' efficacia deterrente dei rischi, per ottenere risarcimenti, a volte davvero esorbitanti? È questo, in fondo, il problema più serio e il solo interrogativo che conta.


Caterina Malavenda


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com