Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
  » INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  INPGI 1 e 2
Stampa

CASSE – CAMPORESE
CONTRO MONTI. L’ADEPP
RICORRE ALLA CORTE
DI GIUSTIZIA EUROPEA. NEL
MIRINO SPENDING REVIEW
E DOPPIA TASSAZIONE.
Chiesto incontro al premier.

Le Casse non possono essere considerate come parte della Pubblica Amministrazione perché non lo sono né per forma giuridica né per sostanza. Non costiamo un euro allo Stato in quanto privati, facciamo fronte ad una richiesta di welfare sempre più pressante a causa della crisi in atto facendo affidamento unicamente sulle nostre forze, ci viene chiesta la sostenibilità a 50 anni, e lo faremo, non capisco perché si continui ad inserirci in provvedimenti che riguardano solo la Pubblica Amministrazione alimentando, così, la confusione tra natura pubblica e natura privata degli Enti”.

 


Roma, 6 settembre 2012. L’assemblea dell’Adepp ha deciso all’unanimità di ricorrere alla Corte di Giustizia Europea per chiedere di deliberare sulla evidente inapplicabilità della spending review agli Enti di previdenza privatizzati.


La spending review – spiega il presidente dell’Adepp, Andrea Camporese, incaricato dall’assemblea di rappresentare le Casse in sede europea – non solo è di difficile e dubbia applicabilità nel nostro sistema ma va contro il principio di autonomia stabilito con leggi dello Stato. Un principio ribadito anche lo scorso marzo, dopo le due sentenze del Tar, da un’ordinanza della Cassazione a Sezioni Unite, la quale, rifacendosi ad un pronunciamento della Corte Costituzionale, ribadisce il carattere pubblicistico dell’attività istituzionale di previdenza e assistenza svolta dagli Enti in quanto rimane pubblica la natura dei contributi previdenziali in denaro dovuti dagli iscritti alla Cassa, e l’altrettanto pacifica natura privatistica degli Enti in quanto il rapporto previdenziale è esclusivamente tra la Cassa e il proprio iscritto. Le Casse non possono essere considerate come parte della Pubblica Amministrazione perché non lo sono né per forma giuridica né per sostanza. Non costiamo un euro allo Stato in quanto privati, facciamo fronte ad una richiesta di welfare sempre più pressante a causa della crisi in atto facendo affidamento unicamente sulle nostre forze, ci viene chiesta la sostenibilità a 50 anni, e lo faremo, non capisco perché si continui ad inserirci in provvedimenti che riguardano solo la Pubblica Amministrazione alimentando, così, la confusione tra natura pubblica e natura privata degli Enti”.


“Come più volte ribadito – continua Camporese – sui costi di gestione rispondiamo ai nostri iscritti, per questo da tempo i 20 Enti aderenti all’Adepp hanno messo in campo politiche di risparmio che devono però essere finalizzate alla gestione dell’Ente stesso, anche attraverso opportune sinergie tra Enti. Siamo consapevoli della situazione drammatica in cui versa il nostro Paese, più volte abbiamo offerto il nostro aiuto e le nostre idee per rilanciarne la crescita, ma nel rispetto della nostra autonomia e natura”.


“E venendo al secondo punto del nostro ricorso alla Corte di Giustizia Europea – denuncia il presidente dell’Adepp – voglio sottolineare come l’Italia sia l’unico Paese dell’Unione a gravare gli Enti di previdenza privatizzati di un doppio balzello che tocca sia la pensione erogata sia i rendimenti dei patrimoni accantonati dagli Enti. Questo mentre nel resto dell’Europa si fanno scelte ben diverse . In Germania, ad esempio, i contributi versati sono esentasse. Nel nostro Paese, oltre alla doppia tassazione, si alza l’aliquota sulla tassazione delle rendite finanziarie al 20% che per noi si traduce in un maggior costo annuo stimato tra i 60 e i 70 milioni di euro. Una situazione insostenibile e che, anche alla luce delle ultime scelte legislative, ci costringe a rivolgerci alla Corte di Giustizia Europea”.


Il Presidente dell’Adepp, Andrea Camporese, su mandato dell’Assemblea, presenterà una richiesta di incontro al Presidente del Consiglio, Mario Monti, sui temi della crescita e dello sviluppo del Paese, a conferma di una disponibilità dei professionisti al bene collettivo, più volte dimostrata anche attraverso il massiccio acquisto dei titoli pubblici. Una condivisione di responsabilità ed un chiarimento definitivo sul profilo dell’autonomia – conclude Camporese – rappresenta il viatico per una collaborazione reale a beneficio del Paese”. (www.inpgi.it)


 


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Le Casse sono pubbliche amministrazioni (dl 16/2012)


In www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=8916


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


CASSE.


"I nostri costi sono


pagati dagli iscritti


non dallo Stato".


 


Polemica con Governo e Parlamento: ”Certo imporci norme scritte per la pubblica amministrazione, come quelle della spending rewiew, non significa spingere sul versante dell’efficienza, ma semplicemente introdurre elementi di difficoltà gestionale in un ambito totalmente imparagonabile per masse e costi”.


 


di Andrea Camporese - (Presidente Inpgi e Adepp)


www.monoprofessionisti.it 4/9/2012


In http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=9785


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


 


 


Spending Review: il testo del DL 6 luglio 2012 n. 95 convertito dalla legge 7 agosto 2012 n. 135 in http://www.leggioggi.it/allegati/spending-review-testo-dl-95-2012-convertito-legge-135-2012/


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com