Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

COMO - L’intervento
sopra le righe del
prete giornalista in
difesa di un parroco
che ha tradito la Chiesa
e contro i cronisti che
fanno solo il loro dovere.
(Comunicato del Gruppo cronisti)

Milano, 6 giugno 2011. Da un lato un parroco arrestato per pedofilia, reo confesso di abusi  sessuali e relazioni prolungate con ragazzine di 12 e 13 anni. Dall’altro il sacerdote/giornalista che, per malinteso dovere di casacca, invece di  riflettere sulle devianze indotte dai terreni vizi, attacca a testa bassa la stampa locale definendo ‟cannibali‟ e ‟coprofagi‟ i cronisti, colpevoli solo  di aver raccontato i fatti attenendosi alla verità e, soprattutto, al  rispetto delle persone coinvolte a cominciare dalle vittime e dalle loro  famiglie.
Il Gruppo Cronisti Lombardi è incredulo di fronte all’attacco che il  direttore editoriale de Il Settimanale della Diocesi di Como, don Angelo  Riva, ha rivolto alla stampa locale attraverso le proprie colonne e, in  particolare, ai colleghi che hanno raccontato in questi mesi l’inchiesta che  ha portato all’arresto di un sacerdote con l’accusa di violenza sessuale aggravata.
Il prete indagato, nell’interrogatorio di garanzia davanti al Giudice delle indagini preliminari, aveva ammesso subito di aver intrattenuto per quasi  quattro anni rapporti sentimentali e sessuali con due ragazze fin da quando  queste avevano rispettivamente 12 e 13 anni, nonché di aver molestato  sessualmente altre tre ragazzine tutte minorenni.
Tutte le tesate si sono astenute dal fornire indicazioni che potessero in  alcun modo consentire l’identificazione delle vittime e hanno anche omesso,  proprio per evitare quei casi di “cannibalismo” e “caprofagìa” a loro  attribuiti da don Angelo Riva, di riportare i molti dettagli scabrosi e non  raccontabili contenuti nelle carte giudiziarie. E questo anche dopo che la  segretezza degli atti è caduta, con l’avviso di conclusione indagini  notificato all’indagato.
Il commento del direttore editoriale de Il Settimanale della Diocesi di Como  si spinge ben oltre il legittimo diritto di critica, offendendo e insultando gratuitamente il lavoro di professionisti che hanno trattato con deontologia  e rispetto una vicenda molto delicata, soprattutto per la giovanissima età  delle vittime.
Il Gruppo Cronisti Lombardi auspica pertanto che il Vescovo di Como prenda le distanze dall’editoriale del direttore del Settimanale della Diocesi.



 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com