Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

EDITORIA. FERRERO:
“LIBERAZIONE sospende,
non chiude. Lanciamo
autofinanziamento
e chiediamo il
rifinanziamento del Fondo”.

Roma, 4 aprile 2012.  «La causa della sospensione dell'uscita del quotidiano del Prc Liberazione è il mancato rifinanziamento integrale del fondo per l'editoria. Chi sostiene che il fondo sia stato interamente ripristinato mente sapendo di mentire. Rifondazione comunista ha fatto tutto il possibile per salvare Liberazione, ma l'assenza di liquidità ci obbliga a sospendere le pubblicazioni»: così Paolo Ferrero segretario del Prc, nel corso di una conferenza stampa indetta dal p7artito per annunciare i suoi progetti di rilancio di Liberazione. «Non ci rassegniamo a questa situazione - ha aggiunto - e abbiamo quindi deciso una campagna finalizzata al rilancio di Liberazione: la voce di Liberazione deve continuare a vivere! Per questo lanciamo una campagna di sottoscrizione e chiediamo al governo di ripristinare il fondo per l'editoria, in modo da arrivare alla fine dell'anno e poter valutare le forme e le modalità con le quali pubblicare Liberazione. Da ultimo, nelle ultime settimane sono state dette falsità infamanti riguardo a Liberazione: il Prc non ha mai 'intascatò i fondi, ha anzi speso di tasca propria da 1 a 3 milioni di euro all'anno per coprire le perdite di Liberazione, tenendo in vita il giornale unicamente grazie ai sacrifici delle compagne e dei compagni di Rifondazione Comunista. Questo sacrificio non meritava le menzogne e una campagna infamante ma come si sa la gratitudine non è di questo mondo. Detto questo noi vogliamo guardare al futuro, non ci arrendiamo e cominciamo a lavorare da subito: noi pensiamo che il pluralismo dell'informazione sia un bene comune inestimabile e che Liberazione non è morta ma deve vivere». (ANSA).





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com