Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

CHIUDE SARDEGNA 24,
SOCIETÀ IN LIQUIDAZIONE.
DIRETTORE-EDITORE
BELLU: PATTI VIOLATI CON
DEBITI NON DICHIARATI.

Per Fnsi e Assostampa sarda la chiusura di Sardegna 24è un fatto triste, ma hanno pesato anche le insufficienze imprenditori. Fare chiarezza. Piena solidarietà e sostegno del Sindacato ai redattori.


Cagliari, 27 gennaio 2012.  Finisce l'avventura di Sardegna 24. La società editrice del quotidiano fondato l'estate scorsa - il primo numero è uscito l'1 luglio - è stata messa in liquidazione. Le pubblicazioni cesseranno domenica 29 gennaio. La decisione, assunta oggi, è stata condivisa dal direttore Giovanni Maria Bellu che dal 16 novembre era diventato anche editore assumendo il controllo della maggioranza delle quote societarie. «Sono stati violati i patti - spiega Bellu - nascondendo le reali passività della società». La chiusura del giornale è stata già comunicata dal direttore al Comitato di redazione. «La dichiarazione di nullità dell'accordo - sottolinea Bellu - è stata determinata dal fatto che si è scoperta una differenza considerevole tra le passività dichiarate all'atto della cessione delle quote e la situazione reale. Scoperta avvenuta dopo che avevo permesso, attraverso il versamento di mie risorse personali e familiari, il proseguo delle pubblicazioni per altri due mesi. In un editoriale, spiegherò quanto è accaduto e ribadirò la volontà di proseguire l'attività di informazione e di denuncia realizzata in questi mesi». Conclusa l'esperienza a Sardegna 24, il direttore uscente, gia inviato di Repubblica e condirettore de L'Unità, pensa quindi a nuove e imminenti sfide. «Ringrazio i colleghi che hanno lavorato con me condividendo il progetto professionale e ideale. Una squadra straordinaria che ha resistito a una situazione difficilissima. Utilizzerò le risorse che arriveranno - annuncia Bellu - per l'avvio di una nuova iniziativa editoriale o per il proseguo di questa. Nonostante le enormi difficoltà di questi mesi, determinate dal quasi immediato abbandono da parte dell'editore del progetto al quale avevo aderito, credo che l'esperienza di Sardegna 24 abbia confermato la necessità di una voce libera e autonoma nell'informazione sarda». Incerto il futuro dei giornalisti, 25 persone compresi i collaboratori, una quindicina quelli stabili in redazione. Inevitabile l'apertura di una vertenza che vedrà in campo la Fnsi e l'Associazione della stampa sarda. Il giornale era stato fondato per iniziativa di un gruppo di imprenditori sardi riconducibili a Renato Soru. Della società facevano parte la Sarprint con il 40% delle quote, Carlo Scano, Mariano Pireddu e Giancarlo Muscas con il 20% ciascuno. Amministratore delegato nella primissima fase del giornale era stato nominato Fabrizio Meli, Ad anche de L'Unità e direttore di Tiscali News. Carlo Scano era uscito dalla gerenza nel primo mese di pubblicazioni e nel ruolo di amministratore delegato era stato chiamato Giancarlo Muscas. La società si era poi trasformata in una srl con l'ingresso di Bellu-editore, il 16 novembre scorso. (ANSA).



Editoria: per Fnsi e Assostampa sarda la chiusura di Sardegna 24 è un fatto triste, ma hanno pesato anche le insufficienze imprenditori. Fare chiarezza. Piena solidarietà e sostegno del Sindacato ai colleghi


Cagliari, 27 gennaio 2012. “È triste assistere alla grande difficoltà di nuovi giornali a proseguire la loro attività. E’, infatti, notizia di grande desolazione la chiusura dopo appena sei mesi e mezzo di “Sardegna 24”, quotidiano dell’isola promosso da un gruppo di imprenditori locali, che direttamente o indirettamente avevano lanciato una proposta editoriale con l’obiettivo dichiarato di sviluppare il pluralismo e un giornalismo alternativo, competitivo sul terreno delle idee nella regione.


L’impegno generoso di 17 redattori e 5 collaboratori  che hanno dato prova di grande tenuta e del direttore Giovanni Maria Bellu - che nel novembre scorso si era assunto anche il ruolo di editore dopo la rinuncia dei principali imprenditori che l’avevano promosso -  non sono valsi a evitare una chiusura provocata forse anche da peccati d’origine. L’avvio della liquidazione della Società Editrice, con cessazione delle pubblicazioni a partire da lunedì prossimo, aprirà anche un’inevitabile verifica su diversi tavoli, compreso quello sindacale. Non c’è, infatti, solo un problema di difficoltà generica del mercato editoriale ma - dalle notizie che si hanno - emergono pochezza imprenditoriale e insufficienze originarie di business plan.  Su questi capitoli e sulla reale portata della partecipazione societaria di aziende o singoli all’impresa (quindi sulle responsabilità anche in termini di obblighi sociali verso i giornalisti e i lavorator)  dovrà essere esserci la massima chiarezza.


Il sindacato dei giornalisti – la Fnsi e l’Associazione della Stampa Sarda – sono al fianco dei colleghi, ai quali manifestano la piena solidarietà per la preoccupazione che riguarda il presente e il futuro lavorativo, assicurando totale assistenza per la tutela dei diritti definiti dagli impegni sottoscritti e per l’eventuale sostegno con misure di ammortizzatori sociali. Per i lavoratori tutti la perdita del lavoro è una vicenda dolorosa che va ad aggiungersi al quadro occupazionale negativo dell’isola, la quale, con la chiusura di un giornale, registra ora anche l’impoverimento di un bene inestimabile come il pluralismo  dell’informazione” (www.fnsi.it)


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com