Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
  » TV-Radio
Unione europea - Professioni
  TV-Radio
Stampa

EDITORIA: ECCO NUOVI
LIMITI INCROCI
STAMPA-TV, ENTRA SKY

Roma, 1 aprile 2011.  Entra anche Sky, insieme a Rai, Mediaset e Telecom Italia tra i soggetti che fino al 31 dicembre 2012 non potranno entrare nella proprietà di quotidiani. È quanto prevede una delle norme (l'articolo 3) del decreto legge, firmato ieri dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che proroga il divieto di incroci tra stampa e tv. Nella formulazione finale, infatti, il provvedimento impedisce, fino alla fine del prossimo anno, di «acquisire partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani o partecipare alla costituzione di nuove imprese editrici di giornali quotidiani», esclusi quelli diffusi esclusivamente in modalità elettronica, ai «soggetti che esercitano l'attività televisiva in ambito nazionale su qualsiasi piattaforma» che superino l'8% dei ricavi del Sic, il Sistema integrato delle comunicazioni. È l'identikit di Rai e Mediaset (già contemplate dal Testo unico), ma anche di Sky Italia: i tre big della tv italiana detengono infatti rispettivamente l'11.80%, l'11.40% e l'11.32% del Sic (in base alla valutazione più recente dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e relativa al 2009). Nella versione del Testo unico, lo stop agli incroci riguardava invece chi avesse «più di una rete» tv: una formulazione modificata anche in linea con l'evoluzione tecnologica. Lo stop agli incroci con la stampa - secondo il decreto - coinvolge anche chi controlla più del 40% del mercato delle tlc, e dunque Telecom. Resta confermato che il divieto si applica anche alle imprese controllate, controllanti o collegate (ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile). (AN





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com