Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

GIUNTA della FNSI:
ANALISI DEL VOTO
E RETROSCENA.

La maggioranza perde 8 consiglieri - L’amarezza di Marina Cosi (che nega con forza), la delusione di Domenico Tedeschi.

dall’inviato Francesco M. De Bonis

Roma, 25 febbraio 2011. L’elezione della Giunta che affiancherà Franco Siddi e Roberto Natale alla guida della FNSI per i prossimi quattro anni,  avvenuta ieri a Roma apparentemente senza sorprese e scossoni particolari, ha in realtà lasciato strascichi pesanti nella maggioranza e ferite che difficilmente potranno essere rimarginate. E la preoccupazione è tale che alcuni leader storici di questa maggioranza come Enrico Ferri e Giovanni Rossi ieri mattina prima del voto non nascondevano la loro incertezza sulla possibilità di qualche tranello e sgambetto interno nell’assegnazione delle preferenze, ribadendo come “questo è un Consiglio Nazionale che nessuno è grado di controllare realmente”.
Oggetto principale di tale preoccupazione lo “sfregio” di Camillo Galba, presidente dell’associazione regionale di stampa dell’Emilia Romagna e da sempre acerrimo rivale di Giovanni Rossi, che non trovando posto nei 9 professionali prescelti dalla maggioranza per la Giunta, ha costituito una lista propria conquistandosi il seggio da solo in aperto dissidio con la stessa maggioranza e con il gruppo comunista di Autonomia e Solidarietà da cui proviene e di cui fino a ieri era parte integrante.  Ha preso 6 voti e a lui sono riconducibili anche le due schede bianche messe nell’urna, entrambe segno del malessere nella maggioranza e soprattutto nella componente di Autonomia e Solidarietà (per Galba si sussurra abbia votato anche l’”eroina” della Rai Maria Luisa Busi).
E così, se la minoranza si conferma compatta eleggendo i propri due rappresentanti tra i professionali (il calabrese Carlo Parisi e il romano Fabio Morabito) e il napoletano Domenico Falco tra i collaboratori, con il contributo determinante del Movimento Liberi Giornalisti – MIL- Stampa Libera, la maggioranza passa da 73 Consiglieri professionali a 65 e perde 8 seggi. Nella distribuzione dei voti a risentirne maggiormente è la componente di Autonomia e Solidarietà, costretta a consegnare il podio dei primi eletti ai tre candidati del segretario Franco Siddi, nell’ordine Daniela Stigliano, Luigi Ronsisvalle e Paolo Perucchini. Quest’ultimo è sempre meno uomo di Stampa Democratica, ieri rappresentata a Roma da un silenzioso Paolo Chiarelli facente funzioni, ed è invece sempre più uomo di fiducia del segretario Siddi, che di fatto lo ha preferito a Pino Nardi in virtù anche della forte sponsorizzazione targata Curia di Bergamo: Perucchini lavora infatti nella redazione di economia dell’Eco di Bergamo.


Sul fronte lombardo  la presenza di Guido Besana, Daniela Stigliano e Paolo Perucchini nella Giunta a 16 (segretario, presidente, 11 professionali e 3 collaboratori), rispecchia sostanzialmente gli equilibri numerici e le proporzioni: la Lombardia infatti all’ultimo congresso di Bergamo aveva circa un quinto dei delegati totali. Ma l’elezione della Giunta nazionale potrebbe creare ora nuovi problemi al presidente facente funzioni in Lombarda Paolo Chiarelli (che sostituisce in via provvisoria Giovanni Negri). A nessuno infatti sono sfuggiti il volto rabbuiato di Marina Cosi, capodelegazione della Lombardia al congresso, che ieri si è dimessa per fare posto in Consiglio Nazionale a Guido Besana, non eletto a Bergamo e poi recuperato anche nella Giunta federale. Una svolta, dopo un'altalena di voci,  che ora potrebbe portare a una maggiore instabilità negli equilibri di maggioranza dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti. Marina Cosi ovviamente nega con forza delusione e amarezza precisando che "il ripescaggio di Besano è soltanto opera mia". La bocciatura bergamasca di Besana viene addebitata al Capss ("Coordinamento delle Associazioni regionali per un sindacato di servizio"), che ha fatto mancare i voti per dare una lezione al buon Guido Besana di cui sono noti i contrasti con il conte Enrico Ferri (leader del Capss). In "Lombarda" si profilano due defezioni:  Domenico Tedeschi e Giuseppe Alberti, infatti, potrebbero far venire meno il loro appoggio al facente funzioni Chiarelli. Prima dell’inizio dei lavori in quel di Roma, il professor Tedeschi sembrava infatti abbastanza certo della sua elezione in Giunta: aveva dato il suo appoggio in Lombarda al gruppo di maggioranza senza nulla chiedere in cambio, aveva ricevuto rassicurazioni che sarebbe stato ripagato in sede nazionale. Nel segreto dell’urna poi il feroce tradimento: la maggioranza elegge in giunta con dieci voti ciascuna Leyla Manunzia e Paola Vescovi, una sarda e una veneta, due giovani precarie, mentre per  “u’ professore” solo due voti. Prima della proclamazione ufficiale degli eletti  Tedeschi si era già eclissato e aveva lasciato la sala, meditando probabilmente su quei “galantuomini” della maggioranza che gli avevano dato garanzie poi disattese. La morale, a Roma come a Milano, alla fine potrebbe essere identica: seppur con numeri per ora non ancora allarmanti, la maggioranza perde continuamente pezzi. La minoranza invece continua a rafforzarsi e si organizza. 


xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


Leggi tutto in http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=6254


Consiglio nazionale.


Eletti i 16 membri


della Giunta Fnsi.


Trionfo lombardo: eletti Daniela Stigliano, Paolo Perucchini e Guido Besana (che è subentrato a Marina Cosi dimissionaria).


xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com