Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
  » TV-Radio
Unione europea - Professioni
  TV-Radio
Stampa

Media. Il presidente
del Consiglio ha
arrotondato la
partecipazione al 38,98%

Berlusconi sale
ancora in Mediaset

di Simone Filippetti per
Il Sole 24 Ore 1/12/2010

Con Mediaset ai minimi in Borsa, il primo a investire e credere nel colosso televisivo, per approfittare di prezzi da saldo, è lo stesso Silvio Berlusconi. Fininvest ha rafforzato la sua presa sull'azienda controllata arrotondando la sua quota al 38,98%. Ieri si è appreso che Trefinance, la finanziaria lussemburghese controllata al 100% dalla holding che fa capo al premier e alla sua famiglia, ha acquisito uno 0,36%. Per Fininvest, di cui il patron controlla una quota di maggioranza del 60% mentre i cinque figli hanno quote paritetiche del 7%, un esborso di circa 15 milioni di euro; briciole rispetto alla cassa di oltre 700 milioni.


Nella primavera del 2005 Fininvest, che allora era socio di maggioranza col 51%, aveva venduto un cospicuo pacchetto di Mediaset del 17%: il maxi-collocamento fruttò 2,2 miliardi di euro. A piccoli passi e nel corso degli anni, poi, Fininvest è risalita, ricomprando sul mercato pacchetti frazionali fino a tornare a ridosso del 40% attuale. D'altronde la holding guidata da Pasquale Cannatelli, che da cinque anni siede su una montagna di liquidità, quello in titoli della propria azienda sembra l'investimento migliore. Non foss'altro per la cedola che ogni anno Mediaset regala ai suoi azionisti: a questi prezzi il dividend yield di Mediaset è attorno al 7%, ossia un rendimento che nessun investimento oggi può offrire sul mercato (soprattutto a parità di rischio).


Il big televisivo presieduto da Fedele Confalonieri è caduto ai minimi da più un anno a 4,26 euro ieri: per trovare prezzi così bassi bisogna tornare indietro al luglio del 2009, quando ancora i mercati stavano uscendo dal periodo più buio della tempesta finanziaria. Mediaset, sulla scia del rimbalzo dei mercati, era poi risalita fino a sfiorare i 6,5 euro, vicina ai livelli pre-crisi di inizio 2008. Poi di nuovo la china discendente che nelle ultime settimane è stata più accentuata: il «Berlusconi Discount» penalizza Mediaset perché broker e case d'affari pensano che la pseudo-crisi di Governo, e un'eventuale caduta del Presidente del consiglio, possa avere conseguenze negative per la società. Il mood è venuto poi a coincidere con alcune notizie che hanno ulteriormente innervosito gli investitori: la ricapitalizzazione della controllata TeleCinco (mossa attesa e in realtà già scontata nei prezzi di Mediaset ma che ha ugualmente messo di malumore i mercati) e le difficoltà finanziarie dell'altra controllata Endemol.


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com