Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Il Coordinamento giornalisti
precari campani: "Un master
enogastronomico non può
valere un anno di praticantato".
Ottavio Lucarelli, Presidente
dell'Ordine regionale: "Un fatto
molto grave, il bando
va immediatamente sospeso"



Napoli, 19 ottobre 2010. Il Coordinamento giornalisti precari della Campania denuncia: "Un master per diventare "comunicatore enogastronomico" non può valere un anno di praticantato “Comunicazione e giornalismo multimediale enogastronomico”. Questo sembrerebbe il solito master di primo livello, il solito master da 6mila euro per specializzare il giornalista, stavolta nella classica formula “mangia e bevi”. Ma il master che oggi il Suor Orsola Benincasa ha presentato ha un particolare che noi non accettiam  non è possibile che valga come un anno di praticantato per diventare giornalista professionista!.


Ridurre la conoscenza di una professione a materie del tipo “Analisi del settore agro-alimentare in Italia”; “Marketing del settore agro-alimentare e del turismo”; “Organizzazione e marketing degli eventi enogastronomici”; “Marketing food & Wine on line” o “Food branding” è davvero inaccettabile!  Sensibilizziamo tutti i colleghi, l’Ordine dei giornalisti della Campania e Assostampa Campania ad esprimere una posizione. Chiediamo a tutti un’assunzione di responsabilità in momento drammatico dell’editoria che conta le numerose chiusure delle testate e l’aumento dei colleghi disoccupati e precari. Già le scuole di giornalismo creano solo disoccupati in perenne stato di precarietà: non aggiungiamo la beffa di consegnare la conoscenza professionale a un piatto di maccheroni!


Coordinamento Giornalisti precari della Campania


--------------------------------------------------------------------------------


CORSI "MANGIA E BEVI" DEL SUOR ORSOLA, LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE ODG CAMPANIA


Cari colleghi, Vi ringrazio per essere intervenuti in modo deciso sul "caso" del corso di Giornalismo enogastronomico organizzato dall'Università Suor Orsola Benincasa. Un fatto grave per le seguenti ragioni.


1) Il Suor Orsola non ha preventivamente informato l'Ordine nazionale e l'Ordine regionale  2) Nelle e-mail di invito e negli inviti cartacei è citata la Scuola di Giornalismo che è poi scomparsa nel resoconto successivo alla Conferenza stampa di presentazione dopo le proteste di Ordine nazionale e Ordine regionale ma non dal bando e dal sito del Suor Orsola


3) Nel bando è infatti scritto: "Il titolo conseguito consentirà il riconoscimento di crediti formativi al Master Biennale di I Livello in Giornalismo a.a. 2011/2012 e 2012/2013, presso la Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa".


Sulla vicenda sono intervenuto d'intesa con il presidente nazionale Enzo Iacopino, con il quale mi sono visto lunedì pomeriggio a Roma, e con Maria Chiara Aulisio, componente dell'Esecutivo nazionale con delega alle Scuole di giornalismo, con la quale sono in costante contatto telefonico. Assieme invieremo una lettera formale al Suor Orsola


Personalmente ritengo la vicenda "molto grave". Il bando va immediatamente sospeso perché non siamo stati informati e perchè il Suor Orsola, che ha una Scuola di giornalismo in convenzione con l'Ordine nazionale, organizzando ulteriori master in vari campi, ultimo l'enogastronomia (quota di partecipazione seimila euro), diventa una fabbrica di illusioni a pagamento. La correttezza impone, agli Atenei in convenzone con l'Ordine nazionale, non solo di rispettare il Quadro di indirizzi per le Scuole ma anche di non organizzare altri master speculando sulla nostra professione


 Ottavio Lucarelli


Presidente Ordine dei Giornalisti della Campania


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com