Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
  » Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Giornalismo-Giurisprudenza
Stampa

Negli Usa un sito
è stato costretto a rivelare
i nomi dei sei autori
di una diffamazione

Se l'anonimato
non protegge
il blogger quando
il web è usato
per distribuire
insulti e accuse false.

LIBERTÀ SE NON FA DANNI - Uno studente al quale hanno portato via l'auto per sbaglio crea un gruppo contro la società di rimozione che ora chiede 750mila dollari di danni.

di Daniela Roveda per


Il Sole 24 Ore  24/8/2010


L'anonimato protegge i blogger da cause per diffamazione, e in ogni caso la Costituzione tutela il diritto alla libertà di espressione. Sbagliata la prima affermazione, e sbagliata almeno in parte la seconda: negli Usa è partita un'offensiva legale contro l'uso selvaggio e irresponsabile di Internet e contro chi usa il web per distribuire informazioni, insulti o accuse false. La legge non offre regole precise, ogni caso è unico, e condanne sono a discrezione del giudice; ma a giudicare da alcuni grossi casi recenti, «il trend che sta emergendo è chiaro» dice Kimberley Isbell, avvocato del Citizen Media Law Project all'Università di Harvard. Blogger, teenager inesperti e cittadini assetati di vendetta farebbero bene a stare attenti. Soprattutto perché l'anonimato non protegge più. Un sito di informazione nella città di Henderson in North Carolina è stato obbligato da un giudice a rivelare l'identità di sei blogger che avevano pubblicato commenti diffamanti su un individuo. La legge Usa consente solo alle società che forniscono servizi internet come America Online o Yahoo! di mantenere l'anonimato dei propri utenti, il singolo blogger non gode di questa tutela.


Esemplare è anche il caso del blogger ultraconservatore Hal Turner del New Jersey, che rischia 10 anni di carcere per avere scritto che tre giudici di una corte d'appello di Chicago «meritano di essere ammazzati» per una sentenza contro il diritto al porto d'armi. Una giuria popolare ha impiegato meno di due ore per condannare il signor Turner, colpevole anche di avere pubblicato nomi, indirizzi e numeri di telefono dei tre giudici in questione. Il diritto alla libertà d'espressione sancito dal primo emendamento della Costituzione americana ha quindi i suoi limiti.


Ne sa qualcosa anche chi usa Internet per coprire di vergogna società incompetenti o abusive, un diritto considerato sacro sul web: lo studente ventunenne Justin Kurtz rischia per esempio di dover pagare 750mila dollari di danni alla società di carroattrezzi T&J Towing, colpevole di avergli erroneamente portato via la macchina parcheggiata legalmente per strada a Kalamazoo nel Michigan. Dopo aver dovuto pagare 118 dollari per riprendersi l'auto, Kurtz ha aperto una pagina su Facebook dal titolo "Cittadini di Kalamazoo contro la T&J Towing" a cui hanno aderito in 800; il volume di business della T&J è crollato e l'azienda gli ha fatto causa. Chi crede nel diritto inalienabile di esprimere quello che vuole su Internet può vincere in tribunale, ma deve essere pronto a investire anni e montagne di denaro in spese legali.


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com