Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
  » TV-Radio
Unione europea - Professioni
  TV-Radio
Stampa

TV. BBC chiude due
stazioni radio. Produzione
di notizie: - 50%. Internet:
organici ridotti del 25%.

di Mattia Bernardo Bagnoli-ANSA


Londra, 26 febbraio 2010. Chiusura di due stazioni radio, tagli pesanti all'acquisto di programmi americani e riduzione del 50% nella produzione di notizie per il sito internet. Alla BBC, il servizio radiotelevisivo pubblico britannico, è suonata l'ora della ritirata. L'azienda, sembra ammettere il direttore generale Mark Thompson, è diventata troppo grande. E per concentrarsi sulla qualità - oltre che lasciare spazio ai concorrenti - deve diminuire il suo peso specifico nel panorama dei media del Regno Unito. Ad anticipare le mosse della «vecchia zia» - come viene affettuosamente soprannominata dai britannici la BBC - è il Times che in prima pagina dedica un ampio servizio al piano di ristrutturazione dell'emittente. Sul fronte radio, a chiudere bottega a quanto pare saranno le stazioni digitali 6 Music e Asian Network. Poi verrà introdotto un limite dell'8,5% rispetto ai denari raccolti dal canone - in tutto 3,6 miliardi di sterline annue - sulle trasmissione degli eventi sportivi. Inoltre anche i canali BBC Switch e Blast! verranno «spenti». Il colpo più duro, ad ogni modo, verrà portato alla sezione internet. Che vedrà ridotti i suoi organici del 25%. Stessa sorte anche al budget attuale - 112 milioni di sterline all'anno. Il piano è al momento allo studio del BBC Trust, l'organo di governo del servizio pubblico britannico, e dovrebbe essere presentato al pubblico il mese prossimo. Elaborato da John Tate, «stratega» dell'azienda ed ex consulente del partito Conservatore, il progetto di riforma della BBC - nota il quotidiano britannico - potrebbe essere visto come un tentativo di mostrare a un ipotetico governo Tory che l'azienda comprende lo stato di difficoltà in cui versano i concorrenti del settore privato - piagati dal crollo dei profitti pubblicitari. Tema su cui i conservatori si sono dimostrati più volte sensibili. Le linee guida della riorganizzazione, ad ogni modo, sembrano seguire il motto «meno e meglio». Tanto è vero che, se le anticipazioni verranno confermate, al secondo canale TV della BBC sarà chiesto di ricalibrare la sua programmazione verso un segmento di ascolto «più alto», ricevendo in cambio un incremento del budget pari a 25 milioni di sterline l'anno. Che saranno ottenuti grazie a un'equivalente riduzione nelle risorse destinate all'acquisto di serial di successo come Mad Men e Heroes. In generale saranno ben 600 i milioni di sterline dedicati all'incremento della qualità del servizio pubblico. E tutto senza ritoccare il canone, congelato ai livelli attuali sino al 2013. (ANSA).


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com