Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
  » Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Lavoro. Leggi e contratti
Scarica il documento   Stampa

Telepace
La Camera dei deputati
(con voto unanime)
impegna il Governo
a chiedere la revoca
dei quattro licenziamenti


CAMERA DEI DEPUTATI - XV LEGISLATURA


Resoconto della VII Commissione permanente


(Cultura, scienza e istruzione)


 


VII Commissione - Giovedì 15 febbraio 2007


Risoluzione 7-00122 Folena: Contrazione dell'attività giornalistica e chiusura di spazi informativi da parte dell'emittente Telepace. 


 


TESTO APPROVATO ALL’UNANIMITA’ DALLA COMMISSIONE


                                                   La VII Commissione,


premesso che:


 


il 26 ottobre 2006, in un esposto all'Ordine dei giornalisti del Lazio, i giornalisti della redazione romana di Telepace hanno denunciato il suo direttore per essere venuto meno agli impegni assunti con il Consiglio dell'Ordine, omettendo di seguire il lavoro di redazione e rifiutando perfino di svolgere un incontro con loro;


 


il 1° dicembre 2006, con lettera aperta ad un quotidiano milanese, il Presidente dell'INPGI ha smentito il direttore di Telepace, rendendo noto che le ispezioni dell'Istituto si sono concluse con un addebito di 70.000 euro di contributi evasi e 20.000 euro di sanzioni a carico dell'emittente;


 


il 15 dicembre 2006 e il 18 gennaio 2007 il direttore di Telepace non si è presentato alle convocazioni del Consiglio dell'Ordine dei giornalisti del Lazio ed è stato riconvocato per il prossimo 15 febbraio;


già il 10 febbraio 2005 l'Ordine dei giornalisti del Lazio aveva contestato al direttore di Telepace di avere delegato le funzioni di vicedirettore a un non iscritto all'Ordine; di avere imposto il timbro del cartellino ai giornalisti, in violazione del contratto nazionale; di avere imposto un filtro alle telefonate, in violazione della legge istitutiva dell'Ordine;


 


ispezioni del Ministero del lavoro e delle politiche sociali hanno rilevato e sanzionato, con 14.000 euro di multa, la violazione della legge che impone l'obbligo di assumere un disabile alle aziende con più di quindici dipendenti;


 


la Procura della Repubblica di Roma ha iscritto nel registro degli indagati quattro dipendenti di Telepace per falsa testimonianza contro i giornalisti licenziati;


 


è stata già rappresentata al Governo l'esigenza di affrontare la vertenza di Telepace, in particolare invitando l'Esecutivo ad indurre il direttore dell'emittente, Monsignor Guido Todeschini, a «fermare i licenziamenti» dei giornalisti della redazione romana dell'emittente, come richiesto dall'interrogazione n. 5-00469, svolta in Commissione cultura nella seduta del 1o febbraio 2007;


 


il 2 febbraio 2007, ignorando gli appelli del Parlamento, del Governo, del Consiglio regionale del Lazio, del Sindaco di Roma e di numerosissime altre autorità, il direttore di Telepace firmava la lettera con la quale comunicava ai suddetti giornalisti il licenziamento, con decorrenza 9 febbraio 2007;


 


considerato altresì che:


 


- la cessazione dei rapporti di lavoro si consuma prima che si concludano le iniziative di sindacato ispettivo del Parlamento e le indagini della magistratura, dimostrando una insensibilità verso le istituzioni da parte dell'emittente;


 


- il direttore di Telepace ha sistematicamente respinto tutte le proposte avanzate dalla FNSI e dai giornalisti stessi, rifiutando il confronto sindacale, come più volte denunciato dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana e dall'Associazione Stampa Romana, dimostrandosi così insensibile anche verso le rivendicazioni delle associazioni sindacali;


 


impegna il Governo:


 


a) ad adottare le iniziative necessarie e urgenti per favorire il mantenimento degli spazi informativi e la revoca dei licenziamenti;


 


b) a favorire un'intesa tra la FNSI e Telepace, sulla base delle determinazioni dell'Ordine dei giornalisti, dell'INPGI, del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, e della disponibilità pubblicamente manifestata dai giornalisti di Telepace;


 


c) a svolgere ogni azione consentita, idonea a contribuire al chiarimento di ogni aspetto della vicenda, ivi compresa la dichiarata crisi economica dell'emittente, anche attraverso accertamenti fiscali, sui bilanci, sulla struttura societaria di Telepace e sulle spese che l'emittente ha sostenuto nell'ultimo periodo.


 


…………………………………………………………..


La storia di Telepace  (in allegato) attraverso


l’intervento del senatore Mario Baccini a Palazzo Madama


…………………………………………………………..







Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com