Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

GENERAZIONE P.
GIORNALISTI
E PRECARI:
IL FUTURO
DELL'INFORMAZIONE

di Marco Patruno

Il virus del precariato ha infettato ormai tutti i settori produttivi del mercato del lavoro, e il giornalismo non è un eccezione alla regola.  Essere giornalisti significa anche non avere una sicurezza economica, non avere un periodo di riposo retribuito, non avere una pensione dopo una vita intera al servizio della professione. Bisogna fare anche i conti con le proprie paure. E la paura di un giornalista precario è quella di ammalarsi perché la malattia non sempre viene riconosciuta. Ma essere giornalisti precari può significare anche un'altra cosa, non meno importante di quelle precedenti. Significa essere dei soggetti deboli. E dei soggetti  deboli sono potenzialmente e più facilmente ricattabili.  Dal datore di lavoro, dal politico di turno o da gente poco raccomandabile. E ovvio che tutto ciò può avere delle ripercussione sullo stato di salute dell’informazione in Italia, che come possiamo apprendere da organi e statistiche internazionali non è così buono.


Secondo le informazioni dell’INPGI, i contratti a termine sono stati 1783 con una crescita percentuale dello 10, 16% da gennaio a giugno del 2007, rispetto al medesimo periodo nel 2006. Su 30.000 giornalisti, soltanto 12.000 mila hanno un contratto. Sembra che gli editori stiano riducendo all’osso la presenza dei contratualizzati nelle redazioni, iniettando massicce dosi di giornalisti con contratti a termine. Ma va detto, che stanno drasticamente aumentando anche i collaboratori esterni, grazie a internet e il proliferare di magazine e giornali on line tale da far prevedere un mutamento rapido e drastico del lavoro giornalistico. Mutamento di scenario che non sarebbe tanto di per se negativo se non fosse per il fatto che ha creato un’ esercito di giovani collaboratori sfruttati e mal pagati. Dove spesso non hanno alcuna forma di difesa per fare valere i loro diritti. Più collaboratori esterni soli e indifesi, e assenza di qualsiasi forma di controllo sulla professione e di tutela degli autori degli articoli.


I dati che lo stesso Ordine dei giornalisti ha raccolto per dare una dimensione e un volto al pianeta variegata del precariato nel giornalismo fanno venire i brividi. Questi sono alcuni dati. 9 mila testate giornalistiche non iscritte al tribunale. 20 mila giovani che lavorano e svolgono informazione senza essere disciplinati e tutelati. 5 mila precari, rilevati in parte dalle ispezioni Inpgi, che lavorano pagati mediamente a 8 euro a pezzo. 2 euro il pagamento minimo per servizio. A questi dati, a mio avviso, va aggiunto anche “l’universo stage” che coinvolge non soltanto la piccola redazione giornalistica con poche risorse e mezzi, ma anche le grandi redazioni giornalistiche nazionali. Va detto, inoltre, che in molti casi la collaborazione viene sancita da un accordo verbale tra il collaboratore e caposervizio. Alcuni ragazzi “i più fortunati” hanno contratti a progetto rinnovabili di anno in anno e in tantissimi altri casi, l’editore obbliga il giovane ad aprire una partita IVA.


I pagamenti oltre ad essere da fame, vengono fatti anche in ritardo. Questa tendenza del ritardo dei pagamenti si manifesta maggiormente negli uffici stampa (2 – 3 mesi di ritardo), cosi come in occasione di nuovi giornali.  I quotidiani e le televisioni sembra che pagano regolarmente, ma il più delle volte a 2/4 mesi.  Alcuni fotografi e freelance hanno accumulato crediti fino a 11 mila euro, a volte i pezzi commissionati dalle redazioni e pubblicati non sono pagati. Nel mondo online, i pagamenti vengono spesso in nero.  E senza contare dei rimborsi spesso inesistenti. Spese telefoniche, viaggi… sono a carico del collaboratore, o meglio, dei giovani collaboratori.


Da questa situazione non c’è certamente da stare allegri, i nuovi scenari pur apportando interessanti novità nel lavoro giornalistico e sfide per il futuro delle professione stanno creando anche le condizioni di una vera e propria anarchia dove soltanto il soggetto più forte a ragione di esistere. A mio avviso, ci vorrebbe anche l’impegno concreto di prestigiose firme che dovrebbero smettere di dedicarsi appassionatamente alla  coltivazione del proprio orticello e prodigarsi alla tutela dei giovani giornalisti. Il primo piccolo passo sarebbe un manifesto o  un appello come ha fatto già il sito di Repubblica.it per il caso Rosy Bindi – Berlusconi perché ritengo che la dignità dei giovani giornalisti, anche questa dovrebbe valere qualcosa, diversamente oggi appello e iniziative sono parole vuote e non avrebbero alcun senso di essere attuate.


In: http://generazionep.blog.lastampa.it/generazione_p/2009/11/giornalisti-e-precari-il-futuro-dellinformazione-di-marco-patruno.html   (del 6/11/2009)


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com