Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Libertà di informazione?
Bonaiuti: “Mai messa in
discussione. Nel 2009 il
Dipartimento editoria
ha erogato 206 milioni
di euro per contributi
diretti alla stampa”.

“Abbiamo sostenuto - ha aggiunto Bonaiuti - 450 testate, tra cui anche "L'Unità" con 6,3 milioni di euro, "Il Manifesto" con 4,3 milioni, "Avvenire" con 6 milioni, "Europa" con 3,5 milioni, "Il Riformista" con 2,5 milioni, "Il Foglio" con 3,5 milioni, "Libero" con 7 milioni. Sono stati erogati 21 milioni per contributi alle emittenti radiofoniche. Vogliamo aggiungere anche i rimborsi delle tariffe postali agevolate? Bene, abbiamo distribuito 273 milioni di euro. Anche a giornali che non sono ritenuti fiancheggiatori del governo". Bonaiuti ha criticato: "Voi state qui e protestate contro l'infrazione della libertà di stampa, mentre l'Agcom ci ha lodato per sensibilità istituzionale e trasparenza". Gratis copie di giornali a un certo numero di giovani meritevoli sotto i 18 anni.

Roma, 30 settembre 2009.  "In questo paese la libertà di stampa e di informazione non è in nessun minuto della giornata messa minimamente a rischio". Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, ha risposto in aula al Senato a un'interpellanza del Partito democratico sullo stato di salute della libertà di informazione in Italia. "Quello che si percepisce nel centrosinistra - ha aggiunto Bonaiuti - è un reale stridio delle unghie sui vetri perché non c'è nessun appiglio a ciò che il senatore Zanda (che ha illustrato l'interpellanza, ndr) dice. Basterebbe che domani mattina lei o altri colleghi scendesse all'edicola e comprasse un fascio di quotidiani e riviste. Sono disposto anche io a partecipare alla lettura per farvi rendere conto di come questo pericolo della libertà di stampa non esista. Se ritiene che questo pericolo si possa estendere alla tv o alla radio, possiamo metterci dalle 18,30 in poi a guardare i diversi tg, passando poi sui talk show e sull'informazione televisiva della prima e seconda serata per renderci conto in concreto di come stanno le cose".


Bonaiuti ha snocciolato alcuni dati a sostegno del suo ragionamento: "Siamo intervenuti mettendo a disposizione, cosa che non è avvenuta per nessun altro settore, dieci milioni di euro per i giornalisti a sostegno della cassa integrazione. Lo stesso abbiamo fatto per i periodici. Poi è stato aperto un tavolo di trattative e abbiamo sollecitato gli editore a intervenire per frenare l'esodo di cronisti dalla carta stampata. Nel 2009 il dipartimento editoria ha erogato 206 milioni di euro per contributi diretti alla stampa. Abbiamo sostenuto - ha aggiunto Bonaiuti - 450 testate, tra cui anche "L'Unità" con 6,3 milioni di euro, "Il Manifesto" con 4,3 milioni, "Avvenire" con 6 milioni, "Europa" con 3,5 milioni, "Il Riformista" con 2,5 milioni, "Il Foglio" con 3,5 milioni, "Libero" con 7 milioni. Sono stati erogati 21 milioni per contributi alle emittenti radiofoniche. Vogliamo aggiungere anche i rimborsi delle tariffe postali agevolate? Bene, abbiamo distribuito 273 milioni di euro. Anche a giornali che non sono ritenuti fiancheggiatori del governo". Bonaiuti ha criticato: "Voi state qui e protestate contro l'infrazione della libertà di stampa, mentre l'Agcom ci ha lodato per sensibilità istituzionale e trasparenza".


Quindi ha proseguito con l'elenco delle attività messe in atto dal governo. "Il dipartimento per l'editoria ha speso 6 milioni di euro, più altre risorse (6-8 milioni) da altre amministrazioni centrali dello Stato. Il 15 luglio 2009 il Consiglio dei ministri ha promosso una giornata per la promozione della lettura ed è stato deciso di mandare in onda una serie di spot e di pubblicità per sostenere la lettura dei quotidiani, con una spesa di 2,4 milioni. Abbiamo in mente anche - ha aggiunto il sottosegretario -, e ne abbiamo parlato con Fnsi e Fieg, di distribuire gratis copie di giornali a un certo numero di giovani meritevoli sotto i 18 anni. Quindi lavoriamo per gli Stati generali dell'editoria". Insomma, "non abbiamo niente di cui ci dobbiamo rimproverare. Abbiamo sempre agito per il meglio come un governo deve fare. Mi stupisco - ha concluso Bonaiuti - che l'opposizione a corto di argomenti ricorra a questa panzana della mancanza della libertà di stampa, danneggiando il prestigio dell'Italia all'estero e ponendoci al livello di paesi che questa libertà non riconoscono". (Velino)


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com