Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
  » Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Corte di Strasburgo
Stampa

IL SOLE 24 ORE
del 23 febbraio 2009.
Diritti dell'uomo. Strasburgo
condanna la Finlandia.

La libertà di stampa
vince sulla privacy.

Compito del giornalista:
Corte europea e giudici
nazionali non possono
verificare se è necessario
o meno pubblicare
una foto o una notizia
di MARINA CASTELLANETA

La libertà di stampa prima di tutto, perché non è solo in gioco la libertà di espressione del giornalista, ma anche quella della collettività di ricevere informazioni. Con la sentenza del 10 febbraio 2009, la Corte europea dei diritti dell'uomo aggiunge un altro tassello a tutela dei giornalisti, attribuendo ai reporter ampi poteri di valutazione sulle modalità di pubblicazione di una notizia accompagnata da una fotografia. Anche se si tratta della divulgazione del nome dell'imputato prima dell'udienza e dei capi d'imputazione su un processo penale ancora pendente.


La vicenda, costata una condanna alla Finlandia, è arrivata a Strasburgo su ricorso di due giornalisti e un editore, condannati dai tribunali nazionali a risarcire un'imprenditrice. Quest'ultima, indagata per frode fiscale, aveva chiesto un indennizzo ritenendo che la pubblicazione di un articolo su indagini a suo carico, prima della conclusione del processo, e la pubblicazione di una sua fotografia, avessero violato il suo diritto alla privacy. La Corte suprema finlandese aveva confermato l'obbligo per i giornalisti di risarcire con 20mila euro la donna, soprattutto per la pubblicazione della foto. Di qui il ricorso alla Corte europea che ha invece dato ragione ai giornalisti e ha condannato la Finlandia.


Prima di tutto – osserva Strasburgo – le ingerenze nel diritto alla libertà di espressione da parte delle autorità statali devono essere motivate da un bisogno sociale imperativo e proporzionate a un fine legittimo. Nel valutare se tali esigenze sussistano, le autorità nazionali hanno un margine di discrezionalità, che però non solo non è illimitato, ma deve tener conto delle posizioni della stessa Corte europea il cui compito è quello di stabilire in via definitiva «se una restrizione è conciliabile con il diritto alla libertà di espressione protetto dall'articolo 10 della Convenzione».


Nella valutazione degli interessi in gioco – diritto alla privacy e diritto a informare – la Corte fa pendere l'ago della bilancia a vantaggio di quest'ultimo. A patto che il giornalista fornisca informazioni, agendo in buona fede e con la dovuta attenzione, su notizie di interesse pubblico e che le fotografie non forniscano dettagli sulla vita privata.


Spetta poi al giornalista e non alla Corte europea né ai tribunali nazionali verificare se la riproduzione di un vecchio articolo riguardante la persona indagata e una sua fotografia siano necessarie, perché è il giornalista che deve decidere sulle modalità di diffusione di una notizia. La pubblicazione dell'informazione sul l'indagine a carico dell'imputata contribuisce – precisa la Corte – alla pubblica discussione su problemi di carattere generale. Così come è giustificata la divulgazione del nome. Questo perché, anche se non si tratta di una figura pubblica o di un politico, la notizia serve ad attirare l'attenzione su un problema generale come quello degli abusi sull'utilizzo di fondi pubblici.


Ingiustificata poi la condanna al risarcimento dei danni a carico dei giornalisti che si sono limitati a fornire notizie di interesse pubblico, specificando che le indagini erano ancora in corso. Un aspetto che i giudici interni non hanno considerato e che invece avrebbero dovuto valutare per non infrangere l'articolo 10 della Convenzione. Di qui non solo la condanna per violazione del diritto alla libertà di espressione, ma anche l'obbligo dello Stato di risarcire i danni morali ai giornalisti e all'editore.


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com