Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
  » Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Deontologia e privacy
Stampa

Provvedimento disciplinare
dell’Ordine dei Giornalisti
della Lombardia:
sanzione della censura
per Mauro Tedeschini
direttore di “Quattroruote”:
violazione delle norme
su pubblicità-informazione

 


Delibera di apertura di procedimento disciplinare


Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia  nella seduta del 19 maggio u.s.


sentito il consigliere istruttore Mario Consani


visti gli articoli 2 e 48 della legge 69\1963 e l’art. 9 della legge 150\2000 e l’art. 44 del Cnlg


ha deliberato  l’apertura del procedimento disciplinare nei confronti del giornalista  Mauro Tedeschini essendo venuto a conoscenza degli atti relativi al procedimento svoltosi il 10 gennaio 2008 dall’Authority Garante della Concorrenza e del Mercato e trasmesso alla casa editrice Editoriale Domus spa. e del provvedimento di condanna inflitto alla medesima casa editrice per i fatti indicati nell’istruttoria stessa.


Considerato che si tratta di una serie di redazionali  pubblicati sui numeri di aprile, maggio, giugno 2007 dal mensile  Quattroruote Vendo e Compro  ritenuti dall’Authority pubblicità occulta a favore delle case automobilistiche  Porsche Italia, Audi,  Volkswagen group Italia, Carnet della Lease Plan Italia e Renault Selection  della società Renault Italia spa.


Considerato che i redazionali sembrano messaggi promozionali commerciali, anche per la posizione molto vicina alle pagine di pubblicità vera e propria  e per la grafica dei servizi  che non aiuta a distinguerli agevolmente dalla   pubblicitàcreando  confusione nel lettore- consumatore  poiché non si percepisce il carattere giornalistico -informativodi ciò che viene pubblicato. Inoltre


i toni spesso enfatici, l’assenza di critica, la presentazione monografica del prodotto fanno sì che l’articolo redazionale appare come sostegno alla pubblicità delle auto reclamizzate nello stesso numero del giornale.


Visti:


l’obbligo “di esercitare con dignità e decoro” la professione (articolo 48 della legge 69\1963 sull’ordinamento della professione  di giornalista;


l’articolo 44 del Cnlg che afferma “ allo scopo di tutelare il diritto del pubblico  a ricevere una corretta informazione, distinta e distinguibile dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli, i messaggi pubblicitari devono essere chiaramente individuabili come tali e quindi distinti anche attraverso apposita indicazione, dai testi giornalistici”. E ancora: “gli articoli elaborati dal giornalista nell'ambito della sua normale attività redazionale non possono essere utilizzati come materiale pubblicitario. I direttori nell'esercizio dei poteri previsti dall'art. 6, e considerate le peculiarità delle singole testate, sono garanti della correttezza e della qualità dell'informazione anche per quanto attiene il rapporto tra testo e pubblicità. A tal fine i direttori ricevono periodicamente i pareri dei comitati di redazione”;


“La Carta dei doveri”, che nel paragrafo dedicato a “Informazione e pubblicità”, afferma: “I cittadini hanno il diritto di ricevere un'informazione corretta, sempre distinta dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli. I messaggi pubblicitari devono essere sempre e comunque distinguibili dai testi giornalistici attraverso chiare indicazioni. Il giornalista è tenuto all'osservanza dei principi fissati dal Protocollo d'intesa sulla trasparenza dell'informazione e dal Contratto nazionale di lavoro giornalistico; deve sempre rendere riconoscibile l'informazione pubblicitaria e deve comunque porre il pubblico in grado di riconoscere il lavoro giornalistico dal messaggio promozionale”;


l’articolo 23 (Trasparenza della pubblicità) del Dlgs 6 settembre 2005 n. 2006 (Codice del consumo, a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229, pubblicato nella Gazz. Uff. 8 ottobre 2005, n. 235, S.O. ) che recita  “la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale. La pubblicità a mezzo di stampa deve essere distinguibile dalle altre forme di comunicazione al pubblico, con modalità grafiche di evidente percezione”


Conseguentemente  Mauro Tedeschini è invitato a comparire davanti a questo Consiglio il  giorno martedì 8 luglio alle ore 18.30 con avvertimento che potrà farsi assistere da un legale di fiducia, che ha facoltà di presentare documenti e memorie difensive, che può esercitare i diritti garantiti dagli art. 22 e 25 della legge 241\1990.


 


Sentenza


Prot. n. 3646 /08/                                                                                            Milano,  29 luglio 2008


Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia nella seduta dell’8 luglio 2008, ha emesso il seguente


Provvedimento disciplinare


Nel procedimento disciplinare a carico di:


Dott. Mauro Tedeschini, assistito e rappresentato dall’avv. Teodoro E. Dalavecuras.


 


IN FATTO


Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, sentito il consigliere istruttore Mario Consani,


visti gli articoli 2 e 48 della legge 69/1963 e l’art. 9 della legge 150/2000 e l’art. 44 del Cnlg ha deliberato il 4 giugno scorso l’apertura del procedimento disciplinare nei confronti del giornalista Mauro Tedeschini, “essendo venuto a conoscenza degli atti relativi al procedimento svoltosi il 10 gennaio 2008 dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato e trasmesso alla casa editrice Editoriale Domus s.p.a. e del provvedimento di condanna inflitto alla medesima casa editrice per i fatti indicati nell’istruttoria stessa.


Considerato che si tratta di una serie di redazionali pubblicati sui numeri di aprile, maggio, giugno 2007 dal mensile Quattroruote Vendo e Compro ritenuti dall’Autority pubblicità occulta a favore delle case automobilistiche Porsche Italia, Audi, Volkswagen group Italia, Carnet della Lease Plan Italia e Renault Selection della società Renault Italia s.p.a.


Considerato che i redazionali sembrano messaggi promozionali commerciali, anche per la posizione molto vicina alle pagine di pubblicità vera e propria e per la grafica dei servizi che non aiuta a distinguerli agevolmente dalla pubblicità creando confusione nel lettore – consumatore poiché non si percepisce il carattere giornalistico – informativo di ciò che viene pubblicato. Inoltre i toni spesso enfatici, l’assenza di critica, la presentazione monografica del prodotto fanno sì che l’articolo redazionale appare come sostegno alla pubblicità delle auto reclamizzate nello stesso numero del giornale.


Visti


l’obbligo “di esercitare con dignità e decoro” la professione (articolo 48 della legge 69/1963 sull’ordinamento della professione di giornalista”;


l’articolo 44 del Cnlg che afferma “allo scopo di tutelare il diritto del pubblico a ricevere una corretta informazione, distinta e distinguibile dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli, i messaggi pubblicitari devono essere chiaramente individuabili come tali e quindi distinti anche attraverso apposita indicazione, dai testi giornalistici”. E ancora: “gli articoli elaborati dal giornalista nell’ambito della sua normale attività redazionale non possono essere utilizzati come materiale pubblicitario. I direttori nell’esercizio dei poteri previsti dall’art. 6, e considerate le peculiarità delle singole testate, sono garanti della correttezza e della qualità dell’informazione anche per quanto attiene il rapporto tra testo e pubblicità. A tal fine i direttore ricevono periodicamente i pareri dei comitati di redazione”;


“La Carta dei doveri”, che nel paragrafo dedicato a “Informazione e pubblicità”, afferma “I cittadini hanno il diritto di ricevere un’informazione corretta, sempre distinta dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli. I messaggi pubblicitari devono essere sempre e comunque distinguibili dai testi giornalistici attraverso chiare indicazioni. Il giornalista è tenuto all’osservanza dei principi fissati dal Protocollo d’intesa sulla trasparenza dell’informazione e dal contratto nazionale di lavoro giornalistico; deve sempre rendere riconoscibile l’informazione pubblicitaria e deve comunque porre il pubblico in grado di riconoscere il lavoro giornalistico dal messaggio promozionale”;


L’articolo 23 (Trasparenza della pubblicità) del D.lgs 6 settembre 2005 n. 206 (Codice del consumo, a norma dell’articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n . 229, pubblicato nella Gazz. Uff. 8 ottobre 2005, n. 335, S.O.) che recita “la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale. La pubblicità a mezzo stampa deve essere distinguibile dalle altre forme di comunicazione al pubblico, con modalità grafiche di evidente percezione”.


Il collega Mauro Tedeschini è stato perciò convocato per l'audizione nella seduta del giorno 8 luglio 2008.


In precedenza, Tedeschini aveva fatto pervenire, per mezzo del suo legale, una memoria difensiva in cui respingeva gli addebiti in quanto, a suo modo di vedere, la rivista mensile “Quattroruote Vendo&Compro” non effettua pubblicità occulta.


La doglianza difensiva veniva ribadita ed approfondita nel corso della seduta dell’8 luglio 2008, in cui la difesa insisteva principalmente su due profili.


Il primo, di natura soggettiva, consisteva nell’estraneità del Tedeschini rispetto alle pubblicazioni incriminate in quanto non firmate dal medesimo, non essendo ad avviso della difesa direttamente desumibile, dal capo di incolpazione, l'eventuale diversa contestazione rivolta al direttore.


Il secondo, di natura oggettiva, relativo alla natura di “catalogo” del mensile “Quattroruote Vendo&Compro” in quanto “è un giornale di puri annunci: è Secondamano relativo all’auto, niente di più e niente di meno. Questo è testimoniato dal prezzo, è testimoniato dal tipo di sfoglio che c’è, è testimoniato da tutto il vissuto che c’è in edicola su questo tipo di giornali. Ripeto, ce ne sono due, a livello nazionale, e ce ne sono diversi a livello più locale perché ci sono giornali che hanno annunci soltanto su Milano, su Roma e che quindi hanno un tipo di... peraltro devo anche aggiungere, sempre a livello di spiegazione: il conto economico di questi giornali si è un pochino complicato da quando con l’avvento di internet e con portali particolarmente efficaci, tipo Autoscount 24, questo tipo di ricerca viene fatto molto adesso su internet perché internet è molto più veloce, dà la possibilità di cercare l’automobile in maniera molto più mirata mentre invece questi giornali soffrono il fatto che essendo mensili capita molto spesso che con i tempi di stampa che ci sono, magari noi usciamo con una macchina che nel frattempo è già stata venduta, cosa che con internet non avviene perché in internet la macchina ce l’ha là sopra la macchina e quindi questo ha ulteriormente complicato il quadro di un giornale che certamente non sta vivendo un momento molto felice e proprio per questo, ripeto, noi si lo facciamo un po’ con la mano sinistra nel senso che è per noi un impegno molto, ma molto relativo e molto modesto insomma”.


Le tesi difensive non meritano però accoglimento per i seguenti motivi


 


IN DIRITTO


Al fine di una migliore comprensione della presente decisione si richiama qui di seguito integralmente il capo di incolpazione notificato al Tedeschini, che ben evidenzia sia i profili di fatto che quelli di diritto contestati al direttore di “Quattroruote Vendo&Compro”.


Dalla lettura del capo di incolpazione è  facilmente desumibile la condotta contestata al Tedeschini, che è quella tipica del direttore responsabile di un periodico; le ragioni soggettive della “vocatio in ius” del Tedeschini erano peraltro chiaramente esplicitate dall’espresso richiamo all’art. 44 del Cnlg, contenuto nel capo di incolpazione – che qui si riproduce -  laddove si legge “I direttori nell’esercizio dei poteri previsti dall’art. 6, e considerate le peculiarità delle singole testate, sono garanti della correttezza e della qualità dell’informazione anche per quanto attiene il rapporto tra testo e pubblicità. A tal fine i direttori ricevono periodicamente i pareri dei comitati di redazione”


In virtù del suo ruolo, il Tedeschini è perciò responsabile per tutto quello che viene pubblicato sul giornale. Sta a lui organizzarsi in maniera tale che le sue strutture redazionali vigilino sul rispetto delle regole deontologiche della professione. A norma dell'articolo 3 della legge 47/1948  sulla stampa, ogni giornale (o altro periodico) deve avere "un direttore responsabile". Secondo unanime giurisprudenza di legittimità “Si desume dal significato complessivo della disposizione - in cui l'articolo indeterminato (un) ha anche un valore numerale - che il direttore indicato a norma dell'articolo 5 della stessa legge come responsabile risponde del mancato controllo del contenuto del giornale considerato unitariamente e in ogni sua parte” (Cassazione penale, Sez. V, sent. n. 2817 dell’11 aprile1986).


Inoltre, l’articolo 57 c.p. (letto in maniera coordinata con l’articolo 7 della legge 633/1941 e con l’articolo 6 del Cnlg), dà al direttore il potere di controllare articoli, rubrica delle lettere, inserzioni e testi pubblicitari. L’ultima parola spetta quindi sempre al direttore responsabile.


Ancora, secondo la Suprema Corte (Cass. pen. Sez. V, 02-12-2004, n. 46786) “deve esserci coincidenza tra la funzione di direttore o vice-direttore responsabile e la posizione di garanzia”. Il direttore deve organizzare il giornale in modo che non rimanga escluso il suo diretto controllo anche “sul contenuto delle edizioni regionali,… non essendovi la possibilità di delegare tale potere-dovere di controllo”. La Corte costituzionale (C. cost, 24 novembre 1982, n. 198) è stata investita della questione di legittimità costituzionale dell'art. 3 della legge n. 47/1948 e dell'art. 57 c.p. proprio con riferimento ai direttori di grandi periodici, per l'asserita disparità di trattamento dell'azienda giornalistica rispetto alle "altre aziende di diversa natura presso le quali è consentita la ripartizione dei poteri e delle rispettive responsabilità", e ha ritenuto che l'identificazione del responsabile nel solo direttore del giornale trovi giustificazione nel fatto che egli, per la sua funzione, più degli altri è in grado di seguire l'attività del giornale. Pertanto, secondo la Corte costituzionale rispondono a un criterio razionale, che giustifica la diversità di trattamento rispetto ai dirigenti di altre aziende, “le disposizioni suddette che attribuiscono al solo direttore la responsabilità del controllo sul contenuto del giornale”. “A norma dell'art. 3 della legge n. 47/1948 sulla stampa ‘ogni giornale (o altro periodico) deve avere un direttore responsabile’ (o vice direttore responsabile nelle ipotesi di cui ai commi 4° e 5° del citato art. 3): si desume dal significato complessivo della disposizione, in cui l'articolo indeterminato (un) ha anche un valore numerale, che il direttore indicato a norma dell'art. 5 della stessa legge come responsabile, risponde del mancato controllo del contenuto del giornale considerato unitariamente e in ogni sua parte; pertanto nessuna rilevanza riveste ai fini di tale reato il conferimento interno di una parziale autonomia ad un condirettore relativamente ad una determinata rubrica e, tanto meno, un'inammissibile delega del potere-dovere di controllo” (Cass. pen., 11/04/1986).


Il direttore è il punto di riferimento professionale e anche morale per i giornalisti della sua testata. Un giornale (on-line, cartaceo, televisivo oppure radiofonico) senza direttore responsabile è come una nave senza nocchiero. “Il direttore ha la funzione di imprimere al giornale quella che di esso può definirsi l’impostazione complessiva e di evitare sbandamenti al di fuori del campo non solo del diritto positivo, ma anche di quello ben più ampio del corrente costume professionale. Il direttore è sempre il punto di riferimento professionale e anche morale per i suoi redattori. E proprio per questo motivo, nonostante la sua sia un’attività caratterizzata dall’immediatezza, dalla corsa continua alla notizia (è insomma una corsa col tempo) gli fanno capo una serie di doveri tra cui in primo luogo quello di esercitare le prerogative di tale figura e, in particolare, quella della vigilanza, indispensabile per garantire quella libertà di informazione e di critica che la legge vuole assicurare come necessario fondamento di una libera stampa”. (CNOG. 3.11.1999 – respinto ricorso Caterina Vezzani avverso delibera Ordine Lombardia del 9.9.1996, Pres. Petrina - Rel. Porcù)


Tali considerazioni, di fatto e di diritto, a parere di questo Consiglio comportano la reiezione della prima doglianza difensiva.


Quanto al secondo profilo, ovvero quello relativo alla natura di “catalogo” del Mensile “Quattroruote Vendo&Compro” si osserva quanto segue.


Le pubblicazioni oggetto del presente procedimento disciplinare sono dedicate all’illustrazione del servizio di garanzia ed assistenza offerto dalle diverse case automobilistiche o di leasing agli acquirenti dei propri autoveicoli e sono caratterizzate da alcuni “redazionali” esplicativi a commento che escludono la possibilità di ricollegare “Quattroruote Vendo&Compro” alla categoria della stampa periodica pubblicitaria, che deve uniformarsi alla L. n. 47/1948 ma la cui peculiarità è l’assenza di articoli di informazione. Del resto, che la definizione di “catalogo” avanzata dalla difesa Tedeschini a proposito del mensile “Quattroruote Vendo&Compro” sia da intendersi in senso puramente atecnico, lo si desume facilmente dal fatto che il periodico risulti regolarmente dotato non solo di un direttore responsabile iscritto all'Albo dei giornalisti ma anche di una redazione giornalistica.  Dunque nessun dubbio che si tratti a pieno titolo di pubblicazione giornalistica e non pubblicitaria.


Dalla lettura degli articoli che appaiono su “Quattroruote Vendo&Compro”, al contrario, emergono però chiaramente “espressioni elogiative, magnificative e suggestive” inserite “in maniera artificiosa e innaturale nel contesto degli articoli” così come adeguatamente motivato dall’AGCM con il provvedimento – sia pure impugnato dal collega Tedeschini davanti al Tar, ma che questo Consiglio regionale   nelle motivazioni condivide  - che ha irrogato una sanzione pecuniaria all’Editoriale Domus ed agli operatori pubblicitari interessati dagli articoli.


Tale condotta determina una illegittima confusione tra il ruolo di chi dà un messaggio giornalistico e quello di chi dà un messaggio pubblicitari,o in quanto cela dietro una pubblicazione giornalistica la più chiara espressione di pubblicità occulta.


E’ bene precisare che secondo un ormai consolidato principio giurisprudenziale, qualora i toni enfatici e le espressioni usate nella stesura dell’articolo connotino i messaggi comunicati come inequivocabilmente pubblicitari in quanto privi dei toni distaccati e dei contenuti imparziali ed obbiettivi che contraddistinguono le informazioni di carattere scientifico, ne consegue una ovvia valutazione circa la loro matrice promozionale.


Anche il T.A.R. del Lazio, pronunciandosi in casi analoghi a quello oggetto dell’odierno procedimento disciplinare ha avuto modo di affermare che “l’art. 4 del D.Lgs n. 74/1992 vieta qualsiasi ‘camuffamento’ di un messaggio pubblicitario sotto sembianze diverse allorché la dissimulazione della natura pubblicitaria del messaggio sia di per sé idonea ad indurre in errore il destinatario, pregiudicandone il comportamento economico” (T.A.R. Lazio, sez. I, 19.06.2003, n. 5450) e ancora “non appare plausibile che, per informare i lettori su alcuni prodotti, il periodico, anziché sottolineare gli aspetti sostanziali e concreti che ne giustificano la segnalazione rispetto ad altri prodotti similari, faccia uso di espressioni immaginifiche” (T.A.R. Lazio, sez. I, 22.05.2002, n. 4563).


E ancora la citata decisione del CNOG 3.11.1999: “Nel rapporto informazione-pubblicità deve affermarsi l’autonomia dell’informazione rispetto ai condizionamenti posti dal potere industriale ed economico ed al loro intrecciarsi. Autonomia e libertà di stampa devono rafforzarsi soprattutto nella coscienza e nella professionalità del giornalista, il quale deve vigilare sui giusti equilibri tra spazi redazionali e spazi pubblicitari, sulla separazione tra gli uni e gli altri e contro le infiltrazioni della pubblicità indiretta, affinché un giornale resti tale e non si trasformi in un catalogo commerciale”.


Si evidenzia, infine,  che il comportamento scorretto oggetto di procedimento è maggiormente acuito dalla grande diffusione del mensile “Vendo&Compro di Quattroruote”, leader nel settore.


Alla luce delle precedenti considerazioni, il Consiglio ritiene provata la responsabilità disciplinare del giornalista Mauro Tedeschini. Quanto infine alla determinazione della sanzione concretamente irrogabile, ritenendo la violazione commessa di grave entità  anche  in relazione  al ruolo  direttivo  rivestito da Mauro Tedeschini - che nel corso dell'audizione non sembra aver mostrato di comprendere fino in fondo la valenza negativa del suo comportamento - il Consiglio ritiene congrua la sanzione della censura.


 


Il presidente dell’OgL-estensore


Letizia  Gonzales


_________________________________________________________


In http://www.odg.mi.it/node/32022#sentenza si possono leggere:


Delibera di apertura


Memoria difensiva


Sentenza


______________________________________________________





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com