Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
  » TV-Radio
Unione europea - Professioni
  TV-Radio
Stampa

IL SOLE 24 ORE dell’11.12.2008.

Televisione. Il sistema favorirà
la concentrazione degli operatori
- Emittenza locale in difficoltà

Il digitale riapre i giochi in tv:
Rai e Mediaset insieme sul
satellite. ReteA e La7 in vendita

di Marco Mele


È davvero un'Italia diversa, quella televisiva. La transizione alla tv tutta digitale è iniziata in Sardegna il 31 ottobre e nel 2009, secondo il calendario stilato dal Governo, toccherà il 30% degli italiani. Dal 16 giugno 2009 a Roma e in gran parte del Lazio non sarà più possibile vedere Rai2 e Rete 4 con gli attuali televisori analogici. Il modello Sardegna sarà il modello Italia, con tanto di metodo consociativo sulla ripartizione delle reti digitali, anche se la disponibilità di frequenze sarà inferiore e il numero delle tv superiore.


A maggio partirà Tivù, la piattaforma satellitare Rai-Mediaset, con partecipazione minoritaria di Telecom Italia Media, a supporto dell'offerta digitale terrestre. Tra Rai e Sky e tra Mediaset e Sky il pendolo, da qui a maggio, oscillerà tra l'intesa e la guerra commerciale a vantaggio della prima. Sulla Champion's League, Mediaset ha evitato di presentare un'offerta per la tv free, permettendo alla Rai di dimezzare il prezzo. La Rai crea una nuova piattaforma satellitare con Mediaset mentre il direttore generale Claudio Cappon "chiude" con Sky l'accordo per lo scambio Olimpiadi-Mondiali di calcio, che a Mediaset non piace proprio.


Dagli altri soggetti presenti nel sistema televisivo nazionale arrivano segnali di una crisi che viene da lontano. Il gruppo Espresso-Repubblica ha dato mandato a Mediobanca di trattare la vendita di Rete A, per ora senza risultati. La 7 e il 51% di Mtv Italia, dopo il piano industriale di Telecom e i 25 licenziamenti, è sul mercato. Per ora si procede in esclusiva con un Fondo statunitense interessato soprattutto alle frequenze, in vista di un loro futuro utilizzo per servizi di Tlc. La pay de La 7 è stata ceduta agli svedesi di Air Plus, che hanno già ridimensionato i progetti editoriali iniziali.


Alcuni gruppi che sono in posto utile nella graduatoria di quelli che potranno accedere, a pagamento, al 40% della capacità trasmissiva di Rai, Mediaset e Telecom Italia, hanno rinunciato, come Nbc-Universal mentre Turner e Disney hanno chiesto un canale in meno rispetto alle richieste iniziali. Editori nazionali, come Rcs e De Agostini, hanno rinunciato prima della selezione. De Agostini, con il successo dell'Opa su Zodiak, sta creando un polo internazionale dei contenuti, in competizione con Mediaset. In Spagna De Agostini opera anche come broadcaster. In Italia, no.


Dall'emittenza locale arrivano segnali di crescente difficoltà. Il presidente delle tv locali della Frt, Maurizio Giunco, evidenza il bilancio deficitario tra i costi richiesti dal passaggio al digitale - per la conversione degli impianti e la produzione di contenuti - e le risorse prevedibili. Vi sarà da affrontare la maggiore offerta di Rai e Mediaset nelle regioni digitali e l'offerta tematica dei gruppi che trasmetteranno sul 40% della capacità trasmissiva. Le tv locali perdono, con il passaggio al digitale, il loro maggior punto di forza: la pre-sintonizzazione sul telecomando dei telespettatori.


Più che un sistema digitale innovativo, il modello Sardegna dà vita a un inedito sistema analogico-digitale, dove alla moltiplicazione dell'offerta e al miglior utilizzo delle frequenze fa riscontro una crescita della concentrazione e delle distanze tra i grandi operatori integrati e gli altri editori.


I rapporti tra Rai, Mediaset e Sky risentono di quanto accade dopo il passaggio al digitale in Sardegna. Gli ascolti premiano Sky e i canali gratuiti di nicchia, come Rai4. Mediaset si trova un po' scoperta: ha puntato forte sui contenuti pay e ma è debole su quelli gratuiti.


Il raddoppio dell'Iva sulla pay tv? È stato un modo per dire a Sky: l'Italia "conta", devi trattare con le istituzioni e i gruppi nazionali, senza pensare di risolvere i problemi a Bruxelles. A maggio parte la piattaforma satellitare Tivù (Telecom Italia Media ha il 4% e ha rifiutato un'opzione per salire al 33%). È possibile che Rai e Mediaset pensino di lasciarvi in esclusiva satellitare Rai1, Canale5 e le altre tv nazionali? Per Sky sarebbe un duro colpo ma Rai e Mediaset comprometterebbero le trattative in corso (a giugno scade l'accordo Sky-RaiSat) e avrebbero quale effetto collaterale la riduzione degli ascolti per i loro canali.


marcomele.blog.ilsole24ore.com


 


 


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com