Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Addio a Sergio Lepri, storico direttore dell'ANSA

20.1.2022 - A capo dell'Agenzia dal 1962 al 1990, aveva 102 anni. Era nato a Firenze il 24 settembre 1919. Laureato in filosofia all'universita' di Firenze, aveva insegnato nelle scuole statali come professore di storia e filosofia. Al giornalismo era arrivato attraverso la stampa clandestina, cioe' dopo aver diretto, nell' inverno 1943-1944, durante l'occupazione tedesca, l'organo clandestino del Partito Liberale ''L' opinione''.


.Fotoracconto. Sergio Lepri, una vita per il giornalismo


.Video. Sergio Lepri: "Ho fatto il giornalista per contribuire a democrazia e liberta' nel Paese"


.Video. Sergio Lepri: "Il giornalismo sopravvive se assicura veridicita'"


.Video. Sergio Lepri: "Passato e' passato, nostro compito e' inventare il futuro"


LA VITA E LA CARRIERA DI SERGIO LEPRI


Nato a Firenze il 24 settembre 1919, aveva partecipato da giovanissimo alla Resistenza diventando poi insegnante di storia e filosofia nelle scuole statali. Raggiunse il giornalismo tramite la stampa clandestina, dirigendo a Firenze il giornale del Partito Liberale.


Il privilegio di un serio giornalismo è quello di non schierarsi. Io sono arrivato al giornalismo alla fine della guerra. Giovani come me decisero di fare il giornalista perché era uno strumento per arricchire il patrimonio informativo di tutti. Strumento di conoscenza, di democrazia e libertà come servizio. Il giornalismo sopravvive se assicura veridicità.


Con queste parole, Lepri definiva la sua idea di professione giornalistica, guidando generazioni di giornalisti negli anni.


Durante il governo democristiano, fu scelto da Amintore Fanfani come portavoce, divenendo capo del Servizio stampa a Palazzo Chigi. Nel 1960 fu assunto dall’Ansa, prima come vicedirettore e, un anno dopo, come direttore. Per trent’anni è stato alla guida dell’Agenzia, facendola crescere nel giro di un anno da semplice impresa artigianale. Negli anni ’70, infatti, divenne la quarta agenzia di stampa nel mondo.


Nel corso della sua lunga carriera, Lepri ha anche scritto decine di libri riguardanti l’informazione, la storia e la politica. Sergio Lepri è stato anche autore di libri di storia, come "L’agenzia Stefani da Cavour a Mussolini" edito da Le Monnier nel 1999 e ripubblicato nel 2001. L’ultima fatica letteraria a 94 anni con Ettore Bernabei, "Permesso, grazie, scusi. Dialogo fra un cattolico fervente (Ettore) e un laico impenitente (Sergio)".


 §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Addio a Sergio Lepri, maestro di giornalismo sempre dalla parte della Costituzione. Il cordoglio della Fnsi


Storico direttore dell'Ansa, aveva 102 anni. «Con lui se ne va un pezzo di storia della nostra professione, un maestro per generazioni di cronisti», ricorda il sindacato, che rivolge alla famiglia, agli amici e ai colleghi un commosso abbraccio.

La Federazione nazionale della Stampa italiana esprime profonda tristezza per la morte di Sergio Lepri, storico direttore dell'agenzia Ansa, giornalista scrupoloso e appassionato, esempio di equilibrio e stile, sempre dalla parte della Costituzione, morto giovedì 20 gennaio 2022.
Partigiano, fu tra i padri di quella libertà di stampa che gli italiani seppero ricostruire sulle macerie lasciate dal fascismo e dalla guerra. Osservatore attento e lucido critico, ha attraversato da protagonista tutte le fasi del giornalismo repubblicano, sempre pronto a dispensare utili consigli e raccontare curiosi aneddoti.
Con Sergio Lepri se ne va un pezzo di storia della nostra professione, un maestro per generazioni di cronisti, autore di pagine indelebili di buon giornalismo. La Fnsi si stringe alla famiglia, ai figli, i giornalisti Maria, Paolo e Stefano, agli amici, ai colleghi dell'Ansa cui rivolge un commosso abbraccio.
Nato a Firenze il 24 settembre 1919, Lepri è stato direttore dell'Ansa dal 1962 al 1990. Laureato in filosofia, aveva insegnato nelle scuole statali come professore di storia e filosofia. Al giornalismo era arrivato attraverso la stampa clandestina, dopo aver diretto, nell'inverno 1943-1944, durante l'occupazione tedesca, l'organo clandestino del Partito Liberale 'L'opinione'.
Lavorò prima alla 'Nazione del popolo' di Firenze, poi al 'Mattino dell'Italia centrale'. Quando il quotidiano cambiò la sua testata in 'Giornale del mattino', ne divenne redattore capo, non tralasciando l'attività di editorialista e inviato speciale, particolarmente all'estero. Le sue inchieste negli Stati Uniti e nell'Unione Sovietica - che furono pubblicate anche dal 'Gazzettino' di Venezia e dal 'Mattino' di Napoli, oltre che da altri quotidiani di cui era abituale collaboratore - gli valsero rispettivamente il premio giornalistico nazionale 'Marzotto' (1953) e il Premio 'Saint Vincent' (1956).
Articoli, servizi e corrispondenze vennero pubblicate, inoltre, dal 'Mondo', dall''Illustrazione italiana' dal 'Messaggero' e da altre testate. Dopo essere stato corrispondente da Parigi del 'Giornale del mattino' e di altri giornali (1956 e 1957) e capo dell'ufficio stampa della presidenza del Consiglio (1958 e 1959), nel 1960 entrò all'Ansa.
Sergio Lepri è stato anche prolifico saggista e docente di Linguaggio dell'informazione alla Scuola di giornalismo dell'Università Luiss.
In occasione del suo centesimo compleanno, il 24 settembre 2019, una delegazione della Fnsi lo incontrò per portargli il saluto del sindacato dei giornalisti. La foto che riportiamo in alto fu scattata in quella occasione.
Esecutivo Usigrai: «Sergio Lepri ci lascia i suoi insegnamenti»
L'Usigrai esprime il proprio cordoglio per la morte di Sergio Lepri, per lunghi anni direttore dell'Ansa. Ci lascia i suoi insegnamenti e la sua testimonianza di professionista, convinto che il giornalismo sia uno strumento di servizio, di conoscenza, di democrazia e di libertà. Un mestiere che si fonda sull'indipendenza e sul rigore. La centralità della verifica delle notizie ha fatto dell'Ansa un punto di riferimento per i giornalisti e per le istituzioni. I suoi richiami all'attenzione al linguaggio e alle parole hanno anticipato i tempi. Insieme abbiamo condotto battaglie per la difesa dell'informazione e per un giornalismo libero e indipendente. L'Usigrai si stringe alla figlia Maria, ai suoi fratelli e ai suoi amici e colleghi.

Il cordoglio del presidente del Cnog, Carlo Bartoli
«Esprimo a nome di tutto il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti il cordoglio per la scomparsa di Sergio Lepri, storico direttore dell'agenzia Ansa e maestro del giornalismo italiano». Lo afferma il presidente del Cnog, Carlo Bartoli. «Non ha mai smesso – prosegue – di essere giornalista, sempre attento all'evoluzione e alle innovazioni della nostra professione, sempre disponibile ad incontrare i giovani praticanti per trasmettere loro i fondamenti del mestiere. Ho vivissimo il ricordo dell'ultimo incontro con lui, a Firenze in Palazzo Vecchio, in occasione della cerimonia di premiazione alla carriera per i suoi cento anni. Infaticabile, dal tratto gentile ed acuto, è stato il punto di riferimento per tante generazioni di giornalisti. Siamo vicini alla sua famiglia, ai suoi figli, i colleghi Maria, Paolo e Stefano, e a tutti coloro che hanno lavorato al suo fianco. Serbiamo di lui il ricordo di una persona di grande spessore umano, culturale e professionale».


@fnsisocial


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com