Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Venti giornalisti su 100 non hanno la Pec e non possono votare per l’Ordine.

di professionereporter

26.9.2021 - I giornalisti non amano la Pec. Tanto da cambiare la composizione del futuro Consiglio dell’Ordine. Quest’anno per poter votare alle elezioni per l’Ordine i giornalisti devono avere la Pec, la Posta Certificata, che ha lo stesso valore ufficiale delle raccomandate. Uno strumento moderno, che esiste da vent’anni, che dal 2005 è equiparata appunto alle raccomandate con la ricevuta di ritorno e che richiede la perdita di dieci/quondici minuti per essere attivata. Alcuni Ordini regioni, come quello del Lazio, offrono il pacchetto completo a tutti i colleghi che lo richiedano: attivazione e gestione, pressoché gratuita.


Eppure ora nel momento in cui la Pec diventa requisito per votare gli Ordini sono andati a controllare gli elenchi e hanno scoperto vuoti paurosi. Nel Lazio circa il 20 per cento del giornalisti non ha la Pec, e anche nelle altre Regioni le cifre sono rilevanti. Molti candidati si sono messi in moto per telefonare a tutti gli inadempienti, ma senza riuscire a colmare le lacune. I no-pec appaiono spesso determinati, quasi come i no-vax.


Conseguenza: Lazio, Piemonte e Lombardia hanno un numero di aventi diritto al voto più basso e hanno perso tre seggi. Uno l’ha guadagnato la Valle D’Aosta con il saldo finale che il nuovo Consiglio dell’Ordine avrà 58 consiglieri anziché 60. - IN https://www.professionereporter.eu/2021/09/venti-giornalisti-su-100-non-hanno-la-pec-e-perdono-il-diritto-di-votare-per-lordine/





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com