Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

CdR Domani: Eni ci chiede soldi preventivi per danno reputazionale. La libertà di stampa non è in vendita.

30.7.2021 - L’Eni ha chiesto al quotidiano Domani di versare centomila euro come risarcimento per un articolo pubblicato martedì 27 luglio. Altrimenti, scrivono gli avvocati dell’azienda, «abbiamo già ricevuto mandato di agire a tutela della nostra assistita nelle sedi giudiziarie ritenute più opportune».


La richiesta è inusuale non solo perché l’azienda chiede un risarcimento immediato «entro dieci giorni dal ricevimento della lettera». Ma anche perché precisa che questo pagamento non esaurisce le richieste di Eni che, in ogni caso, si riserva il diritto di chiedere ulteriori danni.


Per Eni l’articolo pubblicato il 27 luglio sarebbe diffamatorio poiché sottolinea che la motivazione con cui i giudici hanno assolto la società nel suo lungo e complicato processo per corruzione internazionale «riconosce la possibilità di una tangente ma punta il dito contro i pm che sarebbero stati incapaci di portare le prove piene per la condanna».


In altre parole, per la società sarebbe diffamatorio riportare o analizzare qualunque parte della sentenza che non sia la formula dell’assoluzione «perché il fatto non sussiste». Un’idea curiosa della libertà di stampa, che di sicuro non appartiene ai giornalisti e alle giornaliste del quotidiano Domani.


Ricevere questo tipo di attenzioni da parte della più potente e ricca società del paese non è facile, soprattutto per un giornale appena nato. Ma allo stesso tempo è un segnale che quel giornale sta facendo bene il suo lavoro. Se il giornalismo non scomoda ricchi e potenti non è un giornalismo libero.


Il comitato di redazione e l’assemblea dei redattori di Domani esprimono solidarietà al collega Alfredo Faieta, autore del pezzo pubblicato martedì 27, e a tutti gli altri colleghi che hanno lavorato a questo caso e a vicende simili.


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com