Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Il Sole 24 Ore 10 luglio 2021.
Una commissione per il futuro dell'Inpgi. Commissariamento posticipato al 31 dicembre, soluzione entro ottobre. Le soluzioni ipotizzate finora sono due: far confluire l' Inpgi in Inps, oppure ampliare la base degli iscritti dell' Inpgi, facendovi confluire i lavoratori che si occupano di comunicazione, o (sub-ipotesi recente) tutti i lavoratori dell' editoria. Se, finora, a livello normativo e nei vertici dell' Inpgi ha prevalso la seconda ipotesi (prevista nel Dl 34/2019), nella commissione "debutta" ufficialmente l' Inps che si è già detta pronta a incamerare l' istituto dei giornalisti o che in caso contrario "perderebbe" iscritti.

Altri sei mesi di tempo a disposizione dell' Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi) per evitare il commissariamento, atto conseguente ai ripetuti squilibri di bilancio della gestione dei lavoratori dipendenti. L' ulteriore proroga è arrivata ieri tramite un emendamento al decreto legge Sostegni-bis approvato dalla Commissione bilancio della Camera, che ora dovrà avere il via libera dell' aula e poi del Senato (il precedente termine del 30 giugno è già stato superato).


L' emendamento da un lato sostituisce il 30 giugno con il 31 dicembre, lasciando inalterata la finalità della proroga introdotta dalla legge 178/2020, quindi dando ulteriore tempo all' Inpgi per ridurre gli squilibri, anche se lo ha appena fatto con una delibera, insufficiente, ora al vaglio dei ministeri vigilanti. Dall' altro introduce una nuova finalità, cioè «consentire i necessari approfondimenti» entro il 20 ottobre a opera di una commissione tecnica con rappresentanti dei ministeri del Lavoro, dell' Economia, della Presidenza del consiglio dei ministri, di Inpgi e Inps.


«Arriviamo in questo modo alla definizione di un tavolo di confronto per lavorare insieme sulla sostenibilità del sistema sempre garantendo l' autonomia dei giornalisti» ha spiegato Fabio Melilli (Pd), presidente della Commissione bilancio alla Camera.


Ma per Tommaso Nannicini (Pd), presidente della Commissione parlamentare di controllo degli enti previdenziali, «non è il momento di rinvii ma di decisioni. La situazione dell' Inpgi ha bisogno che si chiarisca subito quale strada si intende percorrere per tutelare le pensioni dei giornalisti».


Le soluzioni ipotizzate finora sono due: far confluire l' Inpgi in Inps, oppure ampliare la base degli iscritti dell' Inpgi, facendovi confluire i lavoratori che si occupano di comunicazione, o (sub-ipotesi recente) tutti i lavoratori dell' editoria. Se, finora, a livello normativo e nei vertici dell' Inpgi ha prevalso la seconda ipotesi (prevista nel Dl 34/2019), nella commissione "debutta" ufficialmente l' Inps che si è già detta pronta a incamerare l' istituto dei giornalisti o che in caso contrario "perderebbe" iscritti.


«L' istituzione di una commissione tecnica che affronti i nodi della crisi strutturale dell' Inpgi è una buona notizia - ha commentato Marina Macelloni, presidente Inpgi - e noi siamo pronti a confrontarci con tutti gli attori del sistema in qualunque momento».- MATTEO PRIOSCHI





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com