Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

ADDIO A CARLO DE BARBERIS, GRANDE CRONISTA DEL VECCHIO "GIORNO" CON LA PASSIONE PER IL MARE (SKIPPER DI PROVATE CAPACITÀ). E' MORTO AD ANTIBES DOVE VIVEVA DA tempo DOPO IL PENSIONAAMENTO. AVEVA 82 ANNI.

di Giorgio Guaiti

“E questa sarebbe una Cronaca?”. La voce, inconfondibile, piombava sullo stanzone di piazza Cavour con puntualità quotidiana. E non c’era bisogno di girarsi per sapere chi avesse posto la domanda. Era il segnale che De Barberis (Carlo o Carletto, o anche Debby) era arrivato. Quello era il suo saluto: ironico e provocatorio, ma ugualmente amichevole e affettuoso. Carlo De Barberis ha attraversato da protagonista le stagioni de Il Giorno. Alla metà degli anni ‘70, nella vecchia redazione di via Fava, fra i tavoloni verdi e le macchineda scrivere, era un jolly della Cronaca: nera, bianca, ma anche “cucina”, per dare una mano ai capiservizio. Non era nel gruppo dei senatori (Rizza,Gadda, Acquarone, Delfino), ma per i più giovani era già un punto di riferimento sicuro, degno di una fiducia che lui ricambiava con consigli intelligenti e immancabili provocazioni: “Ecco, arrivano qui con le pezze al sedere, poi diventano professionisti e si montano la testa”. De Barberis era così: lavoro attento e scrupoloso, ma anche un pizzico di goliardia, distribuita senza timori reverenziali. Come quando il grande capo, Gianni Locatelli, tentava invano di sollevare la cornetta del telefono, che Debby aveva subdolamente fissato all’apparecchio con sapienti giri di nastro adesivo. Poi ci furono i lunghi anni passati a Palazzo di Giustizia e spesi, con successo, nel difficile compito di coniugare la precisione delle informazioni e del lessico giudiziario con una prosa accattivante e, quando possibile, leggera. Infine, prima del pensionamento, l’ingresso nella “stanza dei bottoni”, da caposervizio, per orientare e coordinare il lavoro degli altri. Articoli, servizi, turni di notte, ma anche un costante impegno sindacale, che De Barberis ha vissuto al Giorno, nel Comitato di Redazione, e in Lombarda, sempre con disponibilità, entusiasmo e con ineccepibile onestà.


Al di fuori del giornale però la sua grande passione era il mare. Skipper di provate capacità, aveva cominciato a muoversi “in società” con altri colleghi (Giancarlo Rizza e Adalberto Falletta) per poi passare ai lunghi viaggi in solitaria (qualche volta anche con il suo cane), fino ad arrivare alla traversata del Tirreno, dalla Liguria alla Sicilia. Avventure, guai, difficoltà, emozioni, che poi, soltanto se sollecitato, riferiva, da buon cronista, ai colleghi. Ed è impossibile dimenticare il racconto dell’incontro-scontro notturno con una balena. Dormivano tutti e due. Carlo sottocoperta, con la strumentazione automatica in funzione. La balena a pelo d’acqua. E, all’impatto, tutti e due si svegliarono di soprassalto. Così lui, scaraventato giù dalla cuccetta, fece in tempo a salire e vedere la grande coda della balena, che, scocciata, si inabissava. Carlo ci rideva, ma se quella coda avesse colpito la barca…


Ed è stato ancora il mare a riempire gli anni della pensione, con il grande balzo: la prora sulla Costa Azzurra, il trasferimento ad Antibes, la progressiva francesizzazione. Nuovi viaggi, ma negli ultimi tempi, anche tanto tempo passato sulla barca ormeggiata: a controllarla, custodirla, sistemarla, pur sapendo che non si sarebbe più mossa. Infine gli anni della sofferenza, fra la dialisi e l’attesa di un trapianto che non è mai arrivato. E lì, ad Antibes, ieri ci ha lasciato per l’ultima volta.  Ciao Debby.





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com