Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Amanzio Possenti rievoca la figura storica del suo direttore, monsignor Andrea Spada, per 51 anni responsabile dell'Eco di Bergamo.

L‘1  dicembre di 16 anni fa moriva monsignor Andrea Spada, 96 anni, storico direttore per 51 anni del quotidiano ’l’Eco di Bergamo’. La morte avveniva a Schilpario, suo paese natale. A Bergamo,  commemorazione martedì 1 dicembre nella Chiesa delle Grazie.


Andrea Spada, mito del giornalismo a detta di molti colleghi, leggenda vissuta nella realtà per chi, come il sottoscritto, gli è stato accanto per lunghi anni a ‘L’Eco di Bergamo’, la creatura tanto amata. Ricordandone le singolarità umane e professionali, devo sottolinearne - al di là della nitida e scultorea scrittura, di rara sensibilità, chiarezza e armoniosa bellezza di stile negli editoriali - l’impegno forte e generoso  nell’assicurare certezza di  continuità al giornale.


Furono anni duri quelli fra il ’60  e il’70, dei quali seppe tenere per sé – neanche la redazione ne fu mai informata -  l’enorme sforzo  personale segnato, nel silenzio operoso, da fondati  timori di non farcela: confidando nella Provvidenza, che non  gli mancò mai, e dedicandosi ad avvicinare al quotidiano persone giuste, capaci di dare fiato e spinta efficace  in momenti critici, fece uscire ‘l’Eco’ dalle secche di una condizione  preoccupante; e avviò ai successi  nell’incremento costante degli abbonamenti e delle copie vendute. Rinacque un ‘Eco’ ad alto livello, anche grazie alle tecnologie offset.


Era tale il carisma da consentirgli non solo di essere il numero uno del ’suo’ giornale – lo era in modo indiscutibile, riconosciuto Maestro da colleghi autorevoli, in primis Indro Montanelli -   ma da essere atteso dai lettori nel tradizionale appuntamento domenicale in prima pagina. Scriveva gli editoriali il pomeriggio del sabato, nel suo ufficio in fondo al lungo corridoio, nel silenzio totale della redazione; i suoi commenti  avevano  il dono  del graffio cristiano-umano sulla realtà senza mai essere  né tiepidi né confessionali. Così come gli elzeviri di terza pagina, preparatori - mirabili - della riforma liturgica e della Messa in italiano dopo il Concilio.


 Un pizzico di ‘ bergamaschità’ convinta e mai nascosta e un animo sereno gli permettevano di entrare nel gusto della gente, con affetto. Sapeva come ‘fare il giornale’, badava ai titoli e alla qualità espressiva dei testi: raccomandava, negli incontri con i redattori e nelle lettere che ci inviava circa il comportamento sulla notizia, regina della informazione: ‘articoli secchi, scritti bene, completi, senza trionfalismi, fronzoli o  astruserie pseudo letterarie’. Precisava: ‘come si fosse seduti al bar con amici e si narrasse un episodio di cui si è stati testimoni’.  Il titolo, vera vetrin? Occorreva sentirlo dentro di sé ‘nel linguaggio semplice  possibilmente solo con sostantivi’.


Si faceva accompagnare tutte le mattine da mio fratello Renato, capocronista, passeggiando in viale Roma con l’Eco sottobraccio ed evitando quanti lo riverivano (ne era infastidito)  o lo complimentavano (  tagliava subito corto ) e da Renato si faceva raccontare la cronaca della vita cittadina, alla quale partecipava raramente, essendo riservato, da valligiano scalvino. Voleva bene a noi redattori, severo sul lavoro: a me è capitato più volte che mi telefonasse di mattino presto facendomi una risoluta (e meritata) ramanzina poiché aveva  trovato articoli poco graditi  o titoli non  chiari nelle mie pagine. Poi mi invitava ad andare a pranzo con lui -‘a disnà - per sanare a tavola la situazione del rimarco.


Nell’oltre mezzo secolo di guida del giornale, recordman   assoluto - dal 1938 (prima della guerra, durante la quale fu cappellano militare sommergibilista, lui nato in mntagna) sino al 1989 -   ha lasciato testimonianze auree sulla professione del giornalista. Le esprimeva talvolta in dialetto: guardare, capire, scrivere senza enfasi, in buon italiano, essere testimoni mai protagonisti, leggere molto dei colleghi   e rispettare tutti, lettori e notizia, con spirito cristiano.  Quelle ‘regole’ restano ancora e sempre le mie.


AMANZIO POSSENTI





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com