Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Pensioni, la brutta sentenza della Corte costituzionale.

di Alberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali/corriere della sera


9.11.2020 -La Corte Costituzionale - che consideriamo un importante contrappeso rispetto alla claudicante politica - con la sentenza sulle cosiddette pensioni d’oro, annunciata lo scorso 22 ottobre con un comunicato stampa, ha prodotto a nostro sommesso avviso un grave vulnus sia alla certezza del diritto sia all’uguaglianza tra i vari soggetti nei confronti della legge, accreditando per giunta una falsa comunicazione sociale del precedente governo gialloverde.


Nell’esame di legittimità costituzionale sollevate dal Tribunale di Milano e dalle sezioni giurisdizionali della Corte dei Conti per il Friuli-Venezia Giulia, il Lazio, la Sardegna e la Toscana, sulle misure di contenimento della spesa previdenziale disposte dalla Legge di Bilancio 2019 a carico delle pensioni di importo elevato sia per quanto concerne la riduzione della rivalutazione all’inflazione per il triennio 2019-2021 delle pensioni superiori a 5 volte il minimo sia per la decurtazione percentuale per cinque anni delle pensioni superiori a 100.000 euro lordi annui, il cosiddetto contributo di solidarietà, la Corte ritiene legittimo il “raffreddamento della perequazione” (così lo chiama) in quanto ragionevole e proporzionato. E ritiene pure legittimo il “contributo di solidarietà” anche se ne riduce la vigenza a 3 anni, fino a tutto il 2021, ritenendo eccessiva la durata quinquennale, rispetto all’orizzonte triennale del bilancio di previsione dello Stato.


 Ci si potrebbe chiedere cosa c’è di ragionevole e proporzionale nel decurtare le pensioni a pochissimi soggetti e per così tanto tempo? Non si tratta certamente di "super-ricchi" ma di persone che hanno lavorato 40 anni e più, e oggi sono per lo più ultra settantenni. Possibile che l’unica censura non riguardi la sostanza del provvedimento ma solo la sua durata? Lo stupore aumenta soprattutto leggendo le precedenti sentenze della Corte che aveva sì avvallato misure simili ma affermando categoricamente che dovevano essere di durata limitata nel tempo e non ripetitive.


 Per memoria si ricorda che: 1) le mancate rivalutazioni iniziano con il governo Prodi che, nel 1997, azzera la rivalutazione delle pensioni di importo superiore a 5 volte il minimo, cioè pensioni nette da 1.430 euro circa; l’azzeramento si protrae fino alla fine della legislatura con i governi D’Alema e Amato. Si ritorna alla normalità nel periodo 2001/2006 (governi Berlusconi) ma già nel 2008 la rivalutazione delle pensioni sopra 8 volte il trattamento viene azzerata, ancora una volta dal governo Prodi. Con il governo Berlusconi e fino al 2011, i pensionati ricevono la loro regolare rivalutazione sulla base della legge 388/2000, poi le cose precipitano con i successivi governi Monti, Letta, Renzi, Gentiloni, Conte 1 e Conte 2. Per la suprema Corte non basta come ripetitività? Si pensi che chi nel 2006 prendeva 3.000 euro lordi (2.100 netti) ha perso in meno di 13 anni quasi trentamila euro, cioè ben due terzi di una annualità di pensione; con 4.000 euro lordi al mese (2.800 netti) ha perso poco meno di un intero anno di pensione: 48.769 euro su 52.000 euro annui. Questa situazione ha penalizzato poco più di 3 milioni di pensionati su 16 milioni in totale, proprio quelli che i contributi e le imposte le hanno pagate, a differenza degli oltre 8 milioni di pensionati totalmente o parzialmente assistiti dallo Stato che, insieme ad altri 2 milioni, di imposte nella loro vita ne hanno pagate poche.


2) Già il titolo del provvedimento governativo “misure di contenimento della spesa previdenziale” avrebbe dovuto mettere in guardia la suprema Corte: la norma infatti propone risparmi di spesa per forse 70 milioni netti l’anno per 5 anni ma, contestualmente, aumenta la spesa pensionistica per oltre 50 miliardi con Quota 100 e la pensione di cittadinanza. Non pare alla Corte che ci sia una grave incongruenza considerando che i provvedimenti citati sono a debito e sulle spalle delle giovani generazioni?


3) C’è poi la sostanza della falsa comunicazione sociale del governo, segnatamente dell’allora Ministro del Lavoro che parla di ricalcolo delle pensioni al fine di correlarle ai contributi versati "tagliando gli ingiusti privilegi": un'affermazione falsa che non giova certo alla coesione sociale. Dalla Corte mi sarei aspettato almeno una censura, anche perché se si dovesse fare il ricalcolo a contributivo almeno la metà dei pensionati rimarrebbe senza pensione, mentre ricalcolando a contributivo le pensioni cosiddette d’oro, la maggior parte dei trattamenti dovrebbero essere aumentato.


4) In materia di taglio la Corte non ha fatto alcuna verifica che, invece, avrebbe potuto fare agevolmente con l’INPS sulle modalità di calcolo: avrebbe scoperto che non è stato fatto alcun ricalcolo matematico o attuariale, ma solo un brutale incremento di tasse a carico di soli 35.600 "vecchietti" che, dopo una vita di contributi e tasse, si sono visti aumentare senza alcun calcolo la loro tassazione.


5) Quanto alle modalità di decurtazione esposte nella circolare 62/2019 dell’INPS, emergono ulteriori perplessità: a) l’utilizzo della Gestione Separata e dei contributi dal 2012 al 2019 tutti già calcolati a contributivo che, quindi, si dovrebbero scorporare dall’importo dell’ammontare totale della pensione; b) il conteggio delle ricongiunzioni onerose, pagate o in pagamento dai beneficiari, le contribuzioni volontarie o i riscatti di laurea e specializzazioni; c) la scelta di colpire anche i pensionati che hanno contribuito per più di 40 anni e che, nel retributivo, non davano luogo ad alcuna prestazione o, ancora, quelli che sono andati in pensioni a 71 o più anni, come i magistrati.


Il rischio è che in futuro si potrebbero tagliare anche le pensioni da 35-50mila euro che già oggi non beneficiano di deduzioni e detrazioni, aumentando a dismisura la progressività: e cosa potrebbe dire la Corte dopo questa pronuncia?  (in Corriere della Sera, 9 novembre 2020)


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com