Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

EDITORIA. Fondo giornalisti, è scontro in cda sul direttore generale. I giornalisti: Micocci, consigliere Fieg, è in conflitto di interessi.

di Federica Micardi/ilsole24ore

16.7.2020 - Spaccatura tra giornalisti ed editori sulla nomina di Marco Micocci a direttore del fondo di previdenza complementare dei giornalisti. È la prima volta da quando il fondo è stato costituito nel 1987. La nomina di un nuovo direttore si è resa necessaria a causa delle dimissioni di Giancarlo Tartaglia. A fronte di questa decisione il consigliere in carica Fieg Micocci si è detto disponibile ad assumere la carica. «Noi giornalisti - spiega la vicepresidente del fondo Simona Fossati - abbiamo chiesto di fare un bando pubblico, in nome della trasparenza e cercare una persona adatta sul mercato. A questo bando, pubblicato a dicembre, hanno risposto in 23 soggetti esterni al fondo e il professor Micocci, che però secondo noi non possiede le caratteristiche richieste; sia per la presenza di conflitti di interesse sia per non aver mai svolto il ruolo di direttore generale in altri fondi».


In particolare, secondo i giornalisti interni al Cda, la candidatura di Micocci contrasta con il bando per la ricerca di un nuovo direttore generale. L' articolo 3, lettera e), del bando, infatti, richiede che il candidato non si trovi in «situazioni di conflitto di interesse, anche potenziale, derivanti da rapporti di controllo, di partecipazione o relazione d' affari, advisory o altra situazione soggettiva anche part time, con i soggetti coinvolti nel network operativo del Fondo. Inpgi è la Funzione finanza del Fondo, e Micocci lavora con loro da anni, inoltre è stato messo nel Cda da una delle fonti istitutive del fondo, la Fieg, altro fatto che fa scattare, secondo noi, l' incompatibilità». Dopo un' attenta selezione si arriva a una short list di quattro nomi, tra cui Micocci. «Abbiamo cercato a tutti i costi un accordo con gli editori - racconta Simona Fossati -; abbiamo proposto di scegliere loro tra i candidati della short list (escluso Micocci), ma non hanno voluto».


Per il presidente Raffaele Alessandro Serrau la nomina di Micocci si è resa necessaria per uscire da una fase di stallo - il bando è stato chiuso a dicembre, la nomina è avvenuta a giugno - e ha una serie di vantaggi: «Micocci è un consulente, dal punto di vista contrattuale è più facile allontanare un consulente che un dipendente, infatti ha un mandato che scade alla fine di questa consiliatura (2023).


Inoltre non c' è conflitto d' interessi perché abbiamo a che fare con un professionista, un tecnico; il suo non è un ruolo politico. Inoltre gli iscritti stanno calando, in 10 anni rischiano di dimezzarsi, un direttore dipendente ha dei costi che domani potrebbero essere pesanti da affrontare».


Micocci, attuario, iscritto all' albo dei revisori, è professore ordinario di matematica finanziaria ed attuariale presso la facoltà di Economia dell' Università di Cagliari. Ha tre lauree: in Economia e commercio, in Scienze statistiche e attuariali e in Scienze bancarie, finanziarie e assicurative. La sua collaborazione con l' Inpgi, che va avanti da almeno dieci anni - è stato lui a elaborare il bilancio di previsione post riforma del 2015 in cui si profilava una tenuta dell' istituto in base ai dati sul lavoro non di settore forniti dal ministero - lo mettono, secondo i giornalisti del Cda, in una posizione di potenziale conflitto d' interessi.


Micocci non ritiene la sua nomina illegittima: «Non parlerei di conflitto di interessi, svolgo più attività come libero professionista» e in merito all' aver votato per se stesso, azione considerata dal gruppo dei sei giornalisti contraria all' articolo 2391 del Codice civile, Micocci si dice certo di rientrare in una delle situazioni in cui questo voto è possibile. «La mia è una nomina tecnica e non politica - afferma -; credo che questo confronto tra i membri del Cda sia una questione politica. Il direttore generale deve dar seguito a disposizioni normative dove molti comportamenti sono decodificati, non ha libertà di manovra strategica che appartiene al Cda». E in merito al fatto di non essere mai stato direttore di un fondo Micocci sottolinea di possedere le conoscenze necessarie insegnando matematica finanziaria all' università. Elementi che però non convincono i giornalisti, che in quattro hanno inviato una lettera alla direzione del fondo chiedendo l' annullamento della nomina.





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com