Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Fnsi: i giornalisti garantiti presto come i collaboratori, sfruttati e allontanati. Parola di Pasquale Motta.

(da professione reporter)

5.7.2020 - I giornalisti precari, la loro condizione da rider, da moderni schiavi, dovrebbe ammonire i giornalisti oggi garantiti. Potrebbe essere quello il loro futuro. O qualcosa del genere. Parola di Mattia Motta, segretario aggiunto della Fnsi e presidente della Commissione nazionale lavoro autonomo del sindacato. Un giornalista che si occupa da anni della condizione dei collaboratori. Motta chiede una reazione di tutti i cdr e di tutte le redazioni contro lo sfruttamento dei freelance.

“Le vicende sindacali che riguardano giornalisti precari, autonomi e freelance in queste settimane vanno guardate nell’ottica di una “macchina del tempo” dagli altri colleghi: se si considerano i loro guai oggi -ha detto Motta- si può prevedere cosa sarà il lavoro nel settore dell’informazione e dell’editoria domani, quest’autunno. Il quadro è di tagli indiscriminati, pessime relazioni sindacali e soppressione di posti di lavoro”.


Motta, piacentino, 38 anni, è responsabile dell’ufficio stampa della Camera del lavoro di Piacenza. Ha lavorato alla Cronaca di Piacenza e alla Libertà di Piacenza. Dal 2015 è nella giunta esecutiva della Fnsi. Sta seguendo la vicenda dei collaboratori del Messaggero, dopo la decisione dell’editore Caltagirone di ridurre i compensi con l’obbligo di accettazione: prendere o lasciare: “Ai colleghi del Messaggero che entro il 14 luglio dovrebbero mettere la loro testa sotto la ghigliottina del “dentro o fuori” con tagli del 30 per cento a fronte di servizi più lunghi, dico di non accettare l’ultimatum. C’è uno stato di agitazione dichiarato a fine giugno dall’Assemblea dei giornalisti precari della testata, spero che il Gruppo Caltagirone arrivi a più miti consigli e si sieda a discutere con la compagine sindacale». Giovedì 2 luglio c’è stata una riunione della Clan, in conference call, con i rappresentanti regionali dei lavoratori autonomo di tutta Italia.


«Far finta di non vedere che i collaboratori sono determinanti per l’uscita delle edizioni locali è assurdo. Se l’azienda non accetta di discutere con il sindacato, credo che l’Assemblea dei giornalisti non dipendenti del giornale sarà costretta a alzare il livello del conflitto. Consigliamo ai manager del gruppo Caltagirone di aprire il confronto ed evitare questa brutta figura».


«Oggi più che mai – aggiunge Motta – siamo tutti sulla stessa barca, e non intendo solo redattori e freelance, veri o presunti; ma tutta la comunità, che deve vigilare sul mantenimento di un livello della qualità dell’informazione  adeguato alle sfide che aspettano il sistema-Paese. C’è il caso Messaggero e il caso Gazzetta del mezzogiorno, dove si arriva anche a 14 mesi di collaborazioni non pagate. L’informazione autorevole faticherà a fare la propria parte in assenza di corrette relazioni sindacali, e di strumenti normativi come l’Equo compenso: Commissione che se ne occupa è stata convocata l’ultima volta alla fine di gennaio, chiediamo, ora più che mai, al governo di riconvocarla al più presto».


Per Motta, «sarebbe auspicabile una reazione compatta di Cdr e redazioni, con Assostampa sui territori e Fnsi, contro queste logiche aziendali secondo le quali il taglio indiscriminato del costo del lavoro è l’unica strada per arginare la crisi Covid. Affidare a precari pagati 7 euro al pezzo la copertura delle province, abdicare alla qualità dei prodotti editoriali e chiudersi a riccio di fronte a tutte le richieste del sindacato è un atteggiamento che deve compattare tutta la categoria su valori di fondo della comunità giornalistica. Il settore “non respira”, per questo iniziative come quelle assunte  dal Coordinamento dei Cdr del Veneto a tutela della filiera dell’informazione è ossigeno per i precari giornalisti e per il settore intero. Serve una mobilitazione nazionale».


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com