Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Redattrice batte Sky in giudizio. Resta assegnata a Roma.

10.6.2020 - Il Giudice dott. Tizzano del Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, ha annullato in via d'urgenza il trasferimento da Roma a Milano disposto da Sky in piena emergenza Covid-19 di una giornalista addetta alla sede romana, fruitrice dei benefici 104 per la madre 80enne, con due figlie minori a carico.


Il Tribunale (ordinanza n. 47079/2020) ha rilevato che a fronte delle comprovate esigenze di assistenza e della disponibilità più volte manifestata dalla lavoratrice a mutare le proprie condizioni di lavoro pur di rimanere a Roma, Sky non ha provato la sussistenza delle ragioni tecniche e organizzative del trasferimento; e che anzi vi sono, per stessa ammissione della società, posti assegnabili, anche in relazione a nuove iniziative editoriali, ma non assegnati per ragioni non definite, posizioni che non escludono la professionalità della collega.


Il Tribunale ha aggiunto che il fatto che attualmente i giornalisti Sky siano per lo più in smart working non elimina le ragioni del ricorso d'urgenza, posto che per disposizione aziendale si attuerà a breve una rotazione nel rientro in redazione, dalla quale non v'è motivo di ritenere che la lavoratrice resterà esclusa.


Sky dovrà quindi riassegnare la giornalista, assistita dall'Avv. Claudia Costantini dello Studio d'Amati, alla sede di Roma.


È una ulteriore pronuncia che difende le lavoratrici giornaliste protette dalla legge 104 da trasferimenti unilaterali (inclusa la risoluzione del rapporto di lavoro) e che indica come non chiari e generici i criteri per l’assegnazione dei colleghi e delle colleghe nel presidio di Roma dopo il trasferimento a Milano.


  Segreteria Associazione Stampa Romana





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com