Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
  » Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Storia
Stampa

76 anni fa venne assassinato a Roma dai nazisti e dagli scherani fascisti della banda Koch il giornalista milaanese Eugenio Colorni, patriota ed eroe della Resistenza, ebreo, socialista,medaglia d'oro al valor militare alla memoria. Nel 1943-44 organizzò a Roma il centro militare del Partito Socialista.

di Pierluigi Roesler Franz

30 maggio 2020. -   Ricorre oggi il 76esimo anniversario dell'uccisione a Roma del giornalista milanese di origine ebrea Eugenio Colorni, classe 1909, patriota, socialista, partigiano combattente, eroe della Resistenza e uno dei massimi promotori del federalismo europeo assieme all'ex comunista Altiero Spinelli e ad Ernesto Rossi di Giustizia e Libertà. Professore di lettere, filosofo (era studioso di Leibniz e Kant), scrittore e politico, si impegnò politicamente contro il regime fascista, prima avvicinandosi al gruppo di Giustizia e Libertà, poi al Partito Socialista. Sposato e padre di tre figlie, Colorni dal 1931 collaborò con numerose testate: Il Convegno, La Cultura, Civiltà Moderna, Solaria e Rivista di Filosofia. Per i suoi scritti fu arrestato e condannato al confino a Ventotene con Rossi e Spinelli per oltre due anni dal gennaio 1939 perché antifascista. Nell'isola laziale discusse del futuro del Vecchio Continente e nell'inverno tra il 1940 e il 1941 concepì con Rossi e Spinelli il progetto di una federazione di Stati europei di cui gettò le basi politiche in quello che verrà conosciuto come il "Manifesto di Ventotene". Alla fine del 1941 fu inviato al soggiorno obbligato a Melfi, ma fuggì il 6 maggio del 1943 e si rifugiò a Roma. Passato alla clandestinità si dedicò da latitante nella capitale all’organizzazione del Psiup. Negli anni 1943-44 partecipò alla Resistenza e ne diventò un esponente di primo piano. Ma non riuscì a vedere la capitale finalmente liberata dall'occupazione nazista. Morì a 35 anni sotto la falsa identità di Franco Tanzi all'ospedale San Giovanni di Roma il 30 maggio 1944 dopo essere stato gravemente ferito due giorni prima in via Livorno 20 da una pattuglia di militi fascisti della banda Koch.


Colorni fu il quarto giornalista ad essere ucciso dai nazifascisti nella Seconda Guerra Mondiale dopo la fucilazione a Bologna di Ezio Cesarini (veneto di nascita di Montebello Vicentino, ma bolognese d'adozione, medaglia d'argento al valor militare alla memoria) il 27 gennaio 1944 e a Forte Bravetta a Roma dei colleghi di "Bandiera Rossa" il milanese Carlo Merli e il milanese d'adozione, ma nativo di Massa Carrara, Enzio Malatesta (medaglia d'oro al valor militare alla memoria) avvenuta il 2 febbraio 1944.


Colorni fu decorato con la Medaglia d'oro al valor militare alla memoria concessagli il 25 aprile 1946 con la seguente motivazione: "Indomito assertore della libertà, confinato durante la dominazione fascista, evadeva audacemente dedicandosi quindi a rischiose attività cospirative. Durante la lotta antinazista, organizzato il centro militare del Partito Socialista Italiano, dirigeva animosamente partecipandovi, primo fra i primi, una intensa, continua e micidiale azione di guerriglia e di sabotaggio. Scoperto e circondato da nazisti li affrontò da solo, combattendo con estremo ardimento, finché travolto dal numero, cadde nell'impari gloriosa lotta. Roma, 28 maggio 1944". (cliccare nel sito del Quirinale http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=14140).


In via Livorno 20 a Roma nel luogo dove venne ferito a morte fu posta il 24 settembre 2014 dall’Assessore alla Cultura del Comune di Roma Giovanna Marinelli, dal Presidente della “Fondazione Buozzi” Giorgio Benvenuto, dal Presidente della “Fondazione Nenni” Giuseppe Tamburrano e dal Presidente dell’Anpi di Roma Ernesto Nassi una nuova lapide per ricordare la memoria di Eugenio Colorni (cliccare su https://www.pietredellamemoria.it/pietre/lastra-al-giornalista-eugenio-colorni-roma/  e https://www.anpi.it/articoli/1305/nuova-lapide-a-roma-in-memoria-di-eugenio-colorni ). Fino ad allora per molti anni vi erano, invece, in mostra addirittura tre lapidi: una spaccata in due dai vandali, un'altra semilleggibile perché scurita dal tempo e l'ultima, posta nel 2004 dalla III Circoscrizione del Comune di Roma, persino erronea (cliccare su: http://www.chieracostui.com/costui/docs/search/schedaoltre.asp?ID=5221, e https://www.google.it/maps/@41.914751,12.522584,3a,44.3y,161.93h,100.43t/data=!3m4!1e1!3m2!1sxwKmsBYb85aP__yWJpdeQA!2e0 )


A Colorni sono state intitolate strade a Roma (nel quartiere Prati), Ciampino, Napoli, Varese, Pavia, Forlì e Trieste, mentre a Milano la Scuola Media "Eugenio Colorni" in via Paolo Uccello.


Pierluigi Franz /Presidente del Sindacato Cronisti Romani presso l'Associazione Stampa Romana.                                                                                                                           xxxxxxxxxxxxx                                                                                                                              Per saperne di più su Eugenio Colorni


Eugenio Colorni nel ricordo dell'ANPI http://www.anpi.it/donne-e-uomini/eugenio-colorni/


xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


Eugenio Colorni nel ricordo di Critica Sociale- EUGENIO COLORNI FEDERALISTA http://www.criticasociale.net/index.php?&function=rassegna_stampa&rid=0000532


xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


Eugenio Colorni ricordato nell'Enciclopedia Italiana - II Appendice (1948) di A. Tam. - http://www.treccani.it/enciclopedia/eugenio-colorni_%28Enciclopedia-Italiana%29/


xxxxxxxxx


COLORNI, Eugenio - Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 27 (1982) di Eugenio Garin http://www.treccani.it/enciclopedia/eugenio-colorni_%28Dizionario-Biografico%29/


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com