Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

MEMORIA.IL 9 MAGGIO DI 42 ANNI FA MORIVA A CINISI PEPPINO IMPASTATO (uno dei 30 giornalisti italiani uccisi dalla mafia o dal terrorismo a causa del loro lavoro).

Roma, 8 maggio 2020 - Domani 9 maggio è il 42mo anniversario della morte di Peppino Impastato, uno dei 30 giornalisti italiani uccisi a causa del loro lavoro e ricordati con ampia documentazione sul sito "Cercavano la verità", www.giornalistiuccisi.it, l’archivio online inaugurato in occasione della Giornata Mondiale per la Libertà di stampa, dall’Associazione Ossigeno per l’Informazione Onlus.


Aveva trent’anni quando Impastato fu ucciso a Cinisi nella notte tra l’8 e il 9 maggio 1978, lo stesso giorno del ritrovamento del corpo senza vita di Aldo Moro. Per questo la notizia della sua morte passò quasi inosservata nelle cronache locali e nazionali (qui un approfondimento pubblicato da Ossigeno, tratto dalla tesi di laurea di Silvia Petricca del 2012).


Come per tanti altri giornalisti uccisi, le indagini furono depistate: si parlò di atto terroristico, poi di suicidio. Ci sono voluti 23 anni per giungere all’epilogo: solo nel 2001 la Corte d’Assise di Palermo condanna i mandanti mafiosi Vito Palazzolo e Gaetano Badalamenti, quel “Tano seduto” di cui Impastato, dai microfoni di Radio Aut, raccontava traffici e soprusi, con l’arma tagliente dell’ironia. Come ricostruito sul sito “Cercavano la verità”, nel 2018 si conclude, poi, il processo sul depistaggio, avviato nel 2011, con la condanna del generale dei Carabinieri Antonio Subranni per favoreggiamento e di tre sottufficiali per concorso in falso, reati che però cadono in prescrizione.


Impastato, che proveniva da una famiglia mafiosa, ruppe con il padre perché amava la sua terra e la sognava libera dal morso della mafia. Del suo impegno giornalistico e anche politico e culturale, della ricerca dei responsabili della sua morte e dell’eredità del suo pensiero, si parla diffusamente sul sito “Cercavano la verità” (leggi), che oltre a offrire contenuti originali, richiama anche la documentazione prodotta da altre organizzazioni, offre bibliografie, filmografie e fotografie, antologie di articoli e filmati, testimonianze e contributi esterni.


Il sito, che - tra gli altri - ha ricevuto il plauso della Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatović, del Senatore Pietro Grasso e dell’ex presidente della commissione antimafia Rosy Bindi, è un luogo dove la memoria diventa il motore per la diffusione della consapevolezza dell’importanza della tutela del diritto-dovere di informare. (OSSIGENO).


 


--





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com