Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

INPGI: IN 5 ANNI SPESI 128 MILIONI DI EURO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI: 260 milioni di euro la spesa dal 2009 ad oggi.

3.2.2020- Il Gruppo romano giornalisti pensionati si mobilita a fianco dell’Associazione Stampa Romana che si è appellata alla Fnsi per uno sciopero contro i 50 prepensionamenti al Corriere della Sera un “primo rumoroso effetto della nuova norma sui prepensionamenti” con in più “effetti vecchi e perversi”. Una norma di legge truffa che incoraggia gli editori nel disegno, questo si perverso, di sbarazzarsi dei giornalisti professionisti e di ricorrere ampiamente al precariato sfruttato e sottopagato.


La raffica di prepensionamenti selvaggi è disposta, difatti, dall’art. 1 commi 498/500 della legge 160/2019, la legge sul bilancio ex Finanziaria, appena in vigore, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 30/12/2019. Saranno almeno un migliaio i prepensionamenti da quest’anno al 2027 non in base a crisi aziendali, o “prospettiche”, e nemmeno fittizie, ma dietro semplice richiesta di editori che “presentino un piano di riorganizzazione o ristrutturazione aziendale”.  E come se non pesassero queste misure a mettere in ginocchio un giornalismo in affanno e un Inpgi, già in esubero di pensionati, la norma ci mette un altro carico da 11 prevedendo per ogni 2 prepensionamenti “un’assunzione di giovani di età non superiore a 35 anni, giornalisti o soggetti con competenze professionali in linea con i programmi di rilancio, riconversione digitale, sviluppo aziendale”.


Se si avesse per davvero a cuore le sorti di un giornalismo professionale e di una informazione di qualità, come finora si predica a chiacchiere, basterebbe che il governo si ravvedesse presentando subito alla Camera un emendamento di abolizione della norma in questione da aggiungere agli altri emendamenti nel decreto mille proroghe in via di conversione in legge.  Il presidente Romano Bartoloni





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com