Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Storica sentenza della Cassazione a Sezioni Unite Civili di grande importanza per i pubblicisti che svolgano attività giornalistica in modo esclusivo in una redazione.


2.2.2020.  Storica sentenza della Cassazione a Sezioni Unite Civili di notevole rilievo per i pubblicisti che svolgano attività giornalistica in modo esclusivo in una redazione. La Suprema Corte, presieduta da Giovanni Mammone, su conforme richiesta dell'Avvocato Generale MARCELLO MATERA, decidendo su una questione di massima di particolare importanza in tema di rapporto di lavoro giornalistico, ha affermato che "l'attività svolta dal collaboratore fisso espletata con continuità, vincolo di dipendenza e responsabilità di un servizio rientra nel concetto di "professione giornalistica". Ai fini della legittimità del suo esercizio è condizione necessaria e sufficiente la iscrizione del collaboratore fisso nell'albo dei giornalisti, sia esso elenco dei pubblicisti o dei giornalisti professionisti: conseguentemente, non è affetto da nullità per violazione della norma imperativa contenuta nell’art. 45 della legge n. 69 del 1963 il contratto di lavoro subordinato del collaboratore fisso iscritto nell’elenco dei pubblicisti, anche nel caso in cui svolga l’attività giornalistica in modo esclusivo". 

 

La sentenza n. 1867 del 28 gennaio 2020, redatta da Adriana Doronzo, é scaricabile, cliccando su http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20200128/snciv@sU0@a2020@n01867@tS.clean.pdf 

 

E' stato così accolto il ricorso di una giornalista pubblicista milanese, assistita dagli avvocati Bruno Del Vecchio, Mario Fezzi e Maurizio Borali, nei confronti del quotidiano Il Sole 24 Ore. Il tribunale di Milano aveva dichiarato l'esistenza di un rapporto di lavoro subordinato a decorrere dal gennaio 1996, riconoscendo alla giornalista la qualifica di collaboratrice fissa e ordinando alla società di regolarizzare il rapporto con l'attribuzione alla suddetta di una retribuzione mensile di € 2.500. La Corte d'appello di Milano aveva però riformato la sentenza di 1° grado dichiarando la nullità del rapporto di lavoro subordinato intercorso tra le parti dal 1997 al 2008, ai sensi dell'art. 2 del Contratto Collettivo Nazionale dei Giornalisti, e respinto ogni altra richiesta della giornalista, compensando le spese del giudizio. La situazione si é ora capovolta. Sarà la Corte d'appello di Milano a riesaminare le carte, ma attenendosi alla lettera agli importanti principi fissati dalla Cassazione che potrebbero riflettersi positivamente anche sull'INPGI.


Pierluigi Franz




 


                                                                     








Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com