Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Sui prepensionamenti necessario un passo indietro del Governo.

di Romano Bartoloni

22.2020 - In questi giorni, la Fnsi, il Sindacato unico dei giornalisti, ha avviato un confronto con il governo Conte sul rilancio del mercato del lavoro giornalistico e sulla salvezza dell’Inpgi. Come primo atto di buona volontà sarebbe opportuno prendere la saggia decisione di abolire subito i commi 498/499 dell’art. 1 della recente legge di bilancio 2020 che prevede una raffica di un migliaio di prepensionamenti da oggi al 2027.


Con un progetto di espulsioni ancora fresco di Gazzetta Ufficiale, sono partiti già i primi pesanti attacchi al Corriere della Sera (50 colleghi a rischio) e all’Ansa. Peraltro, gli attacchi sono in aperta sfida al negoziato sindacale che riguarda anche una radicale riforma della anacronistica legge 416 del secolo scorso (anni ‘80) e che solo dal 2009 ai nostri giorni ha cacciato dal lavoro e dalle redazioni generazioni di valorosi giornalisti, mandati in pensione professionalmente ancora in gamba e mal sostituiti da un precariato sfruttato e sottopagato contro il quale si è mobilitato il Sindacato.


Solo dal 2015 a oggi sono stati 3.500 i colleghi pensionati a viva forza. Una fuoriuscita di massa frutto di crisi aziendali quasi tutte fittizie e ciononostante pagate dallo Stato per finanziare con il denaro dei contribuenti il suicidio di un’editoria incapace di ammodernarsi nel multimediale.


Un genocidio che sacrifica le migliori energie e le più preziose risorse professionali raddoppiando il numero dei pensionati che, con la valanga di nuovi prepensionamenti e con la perdita di 4,5 milioni di contribuzioni all’anno, peggiorerà i nostri già disastrati conti previdenziali e sfonderà abbondantemente il tetto delle 10 mila unità a carico delle casse dell’Inpgi. Un traguardo quasi raggiunto oggi con 9.571 pensionati, compresi i superstiti, contro 14.875 in attività (erano oltre 18 mila solo 5 anni fa) e di questo passo destinati a diminuire ancora e vistosamente.


Se non si ferma immediatamente questa folle corsa ai prepensionamenti imposta senza veri rimpiazzi professionali si assesterà un colpo mortale al giornalismo e all’Inpgi. Va verificato subito al tavolo del confronto se il governo ha intenzioni serie o se parteggia con i disegni degli editori di precarizzare tutti gli addetti all’informazione, assecondando il sogno dei potenti di sbarazzarsi della mediazione giornalistica.


Se si volesse per ipotesi rendere un servizio di utilità pubblica, gli investimenti proposti per pensionare il giornalismo potrebbero viceversa essere destinati al potenziamento dell’innovazione editoriale nell’ambito del promesso rilancio del mercato del lavoro. Si realizzerebbe così anche l’obiettivo, caldeggiato da tutte le parti, di ampliare la piattaforma contributiva dell’Inpgi e non di restringerla ulteriormente con effetti disastrosi per tutto il comparto previdenziale.


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com