Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Denunciato un tecnico informatico di Moncalieri che forniva a 5000 persone l'accesso illegale per le versioni digitali. Preso l'hacker dei giornali online Ma aumentano le frodi informatiche

di Grazia Longo/lastampa

Roma, 7/12/2019. Era a Moncalieri, alle porte di Torino, una delle centrali della pirateria dei giornali digitali. La polizia postale ha smascherato un sistema di download e visione della versione integrale dei principali quotidiani e settimanali, attraverso Telegram e Whatsapp, messo in piedi da un insospettabile tecnico informatico. L' uomo, 45 anni, denunciato a piede libero per violazione del diritto d' autore e frode informatica, aveva craccato la password per scaricare quotidiani e riviste e poi rivendeva la mazzetta digitale a oltre 5 mila persone, al costo di 2 euro mensili. Lui riusciva a guadagnare intorno ai 10 mila euro in nero, i clienti, in barba all' attività giornalistica, leggevano i giornali senza aver fatto l' abbonamento digitale ma rischiano anch' essi una multa tra i 2.582 e i 15.493 euro per violazione dei diritti d' autore. L' informatico, inoltre, potrebbe anche avere una condanna penale tra i 6 mesi e i 3 anni per frode informatica.

L' inchiesta per arrivare a lui è stata svolta della polizia postale, coordinata dalla procura di Cagliari (sollecitata da un esposto del quotidiano L' unione Sarda) ed è andata molto oltre, evidenziando una voragine dalle dimensioni enormi. Da una stima della Postale e della Guardia di Finanza (che sta invece indagando su delega della Procura di Roma) emerge infatti che ogni anno viene «rubato» oltre 1 milione di copie digitali. Il lavoro del dipartimento della polizia postale della Sardegna, guidato dal vicequestore Francesco Greco, ha portato alla denuncia di altre due persone, un sardo e un milanese. «Ma il problema - ammette il dirigente di polizia - è che per un cassetto che chiudi, se ne aprono molti altri.


Purtroppo è come una sorta di matrioska, accantonato un colpevole, dietro l' angolo se ne nascondono altri». E se l' inchiesta sarda, diretta dal pm Daniele Caria, è stata già conclusa, quella romana della Finanza, con la supervisione del procuratore aggiunto Antonello Racanelli, è ancora alla fase embrionale: al momento non ci sono indagati. A Roma l' esposto in procura è stato presentato da La Stampa e Repubblica (Gruppo Gedi) e Il Messaggero (Gruppo Caltagirone) e sotto la lente d' ingrandimento degli inquirenti c' è «Data Stampa», una delle più importanti società che curano la rassegna stampa per privati ed Enti istituzionali.


Gli ingegneri informatici di cui si avvalgono la polizia postale e la Finanza hanno un compito non semplice, soprattutto quando i pirati dei quotidiani digitali usano Telegram. La società legale del servizio di messaggistica è a Dubai, ma i proprietari sono russi, non molto disponibili a collaborare con le forze dell' ordine italiane. Da Cagliari, la Postale ha operato grazie all' installazione dei «token», codici identificativi che hanno permesso di risalire a colui che gestiva il traffico illegale. Il quale, per accattivare i clienti, ricorreva a uno slogan al limite dell' oltraggioso: «Riviste e quotidiani freschi di giornata. Ogni giorno. Non spendere soldi in edicola. Ci pensiamo noi!».


Il meccanismo, purtroppo, è collaudato: si effettua il download integrale dei quotidiani, in modo da creare automaticamente un file Pdf che viene salvato sul dispositivo e l' utente ha la possibilità di condividerlo con chiunque attraverso una chat Telegram o Whatsapp. Polizia postale e Guardia di Finanza continuano a investigare, dal Nord al Sud del Paese. Del caso, intanto, si sta occupando anche la Fieg (Federazione italiana editori giornali).


.il caso ansa 1.000.000 La Polizia postale stima in un milione le copie digitali illegali che circolano ogni anno Le copie frodate vengono distribuite con le applicazioni di messaggistica Whatsapp e Telegram.


GRAZIA LONGO


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com