Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Direttivo di Stampa Romana sull'Inpgi: "Chiediamo la trasformazione in ente di diritto pubblico. Quanto dichiarato dalla presidente Marina Macelloni – anche nel recente incontro all’Ordine dei giornalisti – sulla liquidità dell’Inpgi a quota 400 milioni di euro significa che l’Istituto è in grado di pagare le pensioni in essere (figuriamoci quelle future) per poco più di due anni, al netto dell’uso del patrimonio immobiliare".

Roma 2 dicembre 2019. Con 150 milioni di disavanzo per il 2019 e con la previsione di altri 190 milioni in rosso per il 2020 i bilanci approvati dai vertici dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani purtroppo confermano la gravità della situazione. Quanto dichiarato dalla presidente Marina Macelloni – anche nel recente incontro all’Ordine dei giornalisti – sulla liquidità dell’Inpgi a quota 400 milioni di euro significa che l’Istituto è in grado di pagare le pensioni in essere (figuriamoci quelle future) per poco più di due anni, al netto dell’uso del patrimonio immobiliare. Se questo è vero abbiamo bisogno di scelte coraggiose. L’Inpgi sia restituito al suo ruolo di ente di diritto pubblico sottoposto a controlli reali ed efficaci. La cosiddetta privatizzazione del ’94 ha trasformato la previdenza dei giornalisti così come le altre casse delle professioni (2 milioni di iscritti, 70 miliardi di patrimonio complessivo) in altrettante entità a due facce: pubbliche quando si tratta di incassare, private quando si tratta di dare conto della gestione. La categoria dei giornalisti deve ritrovare tutta la compattezza nel respingere un progetto ormai evidente. Se la politica sta aspettando che l’Inpgi imploda per imbrigliare ancora di più i giornalisti, ha sbagliato i conti. Il sistema dell’informazione in questi 70 anni, seppure con tutti i limiti ed errori, ha garantito il diritto-dovere di informare  i cittadini sancito dalla Costituzione. Il Parlamento dica chiaramente se intende tutelare e come il giornalismo professionale. Affrontare la crisi del giornalismo professionale ricorrendo per l’ennesima volta ai prepensionamenti spalmati su otto anni significa mettere una pietra tombale sull’Inpgi comprimendo la platea degli attivi. Quanto ai vertici dell’Inpgi hanno perso un’altra occasione per rendere noti i documenti sulle attività del Fondo immobiliare che il Tar del Lazio con una sentenza recente ha definito “di pubblico interesse”. Non si rifonda la previdenza dei giornalisti italiani senza trasparenza. - Direttivo ASR (Voti a favore 17 - Voti contrari 11).




Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com