Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
  » Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Ordine giornalisti
Stampa

CARLO VERNA (ORDINE DEI GIORNALISTI): “LA ROTTA DI GOOGLE VA CORRETTA, INSIEME PER LA LIBERTA’ E NON INSIEME PER IL COPYRIGHT”.


Roma, 9 gennaio 2018 - “La rotta di Google va decisamente corretta, non può essere ‘insieme per il Copyright’, come il gigante digitale ha fatto pubblicare  in una pagina a pagamento ieri sui grandi quotidiani, ma ‘insieme per la libertà’ perché la circolazione delle informazioni nel mondo non può essere una discrezionalità privata e proprietaria. Nuovo compito della stampa è proprio quello di vigilare anche sul potere degli Over the  Top delle grandi piattaforme digitali.  ‘Insieme per la libertà’ perché il tema travalica categorie e interessi settoriali e impatta sulle scelte che ogni giorno compiamo nella nostra vita”. Lo afferma il presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Carlo Verna  in un video pubblicato  nella sezione “Video” del nostro sito e sulla pagina Facebook del Cnog. “Difficile immaginare che la scelta di Google di acquistare spazi sui giornali sia una reazione alle decisioni del Parlamento Europeo che, in scadenza, non potrà perfezionare quelle determinazioni. –prosegue Verna -  Si pongono dunque due questioni fondamentali che l'ordine nazionale dei giornalisti intende evidenziare :





1) la circolazione delle informazioni nel mondo e la loro selezione invece di essere una funzione pubblica è oggi una discrezionalità privata e proprietaria;





2) i sistemi intelligenti che governano con le notizie l'intera ricerca di contenuto sono  basati sugli interessi e le discrezionalità dei proprietari e non sull'automaticità tecnologica.





Partendo proprio da quel che scrive Google,  l'Ordine dei Giornalisti ritiene di dover  affrontare direttamente questo tema strategico domandandosi  chi decida, e per quali motivi, la circolazione dell'informazione. Apriamo sul sito dell'Ordine uno spazio di riflessione denominato  "insieme per la libertà". Giornalisti, cittadini, lavoratori, associazioni, università, sindacati, partiti, amministrazioni locali, imprese, ricercatori, sono tutti impigliati in questa partita e la loro autonomia e sovranità cognitiva, sociale, politica e culturale dipende dalla risposta che si dà a questa non del tutto decifrabile sollecitazione di Google. Riteniamo necessaria una presa di coscienza per affermare l’assoluta autonomia e indipendenza dai poteri monopolistici che circondano ogni nostra scelta”. (WWW.ODG.IT)






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com