Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Giornali locali di Torino: "C'è un disegno contro la carta stampata". Editori scrivono ai parlamentari, informazione locale minacciata.


TORINO, 17 novembre 2018 -  "Una minaccia grave alla libera informazione locale, ad esclusivo vantaggio dei grandi gruppi editoriali": gli editori di sei giornali locali dell'area metropolitana di Torino, con i rispettivi distributori, commentano cosi' l'intenzione annunciata dal sottosegretario Vito Crimi di inserire nella Manovra alcuni commi per azzerare entro un anno i contributi del Fondo per il pluralismo destinati ai giornali cartacei. Gli editori torinesi ricordano, in una lettera appello ai parlamentari piemontesi, che in dieci anni i fondi per l'editoria "sono scesi da 400 ad appena 50 milioni". E che del fondo il sottosegretario Crimi vorrebbe azzerare "solo i contributi per cooperative ed enti morali, tutti no profit, che editano giornali cartacei, lasciando in vita quelli a radio, tv locali e siti internet". "Si calcola che tra i dipendenti diretti e quelli dell'indotto - sostengono ancora - siano in gioco 10mila posti di lavoro, senza contare le oltre 20 mila edicole". "Esiste un disegno contro la carta stampata, che si completa con le recenti minacce da parte dei vertici del Movimento 5 Stelle di impedire alle societa' partecipate dallo Stato di acquistare spazi pubblicitari sui giornali - aggiungono gli editori. L'impressione e' che faccia molto gola la torta di investimenti pubblicitari che finisce ancora sulla carta stampata. Probabilmente qualche azienda che ha forti interessi economici nei siti web. Se proprio si vuole rimettere mano al fondo per il pluralismo e ai contributi all'editoria, lo si faccia con un disegno di legge ordinario che permetta il confronto con tutti gli attori della filiera".(ANSA).





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com