Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa


PENSIONI - SALVINI SMENTISCE E AFFONDA DI MAIO.
14.10.2018 - Matteo Salvini, intervistato questa sera da Giletti (Non è l'Arena), ha confermato che i tagli alle pensioni riguarderanno "quelle al di sopra di 4.500-5.000 euro netti mensili non coperte da contributi". Ha aggiunto che "nessuno si sogna di andare a toccare le pensioni di 3.000-3.500€ netti mensili". Il giacobino Di Maio smentito e affondato.
.............................................
1. La rapina del secolo progettata da Di Maio contro i pensionati. - LAREPUBBLICA. La previdenza. Pensioni d'oro, taglio per decreto. Di Maio: " Ci prendiamo un miliardo". L' intervento previsto nel collegato alla manovra che sarà approvato domani (15 ottobre, ndr). Per aumentare l' incasso si ipotizza una soglia più bassa: da 3.500 euro in su. Secondo le simulazioni di Progetica si perderà fino al 20% dell' attuale trattamento. ( CIDA: IL GOVERNO SMENTISCA L'INTERVENTO PER DECRETO LEGGE SUGLI ASSEGNI MEDIOALTI. GIORGIO AMBROGIONI: "NOTIZIA SCONVOLGENTE"). ALLe 13 IL M5S SMENTISCE DI MAIO tramite l'ANSA.

di Valentina Conte/larepubblica


Roma, 14 ottobre 2018 - . Il taglio delle pensioni d' oro, fin qui inserito in un disegno di legge depositato alla Camera, verrà trasferito nel decreto legge fiscale che arriverà domani sul tavolo del Consiglio dei ministri. Il governo punta a recuperare un miliardo, ben più di quanto previsto. Gettito che fa supporre un intervento sugli assegni a partire dai 3.500 euro netti, anziché 4.500 euro. Il taglio sarà dunque immediatamente operativo, dalla sua pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Nonostante la sua estraneità alla materia fiscale, in particolare alle norme sul condono a cui verrà affiancato.
Una grana per il Quirinale che dovrà giudicarne non solo l'attinenza tematica, ma anche i requisiti di necessità e urgenza. Oltre a sciogliere i dubbi di costituzionalità, sollevati nelle audizioni di questi giorni a Montecitorio sulla natura della misura: non si tratta di un ricalcolo col metodo contributivo delle pensioni sopra i 90 mila euro lordi annui (4.500 euro netti mensili) come recita il titolo del provvedimento, ma di un taglio secco, permanente e retroattivo.
Ecco dunque la sorpresa. Il taglio delle pensioni d' oro passa nel decreto legge. Il ministro del lavoro Luigi Di Maio si è detto sicuro di recuperare così «oltre un miliardo » , da destinare all' aumento delle minime. Una cifra quasi sette volte più ampia di quella stimata giovedì dal presidente Inps Tito Boeri, che valuta in 30 mila la platea degli interessati e in meno di 150 milioni il gettito potenziale.
« Abbiamo chiuso il lavoro sulle pensioni d'oro e ci andiamo a prendere oltre 1 miliardo di euro da pensionati d' oro che in questi anni non hanno versato neanche un decimo di quello che stanno prendendo» , ha scandito Di Maio venerdì sera alla platea entusiasta di Rivarolo Canavese, nella città metropolitana di Torino.
Piccoli imprenditori e liberi professionisti locali raccolti dal Drappo Bianco, l' associazione di cittadini « stanchi di essere oppressi da uno Stato vittima del suo stesso sistema » che per prima, il 4 giugno scorso, fu ricevuta dall' allora neo ministro Di Maio nel dicastero dello Sviluppo economico.
«Anticipiamo la norma direttamente nel decreto di lunedì, senza neanche aspettare il percorso » , spiega ancora Di Maio. Percorso del progetto di legge numero 1071 fin qui politicamente accidentato. La Lega non ha mai nascosto di essere contraria a un intervento che non fa quello che annuncia, per l' incompletezza dei dati a disposizione dell' Inps, soprattutto sulle carriere degli statali.
«Correggeremo la norma, così com' è non va » , diceva ad agosto il capogruppo Riccardo Molinari, cofirmatario della proposta assieme all' omologo grillino Francesco D' Uva. Poi però è cambiata solo la soglia del taglio, da 4 mila a 4.500 euro. Il meccanismo è invece rimasto tal quale. Non un ricalcolo contributivo - prendi quello che hai versato - ma un taglio retroattivo degli assegni solo sulla base dell' età a cui si è andati in pensione. Con un effetto paradossale, evidenziato da Boeri: 4.700 pensionati d' oro saranno tali grazie a " quota 100". Incoraggiati ad anticipare l' uscita, poi penalizzati per averlo fatto.
Tra l' altro, la Lega spinge per escludere dal taglio i " pensionamenti obbligati in forza di legge", così da salvaguardare donne, militari, precoci. Tutti coloro insomma che sono usciti " prima" rispetto ai requisiti attuali della Fornero - che vengono proiettati all' indietro - ma perché la legge di allora così prevedeva.
Una manager andata in pensione nei primi anni Duemila a 57-58 anni, ad esempio, non poteva fare altrimenti. Ora scopre di essere lontana di 7 anni rispetto al nuovo traguardo ridefinito dalla norma gialloverde in una tabellina. Così chi è uscito a 60 anni con 40 di contributi sarà penalizzato. Chi a 65 con soli 25 di versamenti no.
Non conta quanto hai versato nonostante gli annunci in tal senso del ministro Di Maio - ma a quale età hai lasciato il lavoro confrontata con i limiti Fornero, retrodatati. Paradossalmente, docenti universitari e magistrati, che rimangono al loro posto sino a 70 anni, non verranno toccati anche se con super- pensioni.
Per gli altri il taglio sarà dal 3 al 25% della parte che eccede i 4.500 euro ( o dei 3.500, se la soglia si abbasserà). Un meccanismo che suscita molte perplessità. A partire proprio dalla sua costituzionalità.





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§









PENSIONI. CIDA: IL GOVERNO SMENTISCA L'INTERVENTO PER  DECRERO LEGGE  SUGLI ASSEGNI MEDIOALTI. GIORGIO AMBROGIONI: "NOTIZIA SCONVOLGENTE".



 


Roma, 14 ottobre 2018. “Il Governo smentisca la notizia di un decreto legge, lunedì in Consiglio dei ministri, per un taglio delle pensioni: un’ipotesi pubblicata da uno dei principali quotidiani del Paese, che sta facendo il giro del web e, soprattutto, che sta angosciando milioni di pensionati italiani”: lo ha detto Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, la confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, commentando un articolo di ‘Repubblica’, secondo il quale il governo si appresta ad approvare un decreto legge per decurtare i trattamenti pensionistici attraverso un ricalcolo dei contributi a partire dai 3.500 euro netti al mese. Cifra, peraltro, smentita da ambienti pentastellati che hanno riportato l’asticella ai 4.500 euro mensili. “Al di là del solito balletto delle cifre, messo in piedi ad arte per aumentare la confusione e dimostrare la poca considerazione con cui si maneggia la materia previdenziale, la notizia di intervenire con un decreto legge, immediatamente esecutivo dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, se confermata, è sconvolgente”, sottolinea il presidente di Cida. “Innanzi tutto perché rende palese la volontà di chi sta al Governo di mettere le mani nelle tasche dei cittadini italiani più indifesi. Poi perché dimostra lo spregio per il Parlamento, dove si sta faticosamente discutendo una proposta di legge sui redditi da pensione medio-alti, nel tentativo di trovare un compromesso equo e condiviso. E, infine, perché fa strame dei diritti dei pensionati, delle loro aspettative, delle loro speranze e progetti (si fanno anche nella terza età) di cui lo Stato si è fatto garante con apposite leggi. Altro che ‘patto sociale’ fra Stato e cittadini o quel che resta del principio di ‘affidamento’ alla base delle moderne democrazie. Qui siamo alle leggi in materia previdenziale fatte per decreto, magari approvate con la fiducia che, per fare un po’ di cassa e dare sfogo a tanta facile propaganda, colpiscono i pensionati bypassando le aule parlamentari e disprezzando il contributo portato da esperti, economisti, rappresentanti delle categorie interessate. Siamo di fronte, se così fosse, ad un gesto di grande arroganza, di ignoranza istituzionale e di nessunissimo impegno intellettuale. La smentita, a questo punto, sarebbe il minimo. Occorrerebbero prima le scuse”, ha concluso Ambrogioni.


........ 



14.10.2018 - Caso pensioni d'oro, per un miliardo di gettito i conti non tornano. M5s dice all'Ansa che la soglia per tagliare le pensioni d'oro non sarà abbassata da 4.500 a 3.500 euro netti al mese. Un'ipotesi che tecnici ed esperti di previdenza reputano compatibile con 1 miliardo di gettito, il nuovo traguardo di incasso esplicitato dal ministro del Lavoro Luigi Di Maio. - di VALENTINA CONTE/larepubblica - TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=25443



.Articolo correlato in http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2018/10/14/pensioni-fonti-taglio-da-4.500-netti_48b3f3a7-d1b2-4c24-a462-6af68ce1eac4.html


..............................................................


 


 


 


CIDA e' la Confederazione sindacale che rappresenta unitariamente a livello istituzionale dirigenti, quadri e alte professionalita' del pubblico e del privato. Le Federazioni aderenti a CIDA sono: Federmanager (industria), Manageritalia (commercio e terziario), FP-CIDA (funzione pubblica), CIMO (sindacato dei medici), Sindirettivo (dirigenza Banca d’Italia), FENDA (agricoltura e ambiente), FNSA (sceneggiatori e autori), Federazione 3° Settore CIDA, FIDIA (assicurazioni), SAUR (Università e ricerca), Sindirettivo Consob CIDA (dirigenza Consob), SUMAI-Assoprof (medici ambulatoriali).



 


 


 


 


 


 


 










 


 


 


 


 


 


 



 



 



 



 



 


 


 


 


 


 


 


 


 


 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com