Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
  » Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Recensioni
Stampa

Il libro di Enzo Ferrari (editore LO SPRINT di Genova), La Grande Guerra nel pallone. Ciccione, Ferraris e Picco: tre soldati/giocatori danno il loro nome ad altrettanti stadi di calcio della Liguria.


8.10.2018 - La Liguria rappresenta un caso quasi unico nel panorama degli stadi italiani intitolati a calciatori e al tempo stesso soldati deceduti nella prima guerra mondiale. Storie parallele e convergenti. Vite di giovani atleti amanti del calcio e dello sport in generale travolte dalle tragiche vicende della guerra. Vite che si consumarono nello spazio di neppure tre mesi dall'inizio del conflitto. Nell'anno dell'ottantacinquesimo anniversario della dedicazione del campo di Marassi al Tenente di artiglieria Luigi Ferraris morto nell'agosto del 1915 sul Monte Maggio e nel centenario della morte del Caporale Gino Ciccione di Oneglia (Imperia) gravemente ferito nel luglio 1915 sul Monte Rosso, corrono altresì centotré anni dalla scomparsa del terzo componente del gruppo. Il Sottotenente degli alpini Alberto Picco cadde da eroe nella conquista del Monte Nero (Alpi Giulie) il 16 giugno 1915, in una delle prime battaglie sulle montagne intorno a Caporetto (luogo che diverrà tristemente famoso nell'autunno del 1917) dove migliaia di alpini, fanti, artiglieri, bersaglieri si batterono con alterne fortune.


 


 



Alberto Picco, nato a La Spezia nel 1894, è il piu giovane dei tre soldati cui sono ìntitolati  gli stadi liguri. Un calciatore famoso per "il primo gol nella storia della squadra cittadina", ufficiale alpino impiegato in prima linea sulle montagne, una persona carismatica con i suoi compagni, un atleta trascinatore. Il calcio o football ha solo qualche anno di più dei cento appena celebrati dall'inizio della Grande Guerra. È noto che la costituzione delle prime squadre italiane risale agli ultimi anni dell'Ottocento, inizio Novecento.







I pionieri di questo sport per età o perché volontari parteciparono come soldati alla prima guerra mondiale. Alcuni riuscirono a tornare dando il proprio contributo nei campionati degli anni Venti e Trenta, molti caddero o subirono ferite e mutilazioni tali da compromettere qualsiasi futura attività. Squadre come Vicenza, Inter azionale, ]uventus, Lazio, Bologna, Genoa, Milan, La Spezia, Cremonese, Monza soffrirono la perdita di svariati loro campioni. Un fenomeno che non vede però svilupparsi il ricordo delle loro gesta con l'intitolazione di campi sportivi nelle rispettive città.

 


 


 


 



 





Per ricordare questi giocatori e per comprendere il modo in cui si è sviluppato negli anni il fenomeno della dedicazioni dei vari stadi nel nostro Paese, ecco il libro di Enzo Ferrari editore LO SPRINT di Genova, La Grande Guerra nel pallone. Ciccione Ferraris Picco. Gli stadi di calcio della Liguria.





A corollario dei tre stadi, la ricerca affronta il fenomeno dei campi del "Littorio" realizzati nel Ventennio fascista. Un insieme d'impianti che ha accompagnato il consolidamento di una certa impostazione di politica sportiva. Il lavoro si chiude con un elenco dei calciatori morti in guerra divisi per squadra di appartenenza e con un ricordo di alcuni giocatori fortunatamente tornati a casa e scesi nuovamente in campo magari come allenatori o arbitri. II Prof. Fabio Caffarena, docente all'Università di Genova e Direttore dell'Archivio Ligure della Scrittura Popolare ha scritto la presentazione del volume.   - Enzo Ferrari, La Grande Guerra nel pallone ,Imperia, ottobre 2018, editore LO SPRINT di Genova








 


 





 





 





 





 





 





 





 





 





 





 





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com