Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

PARERE LEGALE SULLE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO CHE GIUDICANO LEGITTIMO IL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' INTRODOTTO DALL'INPGI SULLE PENSIONI DEI GIORNALISTI. "La norma regolamentare introduttiva del taglio dev’essere disapplicata per violazione di legge (legge costituzionale) e cioè per avere disposto una prestazione patrimoniale in violazione della riserva di legge (sia assoluta che relativa) di cui all’articolo 23 della Costituzione". (IN CODA LE SENTENZE?


di Anna Campilii, avvocato previdenzialista in Parma

27.8.2018 - Le  sentenze del TAR  del Lazio nn. 8994/18 e n. 8995/18  sono impugnabili per avere applicato la sentenza Cass. n. 24202/09 sulla "sostanziale delegificazione" che sarebbe stata attuata in favore delle Casse professionali, attribuendo ai loro atti regolamentari valore di legge. Tale sentenza è stata però ripudiata dalla Corte di cassazione sei anni orsono con la sentenza n. 13607/12 (e da almeno altre 10 sentenze analoghe successive) con la seguente motivazione: "Si è parlato di "sostanziale delegificazione affidata dalla legge alla autonomia degli enti previdenziali privatizzati, entro i limiti ad essa imposti" (Cass., sez. lav., 16 novembre 2009, n. 24202) e si è aggiunto "anche in deroga a disposizioni di legge precedenti". 


In realtà occorre tener conto del carattere tutt'affatto speciale dei regolamenti di delegificazione previsti in generale, e disciplinati nella formazione, dalla L. 23 agosto 1988, n. 400, art.17, comma 2, e "destinati a sostituire, in materie non coperte da riserva assoluta di legge, preesistenti disposizioni legislative statali, in conformità a nuove norme generali regolatrici della materia stabilite con legge, e con effetto di abrogazione differita delle disposizioni legislative sostituite" (C. Cost. n. 376 del 2002). Tale disposizione, pur priva di rango costituzionale, disegna un modello di carattere generale di tal che la deviazione da esso, ad opera della legge ordinaria, è di stretta interpretazione. Si ha pertanto che, quando il legislatore "delegante" ha inteso assegnare alla fonte subprimaria delegata anche il potere normativo di derogare a specifiche disposizioni collocate al superiore livello primario lo ha previsto espressamente (ad es. per i regolamenti di organizzazione degli enti pubblici non economici di cui al D.Lgs. 30 marzo 2001, n.165, art. 27, facoltizzati a dettare norme "anche in deroga alle speciali disposizioni di legge che li disciplinano"). Ciò invece l'art. 2, comma 2, cit. in realtà non ha affatto previsto e quindi l'emanando Regolamento della Cassa non era facoltizzato a derogare a disposizioni dettate proprio per le Casse privatizzate [...]. Dunque, dato che gli atti delle Casse professionali erano e restano atti di natura regolamentare, essi devono essere disapplicati in caso di violazione della riserva di legge, di cui all'art. 23 Cost.


Si deve allora osservare che non esiste alcuna legge, la quale introduca direttamente il contributo di solidarietà sulle pensioni liquidate dall’Inpgi, oppure deleghi  all’Inpgi con il necessario dettaglio l’introduzione del contributo di solidarietà. In sintesi, la norma regolamentare introduttiva del taglio in esame dev’essere disapplicata per violazione di legge (legge costituzionale) e cioè per avere disposto una prestazione patrimoniale in violazione della riserva di legge (sia assoluta che relativa) di cui all’articolo 23 della Costituzione. Si rileva pure la violazione dell’art. 3 Cost. sotto il profilo della mancanza di ragionevolezza, quanto meno considerando che sulla pensione dei giornalisti  è stato applicato un altro contributo di solidarietà di fonte legislativa (ex lege 147/2013) e ci si deve chiedere quanti contributi di solidarietà possano gravare sulla stessa pensione, uno di fonte statale e l’altro di fonte regolamentare, in aggiunta e forse all’insapta l’uno dell’altro.


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


20/8/2018 - Inpgi: il Tar respinge i ricorsi contro il contributo di solidarietà "adottata nel perseguimento del fine di riequilibrio finanziario, giustificato, se non imposto, dalla crisi contingente e grave del sistema previdenziale nel quale l'Istituto  opera”.  Il contributo "è previsto come misura una tantu, durando tre anni, senza possibilità di reiterazione”. Pubblichiamo le sentenze.- TESTO IN https://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=25242




 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com