Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
  » Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Recensioni
Stampa

Gino Franchetti/La ragazza che parlava italiano.

di Pierluca Danzi


27.5.2018 - Questa volta il romanzo di Gino Franchetti, appena pubblicato da Calibano Editore (il terzo, se oltre a “Il calciatore stanco” si vuol considerare anche “Senza paura”, scritto per i ragazzi delle Medie), non è ambientato nel mondo dello sport. O meglio, trae la sua origine da un grande evento sportivo, come il Mondiale di calcio del 1978 in Argentina, che però abbandona subito, lasciandolo relegato tra i ricordi, quei ricordi dolceamari dai quali nasce una storia che si svolge tutta ai nostri giorni. E’ la storia di un giornalista in pensione che va in un certo senso alla ricerca di un sogno da tempo svanito. Una ricerca sempre più affannosa, perché in tanti anni non aveva mai smesso di pensare alla “ragazza che parlava italiano”, la hostess-interprete del Centro Stampa di Cordoba con la quale, una volta rientrato in Italia, aveva cominciato uno scambio epistolare da lei subito interrotto. Per quale motivo? Lui teme sia stato a causa di un accenno alla dittatura militare argentina che gli pare di aver scioccamente inserito nella sua prima lettera. L’avranno ritenuta connivente, al punto da condannarla alla tragica sorte di tanti giovani “sovversivi”? La sua ricerca in Argentina  non sembra destinata al successo: della ragazza di allora non si trova traccia nemmeno all’anagrafe. Si aprono a poco a poco spiragli imprevedibili nel muro di silenzio che si è trovato davanti, ma alla soluzione del mistero si arriva alla fine quasi all’improvviso, come in certe avventure di Hercule Poirot. Nel frattempo l’autore ci racconta molto dell’Argentina, di Cordoba dapprima ma poi soprattutto di Buenos Aires, delle cose belle e delle disgrazie del suo popolo. E non trascura ristoranti, spiagge e persino spettacoli teatrali, in uno scampolo di vita che tenta di essere normale, mentre è sempre sull’orlo della disperazione. Per un epilogo tutto tenerezza.






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com