Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
  » Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Recensioni
Stampa

In libreria ”Pelé, la perla nera” ovvero la storia e non la semplice prima biografia italiano del più popolare calciatore al mondo. Un mese prima dei Mondiali, l’agile volumetto scritto da Daniele Poto (Perrone editore, 186 pagine, 10 euro di costo) è l’occasione per scoprire l’attaccante che ha legato il proprio nome a molti record dei mondiali.


19.5.2018 - E’ uscito al  Salone del Libro di Torino”Pelé, la perla nera” ovvero la storia e non la semplice prima biografia italiano del più popolare calciatore al mondo. Un mese prima dei Mondiali, proditoriamente privi della partecipazione dell’Italia, l’agile volumetto scritto da Daniele Poto (Perrone editore, 186 pagine, 10 euro di costo) è l’occasione per scoprire l’attaccante che ha legato il proprio nome a molti record dei mondiali. Tra questi la conquista della Coppa Rimet attraverso tre fortunate partecipazioni su quattro tentativi (dal 1958 al 1970) e poi la palma di miglior giovane cannoniere in un evento del genere (1958). Il calciatore brasiliano, idealmente un nove e mezzo (né un centravanti né una mezz’ala) ha segnato più di 1.200 gol in carriera giocando praticamente in capo a venti anni di attività solo in tre squadre: il Santos, il Cosmos e la nazionale brasiliana. In coppia con Garrincha  giocando 60 match non ne ha perso una solo. Ed è stato politico, industriale, ambasciatore del calcio nel mondo, attore. Non è un libro agiografico perché di Pelé vengono mostrati anche i fondamentali difetti: un’esagerata fiducia nel prossimo (il che l’ha portato a collezionare molti fallimenti industriali nella propria carriera di business-man), una fedeltà non proprio consolidata alle proprie compagne che l’ha condotto a molte relazioni extra-coniugali oltre che a una nidiata di figli non tutti desiderati. Il libro non è solo una meravigliosa storia di calcio perché racconta il Brasile povero degli anni ’50, messo in comparazione con l’Italia che esce dal difficile dopoguerra. E poi le due nazioni a confronto: l’una negli anni di Pelé, l’altra nel momento del boom. Fino a anni più recenti: Mani Pulite in Italia e venti anni dopo lo scandalo del presidente Lula in Brasile. Il match Italia-Brasile vive di momenti palpitanti sui campi di calcio. Memorabile il 4-1 che il Brasile ci inflisse nella finale mondiale del 1970 dove l’Italia stremata dopo il rocambolesco successo sulla Germania (4-3) venne piegata da fantasisti brasiliani con un secco 4-1. E l’immagine che ci rimane di quel match è un Pelé che salta in cielo e schiaccia in rete di testa eludendo il disperato quanto goffo tentativo di contrasto di Burgnich.  Per esplicito riconoscimento di Pelé quello è stato il miglior Brasile in cui si sia mai trovato a giocare. Basti citare il quintetto d’attacco: Jairzinho, Rivelino, Tostao, Pelè e Gerson: un’autentica macchina da gol. Ecco un piccolo stralcio significativo della prefazione:





“Scrivere di Pelé vuol dire tuffarsi in un arcipelago, in un universo qualitativamente gentile e quantitativamente sterminato, immergendosi materialmente e metaforicamente in un altro continente dove c’è un altro concetto di vita e di calcio. Vuol dire non archiviarlo nella storia visto che è vivo, vegeto e presente. Presente e interventista nel dibattito contemporaneo anche grazie all’uso massivo dei social network. Protagonista di una storia infinita. Coerente e, a volte contraddittoria. Perché Pelé è contemporaneamente un ex campione e un uomo a cavallo tra due secoli e due millenni ma anche un brand vendibile e spendibile in tutti i paesi del mondo con il logo di una maglietta numero dieci il cui fascino non tramonta mai, a dispetto degli anni lontani delle sue imprese sui campi di calcio”.





§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§





L'AUTRE - Daniele Poto è un giornalista sportivo che si dedica attualmente alle inchieste. Tra i suoi libri recenti più apprezzati: “Le Mafie nel pallone”, “Azzardopoli”, “Azzardopoli” 2.0, “Italia diseguale” e, più recente, “Penultima spiaggia”.





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com