Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
  » Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Editoria-Web
Stampa

R&S. Testate economiche in ripresa. Editoria, sorpasso dei ricavi diffusionali sulla pubblicità

di Antonella Oiveri/ilsole24ore

20.12.2017 - A guardare il settore dell' editoria nella retrospettiva di qualche anno, come ha fatto R&S-Mediobanca, si individuano un po' meglio i trend sottostanti a quella che, vista dall' Italia - con alcune eccezioni - sembra essere una crisi senza fine. Il giro d' affari dell' industria dell' informazione (quotidiani) è in continua erosione: nel 2016 si è attestato a 153 miliardi di dollari, l' 8,4% in meno sul 2012. Ma se si spacchettano le voci, si vede che a pesare è stato soprattutto il calo della pubblicità cartacea (-26,9% dal 2012 al 2016), quando invece i ricavi diffusionali sono cresciuti del 3,4%. Il risultato è che si è consolidato il sorpasso delle vendite sulla pubblicità, dato che il 56% dei ricavi dei quotidiani origina dalla vendita dei contenuti, mentre la pubblicità digitale, pur in crescita del 32% dal 2012, fornisce ancora un contribuito esiguo all' editoria "tradizionale": il 6,3% dei ricavi totali a fronte del 2,2% contribuito dalla diffusione digitale (il 91,6% del giro d' affari mondiale proviene ancora dalla carta). Infatti, a far la parte del leone nel settore sono gli over the top: per ogni euro speso in pubblicità digitale, 61 centesimi vanno a rimpinguare i conti delle "advertising tech companies", che magari utilizzano anche i contenuti prodotti dai professionisti dell' informazione senza pagarli. Google, con 75 miliardi di euro nel 2016, ha la maggior quota di introiti pubblicitari digitali, principalmente attraverso il motore di ricerca e You tube. Segue a distanza Facebook con 26 miliardi, poi ci sono le cinesi Baidu (9 miliardi) e Tencent (4 miliardi).
In Italia la diffusione "cartacea" dei quotidiani è calata di un terzo rispetto al 2012, passando da 2,9 a 2,6 milioni di copie medie al giorno. In Europa la diffusione cartacea nello stesso periodo risulta in flessione del 20,5%, mentre il calo è più contenuto nel Nord America (-11,6%) e in Sud America (-12,1%). Il comparto in Italia è sempre stato più "ristretto" rispetto ad altri mercati europei, ma orami la diffusione complessiva nella Penisola è appena di un soffio superiore a quella della somma dei due principali quotidiani tedeschi, la popolare Bild Zeitung e il più serio Frankfurter Allgemeine. Il prezzo non sembra essere un fattore competitivo, se si considera che i nostri quotidiani (non "popolari") costano in edicola 1,5 euro, mentre per una copia del francese Le Monde si pagano 2,4 euro e per il quotidiano economico tedesco Handelsblatt 2,8 euro.
Ogni mercato, però, ha le sue specificità: difficile esportare le ricette che funzionano altrove.
Il dimagrimento del settore è confermato dall' aggregato dei primi nove gruppi editoriali in Italia, che evidenzia per il 2016 ricavi a 3,7 miliardi, in calo del 25,7% rispetto al 2012, pur con un rallentamento della flessione nell' ultimo anno. I primi tre gruppi per fatturato restano Mondadori (1,26 miliardi), Rcs (968 milioni, mentre Cairo Editore ne ha fatturati 96) e L' Espresso (586 milioni, cui aggiungere "proforma" i 123 milioni di Itedi-La Stampa consolidata da metà 2017). Anche l' occupazione è in contrazione, con 3.422 unità in meno dal 2012 per 13.038 addetti nel 2016: solo Cairo Editore nel quinquennio ha aumentato gli organici, del 6,4%. Ciononostante l' aggregato ha concluso il periodo 2012-2016 con perdite nette per 2 miliardi. Hanno sempre chiuso in utile solo Cairo - che nel 2016 ha riportato un margine Ebit del 14,3% - e L' Espresso - che lo scorso anno ha registro una redditività operativa positiva del 4,7%.  In mezzo, nel 2016, c' è Mondadori che ha recuperato un margine operativo positivo del 5,2%.  La panoramica europea vede nel 2016 ricavi editoriali in calo dell' 1,8%: sono però in controtendenza le testate economiche che aumentano invece i ricavi del 2,7 per cento.
 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com