Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
  » Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Lettere
Stampa

Una spada di Damocle incombe sul nuovo Consiglio di Disciplina Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti eletto il 27 ottobre: il suo nuovo Presidente Gianni Faustini é in possesso - o no - del requisito della posizione attiva INPGI? E in mancanza dovrebbe decadere?

di Pierluigi Franz


Roma, 28 ottobre 2017 - Una spada di Damocle incombe sul nuovo Consiglio di Disciplina Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti eletto ieri: il suo nuovo Presidente Gianni Faustini é - o no - in possesso del requisito della posizione attiva INPGI? Fino ad un anno e mezzo fa l'ex Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti non risultava iscritto all'INPGI 2 (Gestione Separata dell'ente) e quindi non possedeva una posizione "attiva", in quanto percepiva la pensione INPGI 1 ed era quindi titolare di una posizione "passiva".





Come é noto l'art. 2, quarto comma n. 3, della legge 26 ottobre 2016 n. 198 (in Gazzetta Ufficiale n. 255 del 31 ottobre 2016) ha delegato il Governo a provvedere entro 6 mesi ad emanare uno o più decreti legislativi aventi ad oggetto, tra l'altro, la revisione della composizione e delle competenze del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti. Il successivo art. 5, quinto comma lettera b), ha imposto al Governo di attenersi ai seguenti principi e criteri direttivi:"... omissis... "il riordino e la razionalizzazione delle norme concernenti il Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti stabilendo: "il numero dei componenti nel numero massimo di sessanta consiglieri, di cui due terzi giornalisti professionisti, tra i quali almeno un rappresentante delle minoranze linguistiche riconosciute, e un terzo pubblicisti, tra i quali almeno un rappresentante delle minoranze linguistiche riconosciute, purché titolari di una posizione previdenziale attiva presso l'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani".





L'art. 1 del successivo Decreto Legislativo 15 maggio 2017 n. 67, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 115 del 19 maggio 2017, ha così modificato l'art. 16, 2° comma, della legge 3 febbraio 1963, n. 69: "Il Consiglio nazionale é composto da non più di sessanta membri di cui due terzi professionisti e un terzo pubblicisti, eletti dagli iscritti agli Ordini regionali e interregionali, prevedendo in ciascuna categoria almeno un rappresentante delle minoranze linguistiche riconosciute. I candidati al Consiglio nazionale devono essere titolari di una posizione previdenziale attiva presso l'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (INPGI)."





Successivamente è stato approvato il nuovo Regolamento delle funzioni disciplinari dell'Ordine dei Giornalisti, pubblicato da pag. 8 a pag. 10 sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia del 15 agosto 2017. L'art. 6 prevede che esso sia composto da 5 membri, di cui almeno 3 consiglieri nazionali in possesso di determinati requisiti e al massimo da 2 esperti esterni in possesso degli stessi requisiti. Nessuno dei 5 eletti deve aver riportato condanne in sede penale. L'art. 7 prevede che il Presidente del Consiglio Nazionale di Disciplina sia colui che tra i 5 membri eletti abbia la maggiore anzianità di iscrizione all'Albo dei giornalisti. Il Presidente non può essere iscritto ad altri Ordini prfessionali. Sullo stesso Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia il 15 agosto 201, ma da pag.10 a pag. 16, é stato pubblicato il nuovo Regolamento per l'organizzazione del CNOG e la trattazione degli affari di sua competenza. Per quanto riguarda il Consiglio nazionale di Disciplina l'art. 7, 3° comma, prevede che sia assicurata un'equilibrata rappresentanza di genere dei 5 membri nella misura di 3 a 2. Per quanto riguarda i 2 membri esterni é previsto che se fossero votati entrambi dai consiglieri nazionali non si possa esprimere più di una preferenza, rispettando in ogni caso la quota riservata in favore del genere meno rappresentato. Inoltre, una volta eletti nel Consiglio nazionale di disciplina, i consiglieri nazionali cessano immediatamente di far parte del Consiglio nazionale dell'Ordine.





In base a questo quadro normativo si sono svolte le elezioni del nuovo Consiglio di Disciplina. Il 26 ottobre scorso il plenum del CNOG a maggioranza ha scelto di votare a scrutinio segreto l'elezione prima di 3 consiglieri nazionali nel Consiglio Nazionale di Disciplina e poi di 2 esperti esterni nello stesso Consiglio. E' quindi passata la proposta del 3 (interni) e 2 (esterni), mentre sono state bocciate le proposte del 5 (interni) e 0 (esterni) e del 4 (interni) e 1(esterni).





A seguito del voto segreto il 26 ottobre sono stati eletti a far parte del Consiglio Nazionale di Disciplina i tre consiglieri nazionali Laura Verlicchi, Maria Annunziata Zegarelli e Massimo Duranti. Tutti e tre, come tali, in possesso del requisito della posizione previdenziale attiva presso l'INPGI - Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani. A seguito di un successivo scrutinio segreto del 27 ottobre sono stati eletti a far parte del Consiglio Nazionale di Disciplina due giornalisti esperti esterni Laura Trovellesi Cesana e Gianni Faustini, mentre primo dei non eletti é risultato Rino Felappi. Essendo il più anziano di iscrizione all'Albo Faustini é stato eletto Presidente del Consiglio nazionale di Disciplina, mentre Segretaria la collega Maria Annunziata Zegarelli, essendo la più giovane di iscrizione all'Albo





Sembra, però, che, stranamente, nessuno anche al Ministero della Giustizia si sia posto il dilemma: la norma di legge che impone a tutti consiglieri nazionali il possesso del requisito della posizione previdenziale attiva presso l'INPGI (Istituto Nazioanle di Previdenza dei Giornalisti Italiani) vale - o no - anche per i 2 giornalisti esperti esterni eletti nel Consiglio nazionale di Disciplina?





A rigor di logica sembrerebbe proprio di sì perché altrimenti si verrebbe a creare un'evidente ed ingiustificata disparità di trattamento rispetto ai consiglieri nazionali tanto più che il Presidente del Consiglio Nazionale di Disciplina Gianni Faustini é un esperto esterno non essendo stato eletto consigliere nazionale.





Ma c'é di più: i colleghi Gerardo Bombonato eletto consigliere nazionale a Bologna, nonché Andrea Garibaldi e Marco Mele eletti consiglieri nazionali a Roma sono stati poi dichiarati ineleggibili dal presidente uscente (e nuove tesoriere) del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti Nicola Marini proprio perchè é emerso da un successivo controllo che non avevano il requisito della posizione previdenziale attiva presso l'INPGI. E vi é anche un ricorso elettorale per rifare a Roma e, forse, a Bologna le elezioni di ballottaggio.





Pertanto a rigor di logica tutti e cinque i nuovi componenti del Consiglio nazionale di Disciplina dovrebbero essere in possesso del requisito della posizione previdenziale attiva presso l'INPGI - Istituto Nazioanle di Previdenza dei Giornalisti Italiani. I tre   consiglieri nazionali Laura Verlicchi, Maria Annunziata Zegarelli e Massimo Duranti sono in regola perché altrimenti sarebbero stati dichiarati ineleggibili.





Per i due restanti esperti esterni si dovrebbe fare ora un'analoga verifica.
Tuttavia, stando ai dati resi noti dall'INPGI in ogni Regione un anno e mezzo fa in occasione delle ultime elezioni dei vertici dell'ente di previdenza, risulta in regola anche la collega Laura Trovelllesi Cesana, iscritta nel Lazio. Viceversa non risultano iscritti nel 2016 all'INPGI 2 sia il collega Gianni Faustini in Trentino-Alto Adige, sia il primo dei non eletti e presidente uscente del Consiglio Nazionale di Disciplina Rino Felappi in Lombardia. Nessuno dei due giornalisti pensionati e quindi titolari di posizione INPGI "passiva" risultava all'inizio del 2016 in possesso del requisito della posizione previdenziale attiva presso l'INPGI (Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani).  
Il neo Presidente del CNOG Carlo Verna dovrebbe quindi verificare ora all'INPGI se le cose siano nel frattempo cambiate. Ma se così non fosse, Gianni Faustini potrebbe decadere dalla carica e non potrebbe essere sostituito dal primo dei non eletti Rino Felappi perché anch'esso non sarebbe in regola. Se Verna lasciasse, invece, tutto invariato, dovrebbe  intervenire per fare chiarezza il ministero della Giustizia, quale Organo vigilante. Come si vede é proprio una bella gatta da pelare...





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com