Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Avrebbero ricevuto milioni di euro dei fondi per l’editoria pur non avendone le credenziali. Per questo la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per cinque persone, tra cui il direttore ed editore del Corriere Laziale, Eraclito Corbi, accusati di concorso in truffa aggravata.


ROMA, 20 settembre 2017.   - Avrebbero ricevuto milioni di euro dei fondi per l’editoria pur non avendone le credenziali. Per questo la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per cinque persone, tra cui il direttore ed editore del Corriere Laziale, Eraclito Corbi, accusati di concorso in truffa aggravata. Secondo il pm Corrado Fasanelli, Corbi tramite "artifizi e raggiri» avrebbe richiesto al dipartimento per l'editoria la «corresponsione di erogazioni pubbliche in nome e per conto della società Edilazio 92, editrice della testata giornalistica Il Corriere Laziale, rivista che ha sfornato negli anni centinaia di tessere per l’albo pubblicisti, per gli anni 2009 e 2010 attestando falsamente l’esistenza dei requisiti richiesti dalla normativa per accedere alla contribuzione in punto di diffusione di copie - è detto nel capo di imputazione - tramite strillonaggio». Gli indagati, inoltre, avrebbero attestato il falso nel prospetto dei costi alla voce «di bilancio 'spese per prestazioni di servizi nella quale figurano anche i costi relativi a 'collaboratori e corrispondenti non dipendentì, spese in realtà non sostenute per il 2009 (oltre 231 mila euro) e per il 2010 (oltre 285 mila euro) poiché i collaboratori e corrispondenti prestavano servizio gratuitamente».  Tutto ciò avrebbe, secondo la Procura, indotto in errore la Presidenza del Consiglio che ha elargito alla società, per le annualità 2009 e 2010, circa tre milioni e mezzo di euro «a titolo di provvidenze non dovute, con rilevante danno patrimoniale». Le indagini hanno avuto impulso anche grazie alla denuncia del presidente dell’ordine dei giornalisti del Lazio, Paola Spadari, rappresentato dall’avvocato Raffaele Nardoianni. (ANSA).





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com